Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lettere di Nello De Gregorio al Sindaco Stefàno ed al Presidente Florido

Perché non candidare Taranto ad essere sede di una centrale solare?

L’Italia, ha ribadito Pecoraro, deve “diventare il Paese leader delle energie rinnovabili. Noi proporremo almeno dieci centrali a energia solare da costruire nei prossimi anni, progetto già inserito nel Dpef”. “Vogliamo nuovi imprenditori - ha proseguito il ministro - basta con l'Italia fanalino di coda. Noi vogliamo finalmente anche nuovi imprenditori che investano sul futuro invece di chiedere solo contributi”.
30 luglio 2007
Nello De Gregorio

Centrali Solari Nei giorni scorsi il Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ha proposto la realizzazione di almeno dieci centrali solari termodinamiche, da costruire nei prossimi anni, progetto già inserito nel Dpef. Il sole, come ha ricordato il premio Nobel della fisica Carlo Rubbia, è una grande opportunità per l’Italia ma non ancora utilizzata. Negli ultimi anni lo sviluppo tecnologico nel settore del fotovoltaico sta crescendo. Dalle esperienze pionieristiche della centrale di Adrano, siamo arrivati alla centrale fotovoltaica di Serre in provincia di Salerno con una potenza installata di 3,3, MW e la producibilità media annua è di 3500 MWh, pari al consumo medio annuo di 1400 famiglie.

Le prossime centrali certamente saranno in grado almeno di raddoppiare se non triplicare la potenza installata consentendo di dare alle stesse vera e propria capacità industriale e di alimentare città di medie-grandi dimensioni. Perché dunque non candidare Taranto o in ogni caso il territorio provinciale ad essere sede di una di queste centrali? Taranto contribuisce con elevati costi ambientali all’alimentazione del fabbisogno energetico nazionale sia per l’alimentazione dell’industria pesante che per usi civili visto che una quota di energia prodotta dalle centrali site nello stabilimento Ilva viene immessa nella rete nazionale.

La costruzione di una centrale solare oltre che rappresentare in ogni caso un investimento significativo in un momento particolarmente difficile per l’economia del territorio, si pone quindi come coerente compensazione ambientale. In tal senso peraltro c’è già stata una prima scelta della regione Puglia, che si conferma sempre di più come una regione di frontiera per le sperimentazioni più innovative in campo tecnologico, di ubicare una centrale fotovoltaica ancora più grande di quella di Serre nell’area dell’ex Petrolchimico di Brindisi.

Il Verdi propongono un patto per il clima in Puglia
Di fronte ai disastri ed allo scempio della natura, non è più tempo di restare solitari profeti a declamare nel deserto, ho accettato su proposta dei Verdi per la Pace di Puglia di collaborare alla stesura del Patto per il Clima in Puglia, regionalizzando l'appello nazionale. L'ho fatto perchè esso rappresenta non un appello di partito ma è un patto con il contributo del movimento ecologico ed ambientalista al quale mi sento di appartenere. Leggetelo e se lo condividete nei contenuti, firmatelo, fatelo firmare. Il 27 ottobre 2007 a Bari organizziamo una grande manifestazione con testimonial nazionali ed internazionali. Il Clima, la natura, la nostra salute, la vita futura dei nostri discendenti, devono vedere un nostro impegno corale di donne e uomini liberi. Riportiamo qui la parte finale dell'appello:

"Noi cittadini pugliesi proponiamo un patto per il clima rivolto a singoli cittadini, associazioni ambientaliste e animaliste, alle personalità più impegnate nel superamento dell’attuale modello di sviluppo, associazioni per la difesa dei diritti civili e umani, ai consumatori, alle realtà civiche, mondo del volontariato e cooperazione sociale, mondo agricolo, commercio equo e solidale, comitati di cittadini, sindacati, mondo della ricerca e della scienza, dell’impresa, delle professioni e della cultura.

Lavoriamo per ampliare sempre di più il consenso a queste proposte perché in Puglia c’è bisogno di una vasta, ricca, influente area politica ecologista, pacifista, nonviolenta, autonoma e innovatrice, che porti nel 2008 ad un grande appuntamento per costruire un’ Alleanza, in grado di affrontare la grande sfida posta dal cambiamento climatico in corso. Una sfida di fronte alla quale, noi pugliesi, siamo chiamati a dare il meglio di noi."

Qui è possibile scaricare l'appello in pdf.
http://www.retejonicambientale.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)