Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Per sviluppare le cure per i più poveri, servono finanziamenti pubblici.

    I Nobel indicano la via contro le malattie della povertà

    E' necessaria una risposta coordinata a livello globale per garantire che nuovi trattamenti, come quelli ideati dai vincitori dei premi Nobel per la medicina, raggiungano tutti i pazienti.
    13 novembre 2015 - Traduzione di Barbara Pozzi
    Fonte: John Reeder, Winnie Mpanju-Shumbusho, Bernard Pécoul and David Reddy, "Nobel prize winners point the way in battle against diseases of poverty", The Guardian - 30 ottobre 2015

    Chinese pharmacologist Tu Youyou poses with her trophy after winning the Lasker Award, a prestigious U.S. medical prize, in New York in September 2011.


    Che cosa ci vuole per portare i frutti dell'innovazione scientifica ai pazienti più vulnerabili nelle comunità più povere del mondo?

    Le scoperte riconosciute dal Premio Nobel per la medicina 2015 sono esempi perfetti del viaggio dalla provetta al capezzale. Raccontano una storia geopolitica affascinante: quella della scoperta, della produzione e della distribuzione di farmaci efficaci per le malattie trascurate. Cosa importante, essi mostrano ciò che accade quando si lavora insieme per i pazienti, e non solo per i profitti.

    Al premio Nobel Dr Tu Youyou è stata assegnata la scoperta dell’artemisinina, che ha portato all’attuale arsenale di farmaci antimalarici, terapie combinate a base di artemisinina (ACT). Hanno salvato milioni di vite.

    Analogamente, l'avermectina, il composto scoperto dagli altri due destinatari del premio,
    i professori Satoshi Omura e William Campbell, hanno prodotto il farmaco vermectina, un trattamento efficace contro l'oncocercosi e la filariasi linfatica, malattie che causano immense sofferenze e gravi deturpazioni.

    Quando sono state fatte queste scoperte nel 1970, c'era una disperata carenza di ricerca e sviluppo nel campo delle malattie che stavano devastando le comunità povere in Africa, Asia e America Latina. Le scoperte hanno dunque segnato l'inizio di una maggiore attenzione da parte delle agenzie delle Nazioni Unite, nonché del potenziamento di numerose organizzazioni per sviluppare queste capacità.

    La dottoressa Tu è stato in grado di ottenere il supporto delle istituzioni di ricerca nazionali e internazionali per la sua scoperta e di collegarsi
    con importanti aziende farmaceutiche internazionali. Queste, a loro volta, hanno collaborato con nuove fondazioni di ricerca no-profit per garantire lo sviluppo dei trattamenti ACT così necessari, in accordo con le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità per adulti e bambini.

    Alla fine la parte politica si è lasciata convincere, con un conseguente
    aumento di venti volte dei finanziamenti per la malaria dal 2000 fino al 2015. Fino ad oggi, gli antimalarici a base di artemisinina sono stati consegnati a più di 600 milioni di persone. Il trattamento per l'oncocercosi e la filariasi linfatica ha beneficiato di una simile collaborazione pubblica-privata. Purtroppo questi importanti progressi sono stati delle eccezioni, in particolare per le malattie legate alla povertà in cui non sono sufficienti gli incentivi commerciali per la ricerca.

    Una nota positiva: un rapporto pubblicato il 13 ottobre dal gruppo di ricerca
    Policy Cure ad un evento organizzato dal governo tedesco a Berlino dimostra che ci sono in cantiere quasi 500 prodotti candidati per le malattie trascurate, compresi trattamenti, diagnostica e vaccini. Quasi la metà di questi sono in fase di sviluppo attraverso "partenariati di sviluppo del prodotto" pubblico-privato.

    Nonostante gli impressionanti lavori in corso per le malattie trascurate, vi sono ancora importanti lacune. Anche per la malaria, l'oncocercosi e la filariasi linfatica c'è bisogno di più ricerca e sviluppo, di nuovi prodotti e strategie di distribuzione. La resistenza all’artemisinina è stata rilevata in Cambogia, nel Laos, in Thailandia, in Vietnam e nel Myanmar. Nel frattempo, l'ivermectina è estremamente efficace, ma uccide solo i vermi giovani degli ospiti umani. Per battere l'oncocercosi e la filariosi linfatica, una volta per tutte, saranno necessari nuovi farmaci che uccidono i vermi adulti.

    La sfida è ora quella di garantire che lo slancio scientifico e politico non sia solo sostenuto ma anche ampliato e, soprattutto, coordinato e finanziato. Il recente
    vertice del G7 ha deciso di estendere le attività di ricerca nel campo delle malattie infettive legate alla povertà. Chiaramente, saranno necessari nuovi meccanismi - attualmente in fase esplorativa - per definire le priorità della salute pubblica, al fine di anticipare e rispondere adeguatamente alle crisi come quella di Ebola e la crescente minaccia di resistenza agli antibiotici. I nuovi modelli finanziari sono tenuti ad integrare gli attuali sforzi di investimento governativi e filantropici.

    Il premio Nobel di quest'anno è stato dato ai creatori di quelli che sono diventati i farmaci veramente salvavita. Ma esistono anche altri giovani scienziati brillanti, soprattutto nei paesi colpiti da queste malattie trascurate, ugualmente impegnati a rispondere alle esigenze mediche non ancora soddisfatte dei milioni di persone che soffrono e muoiono delle malattie della povertà.

    Come membri della comunità mondiale per la salute, è nostro dovere garantire che la scienza esistente sia rapidamente diretta anche verso i milioni di poveri che hanno bisogno di nuovi trattamenti; dobbiamo anche vigilare che la distribuzione vada di pari passo in modo che i pazienti più poveri non siano lasciati indietro. Abbiamo anche bisogno di fornire le risorse per la prossima generazione di scienziati. Ora, più che mai, è necessaria una risposta coordinata a livello mondiale al fine di garantire che le grandi scoperte e le innovazioni raggiungono il letto di tutti i pazienti, indipendentemente da dove
    essi vivono.

     

    Note:

    Il professor John Reeder è direttore del programma speciale di ricerca e formazione in malattie tropicali.Il Dr Winnie Mpanju-Shumbusho è Vice Direttore Generale per l'HIV / AIDS, la tubercolosi, la malaria e le malattie tropicali trascurate presso l'Organizzazione mondiale della sanità. Bernard Pécoul è direttore esecutivo ai Farmaci per Neglected Diseases initiative. David Reddy è Amministratore Delegato di Medicines for Malaria Venture

    Originale: http://www.theguardian.com/global-development/2015/oct/30/nobel-prize-for-medicine-winners-diseases-poverty

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)