Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Ebola: un nuovo studio fornisce risultati preoccupanti.

    Il virus ebola sopravvive per nove mesi nello sperma

    Insidioso, il virus ebola può nascondersi nei testicoli, un luogo che è protetto anche dal sistema immunitario del corpo. Da lì, il virus arriva allo sperma. Unica protezione: i preservativi.
    13 novembre 2015 - Traduzione di Barbara Pozzi
    Fonte: Redazione Die Welt, "Ebola-Virus überlebt neun Monate lang im Sperma" - 18 ottobre 2015

    Dr. Craig Spencer, who was diagnosed with Ebola in New York City last month, greets some of the nurses who helped him to recovery at a news conference at New York's Bellevue Hospital after being declared free of the disease in New York City, on Nov. 11, 2014.

    Nella lotta contro l’ebola i medici si trovano ad affrontare una nuova sfida: Secondo uno studio pubblicato sul "New England Journal of Medicine" il virus può sopravvivere nel seme maschile fino a nove mesi.

    Dall'inchiesta è emerso che i sopravvissuti dovrebbero essere sottoposti a cure mediche ancora da sei a dodici mesi dopo la malattia per avere la certezza di non contagiare i propri partner, ha detto il responsabile dell 'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per la lotta contro l'ebola, Bruce Aylward.

    "Questi risultati arrivano in un momento cruciale", ha detto Aylward. "Essi ci ricordano che anche se i casi di ebola diminuiscono, i sopravvissuti e le loro famiglie continuano a dover lottare contro gli effetti della malattia."

    Nel mese di marzo i ricercatori avevano descritto il caso di una donna liberiana che si era infettata attraverso rapporti sessuali con un superstite all’ebola. L'uomo era risultato positivo al test per l'ebola sei mesi prima. Fino ad allora, la sopravvivenza nota più lunga del virus ebola nello sperma era stata di 82 giorni.

    Allo studio pubblicato ora, hanno preso parte 93 uomini della Sierra Leone, che fu colpita pesantemente dall'epidemia di ebola, iniziata alla fine del 2013, accanto agli Stati limitrofi Guinea e Liberia, con circa 11.300 decessi. I partecipanti allo studio sono stati testati tra due e dieci mesi dopo la malattia.

    Gli uomini che sono stati testati nei primi tre mesi della loro malattia, avevano, senza eccezioni, ancora il virus ebola nello sperma. Degli uomini che sono stati testati fino a quattro-sei mesi dopo la diagnosi, il 65 per cento è risultato positivo. E ancora il 26 per cento degli uomini che sono stati testati tra i sette e i nove mesi dopo la malattia, aveva ancora il virus nello sperma.

    Daniel Bausch, Virologo presso l’ OMS a Ginevra, ha detto che in determinate parti dell’organismo il virus sopravvive più a lungo dopo la guarigione, poiché il sistema immunitario ha bisogno di più tempo “per ripulire queste parti”. Tra queste, i testicoli, il cervello, il midollo spinale e il bulbo oculare.

    Ilhem Messaoudi dell' Università della California di Riverside ha detto che anche se il virus non è nel sangue, esso potrebbe nascondersi in queste parti. "Abbiamo bisogno di saperlo, perché questa è la base per eventuali nuovi focolai."

    I ricercatori non hanno potuto ancora stabilire che cosa significa veramente un risultato positivo. Si può giungere ancora all'infezione, o si tratta solo di frammenti del virus?

    Secondo il direttore generale dell'OMS Margaret Chan questo grado di incertezza è preoccupante. Pertanto si dovrebbero prendere precauzioni e si invitano i contagiati a usare una contraccezione sicura. Gli uomini che sono sopravvissuti alla malattia sono già esortati a usare il preservativo.

    Lo studio è stato intrapreso congiuntamente dal Ministero della Sanità della Sierra Leone, l' OMSe dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

    Quanto insidioso sia il virus ebola, lo sta mostrando un caso nel Regno Unito. Nove mesi dopo la sua presunta guarigione da ebola, una donna scozzese viene trattata di nuovo a causa del virus mortale. Come comunica il Royal Free Hospital di Londra, l'infermiera Pauline Cafferkey è in pericolo di vita.

    La trentanovenne viene trattata in isolamento "a causa di ebola". In un primo momento era stato affermato che la paziente soffriva di una "complicazione tardiva inusuale" della malattia. Si era infettata alla fine dello scorso anno durante un'operazione di soccorso in Sierra Leone.

