Medioevo e diritti umani

L’Inghilterra e la Magna Charta Libertatum (1215)

Frutto di un momento di debolezza della monarchia inglese, che dovette fare numerose concessioni ai feudatari inglesi –, e quindi apparentemente simbolo di vittoria delle forze feudali –, questa costituzione aprí spazi inconsueti anche alle incipienti forze borghesi, acquistando con il tempo un significato oggettivo di libertà individuale e di limitazione del potere dispotico del monarca, contro le cui nefandezze sarebbe stato lecito perfino prendere le armi.
14 dicembre 2003
documento storico
Fonte: Da: Magna Charta Libertatum, in G. Musca, La «Magna Charta» e le origini del parlamentarismo inglese, G. D’Anna, Firenze, 1973

Giovanni, per grazia di Dio re d’Inghilterra, signore d’Irlanda, duca di Normandia e di Aquitania e conte d’Angiò, agli arcivescovi, vescovi, abati, conti, baroni, giudici, funzionari della foresta, sceriffi, intendenti, servitori ed a tutti i suoi balivi [o bàiuli, pubblici ufficiali] e fedeli sudditi, salute.
Sappiate che noi, per timore di Dio e per la salvezza dell’anima nostra e di quella di tutti i nostri predecessori ed eredi, per l’onore di Dio ed il prestigio della santa Chiesa, e per la riforma del regno nostro, su consiglio dei nostri venerabili padri, Stefano arcivescovo di Canterbury, primate di tutta l’Inghilterra e cardinale della santa romana Chiesa [...] ed altri nostri fedeli sudditi:
[1] In primo luogo abbiamo concesso a Dio ed abbiamo confermato con questa nostra carta, per noi ed i nostri eredi in perpetuo, che la Chiesa inglese sia libera, ed abbia i suoi diritti integri e le sue libertà intatte. [...] Abbiamo anche concesso a tutti gli uomini liberi del nostro regno, per noi ed i nostri eredi per sempre, tutte le libertà sottoscritte, che essi ed i loro eredi ricevano e conservino, da noi e dai nostri eredi.
[...]
[9] Né noi né i nostri balivi ci impadroniremo di una terra o di una rendita qualsiasi in pagamento di un debito sino a che i beni mobili del debitore siano sufficienti a restituire il debito, né coloro che hanno prestato le garanzie per il debitore subiscano danno sino a quando lo stesso debitore sia capace di pagare il debito; e se il principale debitore non riesce a pagare il debito perché non ha nulla con cui pagarlo, i garanti rispondano per il debito, e se questi lo desiderano, ricevano le terre e le rendite del debitore sino a quando abbiano ricevuta soddisfazione per il debito pagato per suo conto, a meno che il principale debitore dimostri che ha soddisfatto i suoi obblighi verso i garanti.
[...]
[13] La città di Londra abbia tutte le antiche libertà e libere consuetudini sia per terra che sulle acque. Inoltre noi vogliamo e concediamo che tutte le altre città, borghi, ville e porti abbiano tutte le loro libertà e libere consuetudini.
[...]
[16] Nessuno sia costretto a rendere un servizio maggiore del dovuto per un feudo di cavaliere o per altro libero obbligo feudale.
[...]
[20] Un uomo libero non sia punito con una multa per una piccola colpa, se non secondo il grado della colpa, e per una grossa colpa sia multato secondo la sua gravità, rimanendo salvi i suoi mezzi di sussistenza; e similmente per i mercanti, salve le loro mercanzie, e nella stessa maniera un villano sia multato, salvi sempre i suoi strumenti di lavoro, se tutti questi ricorreranno alla nostra misericordia. E nessuna delle suddette multe sia imposta eccetto che per la testimonianza giurata di probi uomini del vicinato.
[21] Conti e baroni non siano multati se non dai loro pari e soltanto in proporzione alla natura del reato.
[22] Nessun religioso sia multato per i suoi benefici laici, fuorché nella maniera degli altri suddetti e senza riferimento alla misura del suo beneficio ecclesiastico.
[23] Né una comunità né un uomo singolo siano costretti a costruire ponti tra le sponde dei fiumi, eccettuati coloro che debbono farlo legalmente per antica consuetudine.
[...]
[30] Nessuno sceriffo nostro balivo o alcun altro prenda cavalli o carri di alcun uomo libero per lavori di trasporto senza il consenso di quell’uomo libero.
[31] Né noi né i nostri balivi prenderemo il legname di altri per i nostri castelli o altre nostre necessità senza il consenso del proprietario del bosco.
[32] Noi non terremo per piú di un anno ed un giorno le terre di coloro che sono stati imprigionati per fellonia [infedeltà verso il proprio signore], ed allora le terre saranno restituite ai signori dei feudi.
[...]
