Processo Ilva

Processo ILVA, quinto giorno di requisitoria del PM Mariano Buccoliero

"La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”

“La diossina degli elettrofiltri” del siderurgico di Taranto “la ritrova all’esterno in ogni matrice analizzata”. Per il processo 'Ambiente Svenduto' l'accusa è quella di "disastro ambientale" ed è mossa contro l’Ilva gestita dai Riva. I fatti contestati partono dal 1995 per arrivare al 2012.
9 febbraio 2021
Fonte: Agenzia stampa AGI

Processo ILVA a Taranto

Pubblicato: 09/02/2021 12:30
(AGI) - Taranto, 9 feb. - "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”. E' un passaggio dell'intervento del pm di Taranto, Mariano Buccoliero, nel quinto giorno della requisitoria in Corte d’Assise per il processo 'Ambiente Svenduto' relativo al disastro ambientale dell’Ilva gestita dai Riva.

“Da dove veniva la diossina in quelle quantità impressionanti che ha determinato l’abbattimento di migliaia di capi che nel mondo, come quello avvenuto a Taranto, non c’è mai stato?”, è stato l'interrogativo del pm Mariano al processo con 47 imputati. Alla domanda, la risposta del pm, che scava nelle diverse perizie e consulenze depositate, la prima delle quali consegnate alla Procura di Taranto è del 2009, è che “la diossina degli elettrofiltri” del siderurgico di Taranto “la ritrova all’esterno in ogni matrice analizzata”. 

Emerge, ha detto il pm, un quadro che vede “campioni che superavano di molto la soglia di contaminazione per i terreni ad uso industriale. La tossicità attribuita al PCB - ha detto il pm a proposito di un altro grave inquinante - era significativa, l’origine di diossine e furani era ricollegabile all’agglomerato 2. La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”. 

Si sono poi fatti, nelle consulenze di parte, paragoni tra Ilva e inceneritori a proposito delle diossine, ma non è per niente la stessa cosa, secondo l’accusa. È come paragonare, dice il pm, “gli oceani con le pozzanghere”. 

Articoli correlati

  • Processo ILVA: la Provincia di Taranto ha chiesto 15 miliardi di euro di risarcimento
    Processo Ilva
    "Gravissimo pericolo per la salute pubblica nella popolazione jonica in generale"

    Processo ILVA: la Provincia di Taranto ha chiesto 15 miliardi di euro di risarcimento

    Per il legale dell'ente, dalla lunga istruttoria “è emersa senza ombra di dubbio la sciagurata gestione dello stabilimento Ilva di Taranto che per anni, nella piena consapevolezza dei suoi amministratori e dirigenti, ha riversato nell’aria/ambiente sostanze nocive per la salute umana".
    24 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Processo Ilva: Legambiente si associa a richieste pm nel processo
    Processo Ilva
    "I mancati investimenti ambientali hanno comportato un vantaggio patrimoniale ingentissimo"

    Processo Ilva: Legambiente si associa a richieste pm nel processo

    L'associazione per la prima Autorizzazione integrata ambientale del 2011 e poi ancora nella primavera del 2012, indicò 26 punti irrinunciabili. “Le principali misure indicate allora da Legambiente ancora in larga parte non sono state attuate", hanno sostenuto gli avvocati dell’associazione
    AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Processo Ilva: Confagricoltura chiede danni per 10 milioni di euro
    Processo Ilva
    "Il danno ambientale ha leso il diritto alla salute, alla proprietà ed all'iniziativa economica"

    Processo Ilva: Confagricoltura chiede danni per 10 milioni di euro

    Associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale, avvelenamento di sostanze alimentari (a causa della contaminazione della diossina Ilva) e omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro: questi i principali capi di imputazione nel processo.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • L’attività degli imputati avrebbe gravemente leso la salute dei cittadini di Taranto
    Processo Ilva
    Processo ILVA

    L’attività degli imputati avrebbe gravemente leso la salute dei cittadini di Taranto

    Oltre ad associarsi alle richieste di condanna penale già formulate dal Pubblico Ministero, la ASL di Taranto, per il tramite del proprio difensore, ha chiesto la condanna al risarcimento dei danni subiti in conseguenza dei fatti oggetto di imputazione.
    23 febbraio 2021
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)