Palestina

Libertà di stampa

Le nuove 'frontiere' del giornalismo: il caso Malsin

Il caporedattore americano di una nota agenzia di stampa palestinese è stato espulso da Israele.
La sua storia è quella di decine di cooperanti e giornalisti che lavorano nei Territori Palestinesi.
L.C.
Fonte: Alternative Information Center (http://www.alternativenews.org)
Redattore Sociale (http://www.redattoresociale.it/) - 26 gennaio 2010

Jared Malsin, 26 anni, caporedattore del desk inglese di Ma'an News, recentemente espulso da Israele

Otto giorni in una stanza senza finestre e senza la possibilità di comunicare con l'esterno. Otto giorni in stato di fermo nell'aeroporto di Tel Aviv. È quanto è accaduto a Jared Malsin, caporedattore di origine ebraica di una delle principali agenzie di stampa palestinesi, la Ma'an, espulso mercoledì da Israele con l'accusa di costituire "una minaccia per la sicurezza del paese".

A dare la notizia è stato uno dei suoi colleghi, George Hale: "Mi ha detto che era su una jeep militare e lo stavano portando a bordo di un aereo, ma era molto confuso e non sapeva dove stesse andando". I colleghi e il legale di Malsin temono che il giovane cronista statunitense sia stato forzato, dopo otto giorni di detenzione, a firmare il documento di espulsione.

Così il ventiseienne originario del New Hampshire è tornato negli Stati Uniti dopo essersi opposto per oltre una settimana al procedimento delle autorità israeliana. Le accuse mosse nei suoi confronti, secondo quanto si legge nella trascrizione dell'interrogatorio avvenuto all'aeroporto di Tel Aviv lo scorso 12 gennaio, sono di "aver mentito alle forze di sicurezza, non aver collaborato con le autorità e aver violato i termini dei precedenti visti".

La vicenda del suo arresto ha scatenato un acceso dibattito sia sulla stampa internazionale che in ambito politico. Associazioni internazionali e locali come il "Comitato per la protezione dei giornalisti" (Cpj) e "Reporter senza frontiere" hanno immediatamente espresso solidarietà nei confronti di Malsin, chiedendo a Israele "garanzie per i cronisti internazionali che lavorano in quella regione".

Malsin, che lavorava a Betlemme dal 2007, non ha mai ottenuto un visto di lavoro regolare perché la sua testata, vicina alle posizioni del presidente dell'Autorità Palestinese Abu Mazen, non è tra quelle ufficialmente riconosciute dal governo israeliano.

Da anni, in mancanza di una normativa chiara, operatori umanitari stranieri che lavorano o svolgono attività di volontariato in Cisgiordania, entrano in Israele con il visto turistico di tre mesi. In questi giorni sulla stampa israeliana si è aperta un'ampia discussione sulle recenti disposizioni del Ministero degli Interni per la concessione di visti agli operatori umanitari e agli impiegati stranieri che lavorano per le principali organizzazioni non governative internazionali presenti nei Territori palestinesi, compresa Gerusalemme Est.

Oltre che ai cooperanti, il governo israeliano sta rifiutando i permessi di lavoro anche ai docenti o agli uomini d'affari stranieri che vogliono recarsi nei Territori.

Un ulteriore giro di vite sugli ingressi nel Paese è quello proposto la settimana scorsa dall'Ufficio stampa del Governo israeliano che, attraverso le colonne del Jerusalem Post, ha suggerito  l'introduzione di un visto giornalistico per i reporter stranieri da concedere solo a coloro che possono dimostrare di essere accreditati presso una testata internazionale.

 

 

Articoli correlati

  • E poi in tv cantano "Sogna ragazzo, sogna"
    Pace
    Le cariche di polizia a Pisa e Firenze contro chi manifesta contro la guerra

    E poi in tv cantano "Sogna ragazzo, sogna"

    Se questo è il trattamento riservato ai nostri ragazzi, alla meglio gioventù che, nonostante tutto, ha conservato uno spirito critico e non spende tutto il suo tempo su tik tok, beh allora non abbiamo più un futuro, perlomeno non un futuro degno.
    24 febbraio 2024 - Anna Ferruzzo
  • La risposta italiana all'aumento delle missioni e spese militari: presente!
    Disarmo
    Dal modello “pace - crisi - conflitto” a “competizione - crisi - conflitto”

    La risposta italiana all'aumento delle missioni e spese militari: presente!

    Il governo di centrodestra a trazione Fratelli d'Italia è un governo dell'Italia con la schiena dritta, che va a testa alta, con le scarpe piene di fango e le mani pulite. Porteremo l'Italia sul primo gradino del podio
    22 febbraio 2024 - Rossana De Simone
  • «Occorre chiamare le cose col loro nome»
    Pace
    L’intervista al ministro degli Affari esteri palestinese

    «Occorre chiamare le cose col loro nome»

    Come fermare la guerra? Il ministro Riyad al-Maliki ripone le sue speranze nella comunità internazionale e resta fedele alla soluzione dei due Stati
    20 febbraio 2024 - Daniel Bax e Lisa Schneider
  • Israeliani contestano il governo Netanyahu
    Conflitti
    Manifestazioni ieri disperse da poliziotti a cavallo, scontri a Tel Aviv con i parenti degli ostaggi

    Israeliani contestano il governo Netanyahu

    "Non formeremo un governo di razzisti, non formeremo un governo di criminali", cantavano i manifestanti. "Chi divide non unirà, chi distrugge non costruirà", ha dichiarato Yonatan Shamriz, il cui fratello Alon, ostaggio a Gaza, è stato ucciso dai soldati israeliani.
    28 gennaio 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)