    La malattia ebola era stata allora scoperta solo dopo il ritorno in Europa della scozzese. Alla fine di gennaio il Royal Free Hospital, specializzato nel trattamento dei virus, aveva dimesso la donna come guarita.

    La settimana scorsa le sue condizioni sono peggiorate. Sui suoi sintomi la clinica di Londra non si è espressa. Attualmente, le quasi 60 persone con le quali la donna aveva stretto contatto, vengono regolarmente esaminate dai medici.

    Il virologo Ben Neuman dell' Università di Reading suppone che il virus ebola potrebbe essersi "riattivato" nella Cafferkey. Il caso è un territorio inesplorato; nel caso di Neuman, potrebbe darsi che il virus si sia ritirato in un punto del corpo in cui il sistema immunitario non lo può danneggiare, "e che noi vediamo proprio in fondo un sistema immunitario frustrato che reagisce in modo eccessivo e, soprattutto, danneggia alcuni degli altri organi".

    In primavera il virus ebola si era riattivato anche in un medico negli Stati Uniti, che era stato considerato guarito. Era tornato in ospedale due mesi dopo le sue dimissioni e soffriva di disturbi della vista, dolore intenso e rapido aumento della pressione nell'occhio sinistro, come ha riportato tra l'altro il "New York Times". Il virus si era quindi ritirato nel suo occhio.

    Questi casi non sorprendono il medico di Marburg Hans-Dieter Klenk, esperto della Società di Virologia. "Si è già più volte osservato che il virus può rimanere nel liquido seminale e nel fluido oculare per diversi mesi."

    Il patogeno può sopravvivere in alcune nicchie del corpo e proliferare in seguito. Tuttavia, questo riguarda solo una parte dei pazienti. "Quante volte ciò si verifica, è difficile dirlo al momento. Tuttavia il caso dimostra che questo fenomeno non è molto raro ", dice Klenk. Pertanto gli ex pazienti devono rimanere sotto osservazione.

    I primi casi di epidemia di ebola più gravi finora nella storia sono stati registrate nel marzo 2014 nell'Africa occidentale. Nei paesi più colpiti – Sierra Leone, Guinea e Liberia – si sono infettati, secondo i conteggi ufficiali, quasi 28.500 persone. Sono stati registrati circa 11.300 morti. Il numero effettivo delle vittime di ebola è probabilmente molto maggiore secondo l'OMS.

     

    Nella lotta contro l’ebola i medici si trovano ad affrontare una nuova sfida: Secondo uno studio pubblicato sul "New England Journal of Medicine" il virus può sopravvivere nel seme maschile fino a nove mesi.

    Dall'inchiesta è emerso che i sopravvissuti dovrebbero essere sottoposti a cure mediche ancora da sei a dodici mesi dopo la malattia per avere la certezza di non contagiare i propri partner, ha detto il responsabile dell 'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per la lotta contro l'ebola, Bruce Aylward.

    "Questi risultati arrivano in un momento cruciale", ha detto Aylward. "Essi ci ricordano che anche se i casi di ebola diminuiscono, i sopravvissuti e le loro famiglie continuano a dover lottare contro gli effetti della malattia."

    Nel mese di marzo i ricercatori avevano descritto il caso di una donna liberiana che si era infettata attraverso rapporti sessuali con un superstite all’ebola. L'uomo era risultato positivo al test per l'ebola sei mesi prima. Fino ad allora, la sopravvivenza nota più lunga del virus ebola nello sperma era stata di 82 giorni.

    Allo studio pubblicato ora, hanno preso parte 93 uomini della Sierra Leone, che fu colpita pesantemente dall'epidemia di ebola, iniziata alla fine del 2013, accanto agli Stati limitrofi Guinea e Liberia, con circa 11.300 decessi. I partecipanti allo studio sono stati testati tra due e dieci mesi dopo la malattia.

    Gli uomini che sono stati testati nei primi tre mesi della loro malattia, avevano, senza eccezioni, ancora il virus ebola nello sperma. Degli uomini che sono stati testati fino a quattro-sei mesi dopo la diagnosi, il 65 per cento è risultato positivo. E ancora il 26 per cento degli uomini che sono stati testati tra i sette e i nove mesi dopo la malattia, aveva ancora il virus nello sperma.

