Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

SOS da Taranto

"Aiuto per una Città che sta morendo"

Lettera al Ministro dell'Ambiente che apre il suo blog personale alle domande dei cittadini
3 giugno 2007

Egregio Ministro,
sono una cittadina di Taranto e le chiedo aiuto.
Aiuto per una città che sta morendo, aiuto per una emergenza ambientale
gravissima che è ormai fuori controllo, aiuto per la nostra salute ma
soprattutto per quella dei nostri figli.

Le istituzioni centrali e locali non sono in grado di arginare una
situazione divenuta insostenibile:
il 90% della diossina prodotta in Italia si concentrerebbe a Taranto;
il 60% di mercurio sparso per lo stivale lo troviamo nell'atmosfera e
nell'aria della mia città;il record italiano di decessi per neoplasie è ancora una volta,gravemente, legato a Taranto.

Come risponde il Ministero dell'Ambiente dinanzi a simili denunce?

Caro Ministro, solo pochi giorni fa Lei è stato in visita nella Città dei
due mari, avrà avuto modo di osservare lo scempio ambientale che da oltre 30
anni siamo costretti a subire.
Nelle prossime settimane, il suo ministero sarà chiamato a rilasciare le
autorizzazione alle emissioni inquinanti che condizioneranno le nostre vite
per i prossimi 15 anni.
La prego non dimentichi ciò che avviene da queste parti.
I politici locali sono assolutamente subalterni alla grande industria e
perfino la legge italiana offende la nostra dignità.
Lo sa che una legge consente a Riva di inquinare 100.000 volte di più di
un inceneritore?
Sa cosa significa? Che livelli di diossina scandalosamente fuori misura
sono tollerati dalla Stato Italiano.

Coloro che vengono nominati periti di parte dell'azienda l'Ilva in
processi cittadini contro l'inquinamento( vedi processo Riva +32 del
2000) figurano tra gli organi chiamati a registrare, controllare e ridurre
i livelli di diossina emessi dallo stabilimento siderurgico di casa
nostra.(CNR e il Presidente Dott. Ivo Allegrini,tanto per farle un esempio).
I cosiddetti "tecnici" passano indenni da un governo all'altro senza che
ci sia alcun contributo serio a favore del rispetto dell'ambiente e della
salute pubblica.
Potrei andare avanti elencando numerosi altri esempi ma trovo
sufficientemente grave e doloroso quello che le ho già descritto.

Ci aspettiamo dal massimo esponente dei Verdi, e dal nostro Ministro
dell'Ambiente, un segnale forte in grado di ridare speranza ad una città
violentata e umiliata come la nostra.

Grazie

Lea Cifarelli

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)