Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra federalismo e nazionalismo (2a puntata)
    Il M5S e l'Europa

    Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra federalismo e nazionalismo (2a puntata)

    La redazione Europace di Peacelink sta seguendo da diverso tempo l'evoluzione del pensiero pentastellato sull'Europa. Dal referendum sull'Euro all'intervista a Nigel Farage. In questo articolo intervistiamo Antonio Longo, direzione nazionale del Movimento Federalista Europeo, sulla recente scelta di partecipare alle elezioni europee.
    20 ottobre 2013 - Nicola Vallinoto
  • Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra nazionalismo e federalismo

    Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra nazionalismo e federalismo

    PeaceLink intervista Michele Ballerin, militante eurofederalista e saggista, che ha recentemente pubblicato l’e-book 'Gli Stati Uniti d’Europa spiegati a tutti'. Si tratta di una reazione alla video intervista a Nigel Farage, leader dell’UK Indipendence Party e co-presidente dell’ELD (gruppo europeo della libertà e della democrazia), pubblicata sul blog di Beppe Grillo.
    8 agosto 2013 - Nicola Vallinoto
  • Non volevamo votare Beppe Grillo
    Volevamo parlare di democrazia, di rappresentatività e di partecipazione.

    Non volevamo votare Beppe Grillo

    Si è cercato solo di usare la spontaneità e l’immagine pulita di chi la politica la fa ogni giorno, senza scorte o auto blu, senza stipendi indecenti, ma dividendosi le spese per pagare il locale dove ci si incontra.
    30 dicembre 2012 - Ernesto Celestini
  • IL Calendario dell'Università di Basilicata
    L'eni e l'università realizzano un calendario

    IL Calendario dell'Università di Basilicata

    Un caso di comunicazione neutra efficace. Con il nuovo anno, si sa, sono di moda i calendari. Tra oroscopi e modelle, veline e calendari di solidarietà ce n’è per tutti i gusti.
    29 gennaio 2008 - NO SCORIE TRISAIA
Un calendario che fa riflettere.

Il calendario dei "santi laici"

Da un'iniziativa di Beppe Grillo, un invito a riflettere sulle tante vittime che spesso non si ricordano.
11 gennaio 2007 - Alessia Mendozzi

Come ogni anno, uno degli appuntamenti più attesi è quello del calendario. Ci si chiede, puntualmente, chi saranno le protagoniste e i protagonisti delle pagine che resteranno appese sui nostri muri per i prossimi 365 giorni del nuovo anno. Fenomeno di costume, semplice gossip, fatto sta che se ne parla e riparla fino alla nausea. Per non parlare della qualità, del gusto artistico! Cose che, il più delle volte, lasciano spazio ad immagini di tutto un altro genere.

Io quest’anno, sinceramente, cercavo un calendario. L’anno scorso mi ha fatto simpaticamente compagnia quello del Volley Bergamo, che vedeva protagoniste le giocatrici di questa squadra di pallavolo nella versione “giochi da bambini” e i cui proventi andavano all’associazione “Amici della pediatria” di Bergamo. Ma quest’anno avevo deciso di cambiare, di cercare un altro progetto simile o magari qualcosa sull’arte.
Mentre ero là a pensare a cosa mi sarebbe piaciuto trovare appeso in camera mia, mi imbatto sul blog di Beppe Grillo e lì la mia attenzione è stata catturata dal calendario che viene presentato nel blog stesso. la copertina del calendario

Si tratta di un calendario particolare. Nessuna foto, nessun colore a parte il bianco e nero, nessuna immagine attraente o seducente. Nulla di tutto questo.
Sono le parole della prima pagina a colpirmi. E' una citazione di Giovanni Falcone: “perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell’esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell’amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere”.
Incuriosita, decido di guardare le pagine che lo compongono. Il calendario è dedicato alle vittime della mafia, del terrorismo e delle ingiustizie avvenute nel nostro Paese. Eroi che spesso passano inosservati o sono dimenticati, persone comuni che hanno lottato contro soprusi e violenze. Sono coloro che vengono definiti “santi laici”, coloro che hanno dato la vita per proteggere i diritti, la libertà di stampa e lo Stato.
Questo calendario, che si può scaricare e stampare liberamente, vuole ricordarli e anche ringraziarli, sperando che il loro sacrificio non resti nell’ombra e non continui a risultare, il più delle volte, vano.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)