Antica

Dall'invenzione della scrittura (circa 3.000 a.C.) alla fine dell'Impero Romano d'Occidente (476 d.C.)
14 Articoli - pagina 1 2
  • Iloti, dalla schiavitù alla libertà
    La rivolta e la resistenza sul monte Itome

    Iloti, dalla schiavitù alla libertà

    Come una schiera di schiavi a Sparta seppe ribellarsi e conquistare la libertà
    26 febbraio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Omero e le ragioni dei vinti

    La pace, il lato femminile dell'Iliade

    Nonostante l'Iliade possa apparire come un "monumento alla guerra", ha al suo interno un desiderio di pace espresso dalle donne
    Alessandro Baricco
  • Gesù e la pace

    La fuga nell'interiore - Pace, politica, Gesù - Soldati di Cristo - Gesù nonviolento forte - Pace con la morte
    20 febbraio 2007 - Enrico Peyretti
  • Le due filosofie che hanno caratterizzato la politica dell'impero cinese

    La Cina fra confucianesimo e legalismo

    L'impero cinese pur basando la propia società ed organizzazione statale sull'etica confuciana ha spesso rinunciato agli ideali di giustizia e benevolenza quando era necessario reprimere le rivolte nel sangue.
    9 aprile 2005 - Massimiliano Pizzirani
  • Storia del più famoso imperatore indiano

    La politica del dhamma di Ashoka

    Ashoka due secoli e mezzo prima di Cristo cercò di creare uno stato pacifico e giusto rispettoso della via del Buddha, un governo che doveva esprimere, seguire e promuovere un'etica di giustizia e benevolenza.
    15 marzo 2005 - Massimiliano Pizzirani
  • Intellettuali e pace

    Tacito e la pax romana

    Nell'Agricola fa dire ad un capo caledone queste parole a proposito dei romani: "Là dove fanno il deserto gli danno il nome di pace". Già Sallustio si era espresso in merito all'imperialismo romano.
    26 dicembre 2004 - Daniele Marescotti
  • Intellettuali e potere

    Tacito e la libertà di opinione

    A partire da Augusto una opinione “scomoda” poteva diventare un reato perseguibile dalla legge.
    20 dicembre 2004 - Daniele Marescotti
  • Nacque nel 61 d.C. e morì nel 113 d.C.

    Plinio il Giovane tra tolleranza e repressione

    Intellettuale dell'impero romano, ricoprì la carica di console e di legato imperiale. Voleva trattare gli schiavi con umanità ma condannò a morte i cristiani.
    21 novembre 2004 - Daniele Marescotti
  • Storia romana

    Perché crollò l’Impero Romano d’Occidente?

    “Noi moriamo ogni giorno; ogni giorno infatti ci è tolta una parte della vita, e anche quando cresciamo la vita decresce. E’ passata l’infanzia, poi la puerizia, poi l’adolescenza”, scriveva Seneca.
    1 ottobre 2004 - Daniele Marescotti
  • I barbari e gli storici

    Tacito, uno storico che rivaluta i barbari

    Mentre molti uomini di cultura hanno costruito lo stereotipo del barbaro "incivile", nell'impero romano Tacito compie un'operazione rovesciata e li rivaluta. Ecco perché.
    21 settembre 2004 - Alessandro Marescotti
pagina 1 di 2 | precedente - successiva

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)