Altre cinque morti sul lavoro

Oggi a Molfetta, domani?

A leggere le dichiarazioni di intenti della politica italiana si rimane commossi. Se si guarda la realtà dei fatti si rimane - invece - senza parole.

Tutti, imprenditori, politici, sanno cosa sta accadendo ogni giorno nei cantieri italiani.

Vero anche che - in tempo di campagna elettorale - ogni politico sarebbe capace di vendere la mamma per un pugno di voti in più.

Non so perché: ma tutto questo non mi consola. Soprattutto: non mi dà risposte.

parole, parole, parole...

Articoli correlati

  • È ora della flessibilità radicale
    Sociale
    La settimana lavorativa di quattro giorni

    È ora della flessibilità radicale

    Sono in molti a sognare la settimana lavorativa di quattro giorni, lo dimostrano le reazioni alla falsa notizia che arriva dalla Finlandia. Per cominciare sarebbero già d’aiuto orari di lavoro meno rigidi
    13 gennaio 2020 - Carla Baum
  • Critical Mass attaccata dalla polizia
    Consumo Critico
    Commento di Giulietta Pagliaccio, presidente di FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta

    Critical Mass attaccata dalla polizia

    A Torino una manifestazione pacifica per la mobilità sostenibile viene attaccata dalla polizia
    24 marzo 2019 - Linda Maggiori
  • (AUDIO) Il Nicaragua punta sul dialogo con l'ombra pesante dei morti
    Latina

    (AUDIO) Il Nicaragua punta sul dialogo con l'ombra pesante dei morti

    Silenzio delle istituzioni sui tragici fatti della scorsa settimana
    26 aprile 2018 - Giorgio Trucchi
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
Licenza: Pubblico Dominio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)