Palestina

Violenze ed abusi all'ombra della guerra

Presentata una denuncia da B'Tselem. Il conflitto in Libano avrebbe favorito maggiori soprusi contro la popolazione palestinese della Cisgiordania. Sei i casi documentati per i quali si chiede alle autorità israeliane di aprire un'inchiesta.
Francesca Ciarallo
Fonte: B'Tselem
- 28 agosto 2006

Secondo un’indagine di B’Tselem dall’inizio dell’operazione “Summer rain” nella Striscia di Gaza, il 28 giugno 2006, c’e’ stato un sostanziale incremento dei casi di abusi, umiliazioni e violenze da parte dei soldati israeliani e della polizia di frontiera in Cisgiordania. Dalla data di inizio dei bombardamenti sul Libano, 12 luglio 2006, l’aumentare di questo genere di azioni è ancora più evidente.
In un rapporto diffuso lo scorso 23 agosto a Gerusalemme, B’Tselem afferma che le pesanti restrizioni alla libertà di movimento imposte ai palestinesi della Cisgiordania nelle ultime settimane sono la causa diretta dell’intensificarsi delle violenze contro i civili palestinesi. E gli eventi bellici in Libano e nella Striscia di Gaza hanno giocato un ruolo importante, principalmente per due motivi. In primo luogo i soldati israeliani hanno accumulato un gran senso di frustrazione alle notizie delle perdite di civili e militari causate da Hizbollah, frustrazione sfogata con un aumento dell’aggressività contro i palestinesi. In secondo luogo con la disattenzione dell’opinione pubblica internazionale, focalizzata sulla crisi libanese e, anche se in misura molto minore, su Gaza, le forse di sicurezza israeliane hanno probabilmente pensato che nessuno chiedesse loro conto del comportamento violento e degli abusi contro i palestinesi in Cisgiordania.

B’Tselem ha presentato una denuncia chiedendo che la magistratura e i vertici politici e militari intervengano per punire i responsabili di almeno sei casi di violenza documentati nel rapporto, commessi dalle forze di sicurezza in diversi posti di blocco in Cisgiordania. Le azioni descritte in questi casi mostrano un “comportamento crudele, inumano e degradante, proibito dalle leggi internazionali”.

Note: B'Tselem (Centro israeliano d'informazione sui diritti umani nei Territori Occupati Palestinesi) e' una delle piu' conosciute e prestigiose ong israeliane. Fondata nel 1989 il nome in ebraico si traduce con "ad immagine di" la locuzione viene usata come sinonimo di dignita' umana.
http://btselem.org

IL RAPPORTO COMPLETO (in inglese):
http://www.btselem.org/english/Beating_and_Abuse/20060821_Rise_in_security_forces_violence.asp

Articoli correlati

  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • Tortura in Israele
    Pace
    Pubblicato da Zambon Editore, 2017

    Tortura in Israele

    Recensione al rapporto delle associazioni umanitarie B’Tselem e HaMoked
    19 dicembre 2017 - David Lifodi
  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    Disarmo
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • L'umanità del sottosuolo
    Palestina
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)