Palestina

«Israele usa le bombe a frammentazione»

Human rights watch
26 luglio 2006
Marco Trotta
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

«Israele sta usando delle bombe a frammentazione», questa la denuncia presentata ieri da Human rights watch (Hrw). L’organizzazione per i diritti umani con sede a New York ha affermato di avere la prove fotografiche di stock di M483A1, proiettili di artiglieria che contengono al loro interno 88 munizioni “cluster” che, nel 14% dei casi, restano inesplose ponendo dei seri rischi per la popolazione civile. Le foto sono state scattate sul confine israelo-libanese dopo che mercoledì scorso una granata a frammentazione aveva ucciso un civile e feriti altri dodici nel villaggio di Bilda, nel Libano meridionale. «Le bombe “cluster” sono inaccettabilmente inaccurate e inaffidabili quando usate in aree popolate da civili», ha detto il direttore di Hrw, Kenneth Roth. Secondo alcune interpretazioni della legislazione internazionale, l’uso delle bombe a frammentazione in aree densamente abitate costituirebbe una violazione della legge umanitaria. Roth che ha chiesto ad Israele «di smettere immediatamente di usare le bombe a frammentazione in Libano».

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)