Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

«Il leader di Hamas ucciso stava trattando la pace»

Andrea Avveduto, giornalista italiano a Gerusalemme presso il Franciscan Media Center, racconta a Vita.it la situazione nella Striscia di Gaza
18 novembre 2012 - Lorenzo Maria Alvaro
Fonte: Vita.it - 18 novembre 2012

Lorenzo Maria Alvaro (Vita.it)

16 novembre 2012, da Gerusalemme

Bombe a Gaza 16.11.2012 (Google)

 Dopo il raid che ha portato all’assassinio di Al Jaabari, capo delle operazioni militari di Hamas la situazione sta montando. Morti civili si contano da una parte e dall’altra e Israele sta meditando l’intervento via terra. Andrea Avveduto, giornalista italiano a Gerusalemme presso il Franciscan Media Center, spiega a Vita.it la situazione sulla Striscia di Gaza.

Qual è il motivo dell'attacco?
Il motivo dell'attacco è sempre molto poco chiaro. Perchè a Gaza, sui confini tra la striscia e Israele, ci sono sempre provocazioni. È abitudine. Hamas spara Israele risponde. Israele spara e Hamas risponde. In questo caso l'escalation è data dal fatto che il raid ha ucciso il capo delle operazioni militari di Hamas. La cosa peggiore è che la vittima stava trattando la pace con Israele. Un errore colossale.
 
Hamas non si è fatta pregare e ha risposto...
Ha subito ucciso tre civili a Beer Scheva, cittadina vicino alla Striscia. Il fatto nuovo è che hanno usato un missile procuratogli dall'Iran
 
E questo cosa significa?
Che oggi Hamas ha il potenziale per colpire Tel Aviv. Una cosa fino a ieri impensabile. Una minaccia diretta e reale. Era dal '91 che non succedeva, dalla Guerra del Golfo. Da allora si era creata una linea rossa dove c'era anche Tel Aviv, inattaccabile se non con attentati suicidi.  
 
Andrea Avveduto, giornalista a Gerusalemme

 Quali le prossime mosse di Israele?
Pensano all'intervento di terra. Proprio perchè si sono accorti che il potenziale di fuoco palestinese è cresciuto. Sarebbe una tragedia. L'ultima volta che gli israeliani sono entrati a Gaza, nella prima operazione Piombo Fuso, sono morti mille palestinesi. In quelle operazioni Israele ha perso “solo” 16 uomini.
 
Ma allora perchè Hamas continua a provocare sapendo di rischiare l'aggressione?
Perchè cerca di fare leva sul mondo arabo. Spera nel loro intervento.
 
C'è la possibilità che questo aiuto arrivi?
Non oggi e a queste condizioni. Per ora non ci sono le condizioni. Ma non si può dire nulla di certo. È una situazione talmente complessa che anche noi che siamo qui non riusciamo a capire fino in fondo.
   

Note:

Per saperne di più

Nella Striscia di Gaza ci sono già decine di vittime e centinaia di feriti, scarseggiano medicine negli ospedali e altri beni essenziali http://it.ibtimes.com/articles/38480/20121116/escalation-militare-gaza-14-novembre-pillar-of-defence-al-jabari.htm

http://www.repubblica.it/esteri/2012/11/18/news/diretta_gaza_israele_18_novembre-46888380/

Israele sta mettendo a punto l’offensiva di terra (17 novembre 2012) http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/8882/

Un punto di vista sulle mosse di Egitto e Usa (17 novembre 2012) http://ugotramballi.blog.ilsole24ore.com/slow-news/2012/11/israele-quando-non-basta-la-forza-militare.html

Giovanissimi chiamati alle armi (28 ottobre 2012)
http://frontierenews.it/2012/10/non-lascero-la-musica-per-imbracciare-il-fucile-contro-i-miei-fratelli-arabi/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)