CharlieHebdo

Non si uccide un disegno.

7 gennaio 2015
Antonio Caso

http://www.serviziocivilemagazine.it/images/stories/2011/novembre/charlie_hebdo.jpg

Uccidere un disegno vuol dire uccidere un bambino.
Un bambino in tutti i sensi, tra le macerie di Gaza, sotto le polveri di Taranto e in chissà quanti altri luoghi del mondo in questo preciso istante.
Un bambino interiore, stamattina, a Parigi nella redazione di un giornale satirico.
Stamattina hanno ucciso dei bambini che con l’intelligenza vera, dei bambini, provavano a non avere paura del mondo prendendosene gioco, semplicemente colorandolo.
Sarebbe semplice dire che è stato un attentato, che la Francia è sotto attacco, che noi siamo sotto attacco, ma non è solo così, è troppo facile così.
Quanti sono sotto attacco da anni, ogni giorno, senza che nessuna delle nostre coscienze sia mossa da questo?
Paradossalmente chi è stato ucciso oggi era uno dei pochi che le nostre coscienze provava a smuoverle schierandosi sempre contro ogni forma di oppressione.
Oggi è un 11 settembre e non mi riferisco solo a quello di New York, ma anche a quello della Moneda, perchè oggi un sogno è in cenere.
Sarebbe ipocrita dire che non ci sono dita da puntare, ci sono dita da puntare verso chi di noi non si informa, verso chi delega tutto senza pensare che guerra e violenza chiamano solo altra guerra e altra violenza, verso chi non ha più la curiosità di un bambino, verso chi non ha uguaglianza nello sguardo e nella mente, quella stessa uguaglianza che ai bambini viene spontanea.
Charlie Hebdo era uguaglianza. Charlie Hebdo era curiosità. Charlie Hebdo era voglia di informarsi e di non lasciare nessuno indietro, non voleva fermare il Mondo per scendere, ma voleva denunciare che troppi esseri umani scendevano per colpa d’altri e nel peggiore dei modi.
Oggi 7 gennaio 2014 è un altro, uno dei tanti 11 settembre, l’altro giorno lo è stato in Pakistan, un po’ di tempo fa in Messico.
Chi se li ricorda gli studenti, come noi, scomparsi nel nulla?
Costruire una cultura di pace, di uguaglianza, di curiosità, di disegni. Questa è l’unica arma che abbiamo contro il terrorismo e non ditemi che non è vero.
Come si fa, anche volendo, a perquisire ogni essere umano?
Charlie Hebdo ancora una volta ha mostrato la nostra ipocrisia.
Speriamo di fermare il terrorismo, effettivamente come?
Chiediamocelo e chiediamolo soprattutto.
Come? Perquisendo ogni essere umano che ci passa accanto?
La “guerra al terrorismo”, obiettivamente, in cosa consiste se chi muore, lì e qui, continuano ad essere i bambini?
Charlie Hebdo era verità.
Quale sarebbe la verità di chi destabilizza paesi e popoli come se fossero castelli di carta e crea mostri?
Quale sarebbe la verità che ci viene presentata?
Non c'è bisogno di essere esperti di geopolitica, basta, come diceva un altro bambino ucciso, restare umani per capirlo.
In questo momento, più che mai, non dobbiamo cedere di un passo a chi vuole sfruttare dei bambini morti per ucciderne altri.
Di solito dopo un fatto di violenza, dopo un attentato, si dice che si perda l’innocenza.
Vi prego, non sia questo il caso, Charlie Hebdo era l’innocenza.
Riprendiamocela, riprendiamoci i disegni, riprendiamoci i bambini.

#JeSuisCharlie
#CharlieHebdo

Articoli correlati

  • Il salone internazionale del libro di Torino
    Cultura
    Mimesis Edizioni al salone internazionale del libro di Torino

    Il salone internazionale del libro di Torino

    L’importanza delle migliaia di libri esposti al salone internazionale della fiera del libro di Torino per l’alto valore e ideale della conoscenza e del sapere che si tramandano di generazione in generazione nella storia dell’umanità
    14 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Donna è Pace
    Pace
    L’impegno delle donne contro la guerra, contro militarismo, bellicismo e colonialismo

    Donna è Pace

    Le donne prime protagoniste delle innumerevoli iniziative spontanee di opposizione all’inutile strage della prima guerra mondiale e la storia del protagonismo delle donne anche durante la resistenza al fascismo.
    12 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Alife, un monumento a Gino Strada e a Teresa Sarti
    Pace
    L'impegno della cantautrice Agnese Ginocchio, testimonial di pace e nonviolenza

    Alife, un monumento a Gino Strada e a Teresa Sarti

    Alife, a Gino Strada e a Teresa Sarti fondatori di Emergency, dedicato il primo monumento in ferro battuto in Campania, realizzato dal Maestro Angelo Ciarlo di Letino. Presente il Referente regionale di Emergency Peppino Fiordelisi
    8 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Nuovo attacco alla comunità LGBTI
    Latina
    Honduras

    Nuovo attacco alla comunità LGBTI

    Donna trans e attivista per i diritti umani assassinata in Honduras, la quarta dall’inizio dell’anno
    5 ottobre 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)