    Daniel Bausch, Virologo presso l’ OMS a Ginevra, ha detto che in determinate parti dell’organismo il virus sopravvive più a lungo dopo la guarigione, poiché il sistema immunitario ha bisogno di più tempo “per ripulire queste parti”. Tra queste, i testicoli, il cervello, il midollo spinale e il bulbo oculare.

    Ilhem Messaoudi dell' Università della California di Riverside ha detto che anche se il virus non è nel sangue, esso potrebbe nascondersi in queste parti. "Abbiamo bisogno di saperlo, perché questa è la base per eventuali nuovi focolai."

    I ricercatori non hanno potuto ancora stabilire che cosa significa veramente un risultato positivo. Si può giungere ancora all'infezione, o si tratta solo di frammenti del virus?

    Secondo il direttore generale dell'OMS Margaret Chan questo grado di incertezza è preoccupante. Pertanto si dovrebbero prendere precauzioni e si invitano i contagiati a usare una contraccezione sicura. Gli uomini che sono sopravvissuti alla malattia sono già esortati a usare il preservativo.

    Lo studio è stato intrapreso congiuntamente dal Ministero della Sanità della Sierra Leone, l' OMSe dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

    Quanto insidioso sia il virus ebola, lo sta mostrando un caso nel Regno Unito. Nove mesi dopo la sua presunta guarigione da ebola, una donna scozzese viene trattata di nuovo a causa del virus mortale. Come comunica il Royal Free Hospital di Londra, l'infermiera Pauline Cafferkey è in pericolo di vita.

    La trentanovenne viene trattata in isolamento "a causa di ebola". In un primo momento era stato affermato che la paziente soffriva di una "complicazione tardiva inusuale" della malattia. Si era infettata alla fine dello scorso anno durante un'operazione di soccorso in Sierra Leone.

    La malattia ebola era stata allora scoperta solo dopo il ritorno in Europa della scozzese. Alla fine di gennaio il Royal Free Hospital, specializzato nel trattamento dei virus, aveva dimesso la donna come guarita.

    La settimana scorsa le sue condizioni sono peggiorate. Sui suoi sintomi la clinica di Londra non si è espressa. Attualmente, le quasi 60 persone con le quali la donna aveva stretto contatto, vengono regolarmente esaminate dai medici.

    Il virologo Ben Neuman dell' Università di Reading suppone che il virus ebola potrebbe essersi "riattivato" nella Cafferkey. Il caso è un territorio inesplorato; nel caso di Neuman, potrebbe darsi che il virus si sia ritirato in un punto del corpo in cui il sistema immunitario non lo può danneggiare, "e che noi vediamo proprio in fondo un sistema immunitario frustrato che reagisce in modo eccessivo e, soprattutto, danneggia alcuni degli altri organi".

    In primavera il virus ebola si era riattivato anche in un medico negli Stati Uniti, che era stato considerato guarito. Era tornato in ospedale due mesi dopo le sue dimissioni e soffriva di disturbi della vista, dolore intenso e rapido aumento della pressione nell'occhio sinistro, come ha riportato tra l'altro il "New York Times". Il virus si era quindi ritirato nel suo occhio.

    Questi casi non sorprendono il medico di Marburg Hans-Dieter Klenk, esperto della Società di Virologia. "Si è già più volte osservato che il virus può rimanere nel liquido seminale e nel fluido oculare per diversi mesi."

    Il patogeno può sopravvivere in alcune nicchie del corpo e proliferare in seguito. Tuttavia, questo riguarda solo una parte dei pazienti. "Quante volte ciò si verifica, è difficile dirlo al momento. Tuttavia il caso dimostra che questo fenomeno non è molto raro ", dice Klenk. Pertanto gli ex pazienti devono rimanere sotto osservazione.

    I primi casi di epidemia di ebola più gravi finora nella storia sono stati registrate nel marzo 2014 nell'Africa occidentale. Nei paesi più colpiti – Sierra Leone, Guinea e Liberia – si sono infettati, secondo i conteggi ufficiali, quasi 28.500 persone. Sono stati registrati circa 11.300 morti. Il numero effettivo delle vittime di ebola è probabilmente molto maggiore secondo l'OMS.



    Note:

    Originale: http://www.welt.de/gesundheit/article147641648/Ebola-Virus-ueberlebt-neun-Monate-lang-im-Sperma.html

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)