Palestina

Non esistere per resistere. La scuola di copertoni dei beduini di al Khan al Ahmar

In questi giorni il piccolo paese in cui vivono accampati circa 200 beduini è in festa: il 1° febbraio sono infatti terminati i lavori per la costruzione della prima scuola per i 70 bambini del villaggio, realizzata dall'associazione italiana "Vento di terra"
18 febbraio 2010
L.C. e M.C.R.

Le buone idee corrono sulle strade del mondo senza chiedere permesso. È cosi anche nel campo profughi dei beduini Jahalin nel villaggio di Al Khan al Ahmar, sulla strada che congiunge Gerusalemme e Gerico, territorio in cui sorgono le colonie israeliane di Mishor Adumim e Kfar Adumim. In questi giorni il piccolo paese in cui vivono accampati circa 200 beduini è in festa: il 1° febbraio sono infatti terminati i lavori per la costruzione della prima scuola per i 70 bambini del villaggio. Nelle pareti delle due classi elementari s'intravede il colore nero dei copertoni di auto. La ragione è semplice: il villaggio si trova in area C, zona dei Territori occupati palestinesi che – secondo gli accordi di Oslo –  rientra sotto pieno controllo israeliano e in cui è proibita la costruzione senza l'autorizzazione d'Israele. Ad essere concesse sono unicamente “collocazioni provvisorie”. Come costruire allora una scuola che aggirasse il divieto israeliano?

 

I bambini della scuola di al Khan al Ahmar L'associazione di Milano Vento di terra, in collaborazione con la Cooperazione italiana, ha scelto una formula eco-sostenibile e semplice: realizzare un edificio con copertoni di auto e argilla. “La scuola dei copertoni è un modello di ciò che si può realizzare con materiali riciclati. Pensiamo di proporre progetti simili anche nella Striscia di Gaza”, spiega Massimo Rossi, presidente della ong. Mohammed abu Suleiman, presidente del Comitato cooperativo beduino di Gerusalemme, racconta che “i nostri bambini sono molto contenti: prima non potevano andare a scuola a Gerico perché non c'era nessun autobus che li accompagnasse. Adesso in cinque minuti sono a  scuola”. Ai piedi del villaggio dei beduini Jahalin si snoda la superstrada che congiunge Gerusalemme e Gerico: in passato quattro bambini sono stati investiti e uccisi in questo tratto di autostrada.

 

Nonostante il completamento dei lavori, il futuro della scuola resta incerto: alcuni coloni degli insediamenti vicini hanno denunciato i costruttori del progetto e la prossima udienza è fissata per il 22 febbraio. Inoltre i lavori dell'impresa israeliana Maat per l'ampliamento dell'autostrada stanno penetrando la collina dove sorge il villaggio e minacciano di cancellare le tende della comunità Jahalin, originaria del Negev e già costretta al trasferimento forzato nel 1948, nel 1967 e nel 1997. Le porte della scuola restano però aperte. E il sogno di Nidaa Katib, insegnante d'inglese, è che “la scuola diventi più grande, i bambini possano studiare e imparare e un giorno diventino insegnanti. Come me”.

 


 

Per vedere il video in italiano, clicca qui

 

Articoli correlati

  • L’attivismo per la Palestina
    Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • La via insanguinata dell’oro, dell'argento e dei diamanti
    Editoriale
    Se cominciassimo ad avere maggiore informazione, coscienza e cultura

    La via insanguinata dell’oro, dell'argento e dei diamanti

    Dietro fedi nuziali, regali di nozze, cresime e battesimi, dietro l’oro, l’argento o i diamanti che regaliamo, c’è spesso un bambino sfruttato che lavora nelle miniere dell’Africa, dell’Asia e del Sud-America.
    10 maggio 2020 - Dale Zaccaria
  • Dialoghi con Moni Ovadia
    Pace
    Riflessioni sulle minacce alla pace

    Dialoghi con Moni Ovadia

    Su Israele parla di "politica del totale dispregio per le risoluzioni internazionali e, conseguentemente, per le istituzioni internazionali preposte alla pace". E sulla situazione internazionale dice: "Bisogna che la smettiamo per prima cosa di concedere cittadinanza ai linguaggi dell’odio".
    15 aprile 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)