[39] Nessun uomo libero sia arrestato o imprigionato o multato o messo fuori legge o esiliato o danneggiato in alcun modo, né ci volgeremo o manderemo alcuno contro di lui, eccetto che per legale giudizio di suoi pari o secondo la legge del regno.
[40] A nessuno venderemo, a nessuno negheremo o ritarderemo il diritto e la giustizia.
[41] Tutti i mercanti siano salvi e sicuri nell’uscire dall’Inghilterra e nell’entrarvi, nel dimorarvi e nel viaggiare per essa, sia per terra che sulle acque, per comprare e per vendere liberi da ogni ingiusta tassa, secondo le antiche e giuste consuetudini, eccetto in tempo di guerra e se vengano da terra in guerra contro di noi. E se questi mercanti son trovati nelle nostre terre allo scoppio della guerra, essi siano arrestati e trattenuti senza danno alle loro persone o beni, sino a quando noi o il nostro primo giudice sappiamo come sono trattati i mercanti della nostra terra trovati nella terra in guerra con noi, e se i nostri sono sicuri colà, gli altri siano salvi nella nostra terra.
[...]
[52] Se qualcuno è stato da noi spossessato o privato senza legale giudizio dei suoi pari di terre, castelli, libertà o suoi diritti, glieli restituiremo immediatamente; e se qualche disaccordo sorge su questo punto, che sia risolto dal giudizio dei venticinque baroni indicati piú oltre nella clausola sulla sicurezza della pace [come è spiegata nel 61].
[...]
[61] Poiché inoltre abbiamo concesso tutte le cose suddette per Dio, per la riforma del regno nostro e la migliore risoluzione della discordia che è sorta tra noi ed i nostri baroni, e poiché desideriamo che essi godano queste cose integralmente e stabilmente, diamo e concediamo loro la seguente sicurezza: cioè, che i baroni eleggano quei venticinque baroni del regno che essi desiderano, i quali con tutte le loro forze debbono osservare, mantenere e far osservare la pace e le libertà che abbiamo concesso e confermato loro con questa nostra carta, cosí che, se noi o il nostro giudice o i nostri balivi o uno qualsiasi dei nostri funzionari commettiamo mancanza contro chiunque in qualunque maniera, o trasgrediamo uno qualsiasi degli articoli di pace o di sicurezza, e l’offesa è denunciata a quattro dei suddetti venticinque baroni, quei quattro baroni vengano da noi, o dal nostro giudice, se noi ci trovassimo fuori del regno, e la portino a nostra conoscenza e chiedano che noi la correggiamo senza indugio. E se noi, o il nostro giudice nel caso ci trovassimo fuori del regno, non correggessimo l’offesa entro quaranta giorni dal momento in cui è stata portata a conoscenza nostra o del nostro giudice se ci trovassimo fuori del regno, i suddetti quattro baroni riferiscano il caso ai rimanenti dei venticinque baroni, i quali tutti insieme alla comunità di tutto il regno, ci danneggeranno e molesteranno in ogni maniera che potranno, cioè impadronendosi di castelli, terre e proprietà, ed in altre maniere che potranno, restando salva la nostra persona e quelle della regina e dei nostri figli sino a che, a loro giudizio, sia stata corretta l’offesa, e quando sarà stata corretta essi ci obbediranno come facevano prima. E chiunque nel regno lo voglia può prestare giuramento di obbedire agli ordini dei suddetti venticinque baroni in esecuzione di tutte le cose suddette e di unirsi a loro per molestarci per quanto lo possa, e noi pubblicamente e liberamente permettiamo a chiunque lo desideri di prestare tale giuramento, e non proibiremo mai ad alcuno di prestarlo. [...]
[...]
[63] Per queste ragioni desideriamo e fermamente comandiamo che la Chiesa inglese sia libera e che gli uomini del nostro regno abbiano e conservino tutte le suddette libertà, diritti e concessioni, bene e pacificamente, liberamente e quietamente, pienamente e integralmente, per loro ed i loro eredi da noi e dai nostri eredi, in tutte le cose ed i luoghi per sempre, come è stato detto. Inoltre è stato giurato, sia da parte nostra che da parte dei baroni che tutte le cose suddette saranno osservate in buona fede e senza cattive intenzioni. Testimoni i suddetti e molti altri.
Dato per nostra mano nel prato chiamato Runnymede tra Windsor e Staines, il 15 giugno, nel diciassettesimo anno del nostro regno.

Articoli correlati

  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele
    Palestina
    Mosaico di Pace

    Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele

    Embargo contro Israele, un dossier a cura di BDS Italia. Con il sostegno di PeaceLink e con la collaborazione del collettivo A Foras. Israele applica un regime di apartheid nei confronti della popolazione palestinese, violandone i diritti umani e politici.
    20 marzo 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)