Il caso Fera e l'informazione italiana.

Le ragioni che spiegano la richiesta di destituzione del magistrato di Ragusa
12 ottobre 2005
Carlo Ruta
Fonte: http://www.leinchieste.com - 11 ottobre 2005

Il caso del procuratore di Ragusa Agostino Fera, dopo la presa di posizione dell’ex ministro della Giustizia Oliviero Diliberto, finalmente viene rilevato in tutta la sua gravità da numerose parti, fino ad assumere, per certi aspetti, rilievo nazionale. E’ tuttavia opportuno fare delle precisazioni riguardo ai modi in cui si stanno occupando della vicenda alcune testate del paese, a partire da “Il Tempo” e, maggiormente, da Il “Corriere della Sera” che lunedì 11 ottobre ha titolato in prima pagina Diliberto contro il procuratore: è nei Lions, lasci.

L’appartenenza del Fera al Lions è sicuramente un dato sintomatico, e come tale è stato presentato nell’interrogazione dell’ex ministro di grazia e Giustizia. E lo è, se non altro, per il ruolo che associazioni simili, pur trasparenti sul piano costitutivo, possono assumere in aree a rischio del paese, dove anche i “bar dello sport”, di certo non equivochi in sé, possono dare occasione per tramare o discutere di affari.

Il Caso Fera non può ridursi tuttavia a un problema di affiliazione a un club potente ed esclusivo. Le censure vanno molto più in profondità. E di tali aspetti poco o nulla è stato finora rilevato dalla stampa nazionale. L’atto d’accusa dell’ex ministro Diliberto, che riprende in toto la campagna civile condotta dal giornale on-line AccadeinSicilia e, dopo l’oscuramento di questo, da www.leinchieste.com, è incardinato su precisi elementi, da tempo motivi di discussione, a partire dalle condotte vistosamente anomale del Fera nell’istruttoria sul delitto del costruttore Angelo Tumino, diretto antecedente dell’omicidio del giornalista de “L’Unità” Giovanni Spampinato, avvenuto nel 1972, in un contesto di trame, a opera del figlio del presidente del tribunale della città. E non si tratta di passato remoto. Come si legge nell’atto parlamentare, esistono oggi gli elementi perché il duplice caso possa essere riaperto in sede giudiziaria, ma la permanenza del Fera a capo della Procura non può non costituire in tal senso un serissimo problema. Altro passaggio essenziale dell’interrogazione riguarda l’oscuramento arbitrario del diario on-line AccadeinSicilia, attuato, a dispetto degli appelli di numerose sedi dell’Italia civile, da un gip del tribunale ragusano dietro istanza di un avvocato amico e patrocinatore del Fera, Carmelo Di Paola, anche lui, guarda caso, associato al Lions Club. Significativo è infine è il passaggio delle omissioni e delle archiviazioni anomale che vengono addebitate alla Procura di Fera. Si tratta in definitiva di fatti pesanti, di condotte gravissime che ben giustificano la richiesta di destituzione dell’alto magistrato di Ragusa, espressa da anni da istanze della società civile, di cui adesso si fa portavoce, in sede parlamentare, il segretario nazionale del PdCI.



www.leinchieste.com
0932.798625
347-4862409

Articoli correlati

  • Ecoreati: non fermate i processi!
    Ecologia
    Firma la petizione al Governo e al Parlamento

    Ecoreati: non fermate i processi!

    Vogliamo raccogliere le voci di cittadini e associazioni per chiedere una modifica della legge che salvi i grandi processi per disastro ambientale e per altri gravi ecoreati. Il rischio della riforma Cartabia è quello di vanificare l'impegno dei magistrati nella lotta agli ecoreati.
    30 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino
    Sociale
    Riforma della giustizia

    Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino

    Siamo purtroppo alle Termopili, è una battaglia disperata ma le battaglie, se giuste, se sacrosante, vanno in ogni caso combattute ed è quello che faremo, chiamando a raccolta la Società Civile, fino alla fine.
    30 luglio 2021 - Salvatore Borsellino
  • Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica
    Editoriale
    Appello alla società civile

    Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica

    PeaceLink si associa al grido di allarme che proviene dal mondo della magistratura ed esprime forti timori rispetto alla riforma della giustizia. Se non siete d'accordo sulla riforma della giustizia condividete questo testo
    23 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)