Palestina

Trasferimenti di armi da parte dell'Unione europea verso Israële. Vi è il rispetto del Codice di condotta per le esportazioni di armi?

Un report del Groupe de Recherche et d'Information sur la Paix et la Sécurité
21 gennaio 2009
Fonte: Groupe de Recherche et d'Information sur la Paix et la Sécurité

Mentre Israele continua la sua offensiva militare nella Striscia di Gaza, la politica "positiva" dell' Europa rimane quella di esportare materiale per la difesa. Israele è un paese che si pone drammaticamente fra i primi posti circa la violazione dei diritti umani e l'uso eccessivo della forza. E' un piccolo paese di 7 milioni di abitanti, tuttavia, tra il 2003 e il 2007 è risultato al sesto posto fra i principali paesi importatori al mondo di armi convenzionali, e nel 2006 è risultato al quinto posto fra i paesi esportatori. Le spese per la difesa nel 2005 erano l'8,5 per cento del Pil, mentre il bilancio del 2007 ha registrato un aumento del 10% a causa della guerra israelo-libanese dell'estate 2006. Se è vero che sulla massa delle esportazioni di armi convenzionali che annualmente fluiscono verso Israele quella degli Stati membri della UE, tra cui il Belgio, è una fonte di approvvigionamento molto minore rispetto agli Stati Uniti, per l'industria della difesa europea, Israele, che fa dell'uso eccessivo della forza la pietra angolare della sua strategia per la risoluzione delle controversie, rappresenta una benedizione. Ma l'esportazione di materiale bellico non mancherà di sollevare problemi etici e giuridici di dimensioni che sono incompatibili con il codice di condotta dell'Unione europea circa le esportazioni di armi.

http://www.grip.org/fr/siteweb/images/NOTES_ANALYSE/2009/NA_2009-01-07_FR_C-PAILHE.pdf

Articoli correlati

  • Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?
    Disarmo

    Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?

    Unione Europea e NATO devono collaborare e convincere i loro stati membri a sviluppare la tecnologia 5G
    4 ottobre 2020 - Rossana De Simone
  • Ursula Hirschmann
    Europace
    Celebrando i 70 anni dell'Unione europea

    Ursula Hirschmann

    Ricordiamo Ursula Hirschmann, madre fondatrice degli Stati Uniti d'Europa. Dovette sfuggire a una doppia persecuzione, in quanto ebrea e antinazista. Insieme ad Altiero Spinelli ha prefigurato una federazione europea dotata di un Parlamento eletto a suffragio universale e di un governo democratico
    14 maggio 2020 - Virginia Mariani
  • Dialoghi con Moni Ovadia
    Pace
    Riflessioni sulle minacce alla pace

    Dialoghi con Moni Ovadia

    Su Israele parla di "politica del totale dispregio per le risoluzioni internazionali e, conseguentemente, per le istituzioni internazionali preposte alla pace". E sulla situazione internazionale dice: "Bisogna che la smettiamo per prima cosa di concedere cittadinanza ai linguaggi dell’odio".
    15 aprile 2020 - Laura Tussi
  • L’indeterminatezza dell’industria militare italiana fra politica estera e di difesa
    Disarmo
    Presenza di armi nucleari americane in Europa

    L’indeterminatezza dell’industria militare italiana fra politica estera e di difesa

    Leonardo sigla un accordo con sei università per lo sviluppo di competenze e tecnologie legate all'intelligenza artificiale applicata ai droni
    28 gennaio 2020 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)