Processo Ilva

Processo Ilva alle battute finali

L'ex direttore generale Arpa Puglia rinuncia alla prescrizione

A favore di Assennato interviene Alessandro Marescotti, portavoce dell’associazione ambientalista Peacelink. “L’ex direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, in aula ha espresso la volontà di rinunciare alla prescrizione. E' un gesto che ho apprezzato”, dichiara Marescotti.
19 maggio 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

ILVA Ex Ilva: battute finali 

Pubblicato: 19/05/2021 15:51 

(AGI) - Taranto, 19 mag. Nelle udienze finali, l’ex direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, per il quale il pm ha chiesto la condanna ad un anno, ha rinunciato alla prescrizione che potrebbe scattare a giorni visto che il reato di cui è imputato (favoreggiamento verso l’ex governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola) è bilico sotto il profilo temporale. Assennato ha detto in aula che non esiste alcun riscontro fattuale del suo presunto “ammorbidimento” verso l’Ilva dei Riva. Oggi a favore di Assennato interviene Alessandro Marescotti, portavoce dell’associazione ambientalista Peacelink, una delle tanti parti civili del processo.  “L’ex direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, ha reso dichiarazioni spontanee alla Corte d’Assise di Taranto in sede di conclusione del processo “Ambiente Svenduto” e in aula ha espresso la volontà di rinunciare alla prescrizione. E' un gesto che ho apprezzato”, dichiara  Marescotti.
    Per Peacelink, “il professor Assennato ha escluso categoricamente di aver ammorbidito la sua posizione nei confronti di Vendola che è accusato di aver esercitato indebite pressioni su di lui nella vicenda del benzoapirene cancerogeno della cokeria Ilva. Tale pericoloso inquinante - rileva Peacelink - nel 2010 aveva superato il limite di legge nel quartiere Tamburi, proseguendo il trend fuorilegge dell'anno precedente”. Marescotti ha detto che “a nome di PeaceLink, all'Arpa Puglia chiedevo svariati dati e li riuscivo a ottenere da Assennato in 24 ore. Non in 30 giorni, come a volte accade con le amministrazioni. La mia stima verso Giorgio Assennato - dice Marescotti - derivava da quei comportamenti privi di formalismi e da quel costante flusso di informazioni che ci ha consentito di conoscere la verità”. “In pochi anni - prosegue il portavoce di Peacelink - abbiamo fatto un lavoro enorme di denuncia che in buona parte è frutto dei dati che Giorgio Assennato ci rendeva disponibili con poche formalità e senza mai negarsi per una telefonata di chiarimento”. “Quindi capisco la sua scelta di rinunciare alla prescrizione e sono convinto - ha concluso Marescotti x che questo suo approccio aperto e disponibile nei nostri confronti sia stato scomodo sia per l'Ilva che per il potere politico”. (AGI)  
TA1/FLO

Note: Assennato: "La Regione Puglia allora scelse di non seguire le nostre indicazioni contro l'Ilva"
https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/05/19/taranto-lultima-accusa-del-capo-dellagenzia-ambientale-alla-regione-di-vendola-scelse-di-non-seguire-le-nostre-indicazioni-contro-lilva/6202879/

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)