Comunicato stampa del Gruppo Capitano Ultimo

Da Milano a Palermo adesivi contro la mafia

I nostri sogni colorati contro la loro grigia prepotenza
10 gennaio 2005
Gruppo Capitano Ultimo

immagine adesivi


Siamo un gruppo di persone che si ritrovano a discutere tramite Internet in un sito dedicato al Capitano ultimo (www.capitanoultimo.it <http://www.capitanoultimo.it>), l’ufficiale dei carabinieri che nel ’93 catturò Totò Riina. Siamo accumunati dagli stessi ideali di lotta per la legalità, la libertà e la solidarietà, contro la mafia, lo sfruttamento e la prevaricazione.

Il giorno 15 gennaio 2005 (dodici anni dopo quell’arresto) attaccheremo nelle nostre città sparse per l’Italia, degli adesivi contro la mafia. È un gesto semplice, ma per noi carico di significato. Rappresenta il nostro sogno di liberarci dall’oppressione mafiosa. La sfida impossibile che invece è possibile. La nostra lotta alla mafia e all’indifferenza che la sostiene. È un grido che vuole attirare l’attenzione della società civile e delle istituzioni, perché solo una ribellione della gente accompagnata da uno Stato determinato, potranno debellare la criminalità organizzata.

Da Milano a Palermo, saranno circa duemila gli adesivi che urleranno la nostra resistenza ad ogni forma organizzata di sfruttamento criminale. “La mafia, come ogni fenomeno umano, ha un inizio e una fine”, disse Falcone. E noi, convinti della verità di queste parole, facciamo appello al presidente della Repubblica Ciampi, e a tutti i rappresentanti delle istituzioni. Ma soprattutto facciamo appello alla società civile, alla gente semplice che ogni giorno viene sfruttata e offesa dal potere mafioso:

Recuperiamo la nostra libertà, rivendichiamo la nostra dignità offesa, costruiamo una lotta di popolo contro la mafia, la prevaricazione, la violenza e lo sfruttamento; per la legalità, la libertà e la solidarietà. Per costruire dove molti distruggono, per reagire dove molti acconsentono, per respirare dove molti soffocano.

Lottiamo con consapevolezza ma con la forza dei sogni. I nostri sogni che nessuno può rubare, che nessuno può schiacciare, che nessuno può soffocare. Nemmeno le loro bombe, le loro violenze, o i loro intrighi raffinati. I nostri sogni colorati contro la loro grigia prepotenza. La nostra semplicità contro la loro raffinatezza. Il nostro grido contro il loro silenzio.

Sulle lamiere controrte a Capaci, sui corpi straziati in via d’Amelio, o sui loro nascosti accordi criminali hanno ucciso solo i corpi, non le idee, che camminano, corrono sulle nostre gambe.

Abbiamo visto la speranza fiorire nelle strade e nell'albero di Falcone e Borsellino, dietro al passamontagna senza volto di ultimo che con i suoi carabinieri prendeva Riina e con lui l'impunità e l'arroganza stragista. La speranza di tanta gente semplice che ha gridato la propria opposizione alla prevaricazione mafiosa.

No alla mafia. Si alla libertà.

IL GRUPPO
Il “gruppo capitano ultimo” nasce oltre tre anni fa come gruppo di discussione su Internet, sui temi della legalità e della lotta alla mafia. I partecipanti si rifanno ai valori e agli ideali che hanno ispirato la lotta del capitano ultimo, l’ufficiale dell’Arma che nel 1993 ha catturato Totò Riina, insieme agli uomini di Crimor. Ideali di legalità, libertà, solidarietà, contro la mafia, lo sfruttamento, la prevaricazione. Attraverso una mailing list e una chat (www.capitanoultimo.it <http://www.capitanoultimo.it>) si mantiene un dibattito permanente e si organizzano iniziative di sostegno alla legalità. Per info: noallamafia@libero.it . Il gruppo non appartiene a nessun movimento politico o religioso.

Articoli correlati

  • Ecoreati: non fermate i processi!
    Ecologia
    Firma la petizione al Governo e al Parlamento

    Ecoreati: non fermate i processi!

    Vogliamo raccogliere le voci di cittadini e associazioni per chiedere una modifica della legge che salvi i grandi processi per disastro ambientale e per altri gravi ecoreati. Il rischio della riforma Cartabia è quello di vanificare l'impegno dei magistrati nella lotta agli ecoreati.
    30 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino
    Sociale
    Riforma della giustizia

    Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino

    Siamo purtroppo alle Termopili, è una battaglia disperata ma le battaglie, se giuste, se sacrosante, vanno in ogni caso combattute ed è quello che faremo, chiamando a raccolta la Società Civile, fino alla fine.
    30 luglio 2021 - Salvatore Borsellino
  • Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica
    Editoriale
    Appello alla società civile

    Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica

    PeaceLink si associa al grido di allarme che proviene dal mondo della magistratura ed esprime forti timori rispetto alla riforma della giustizia. Se non siete d'accordo sulla riforma della giustizia condividete questo testo
    23 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)