Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Altamarea: «Quel progetto è un bluff»

Altamarea contro la rete anti polveri Ilva: «Bloccate l'autorizzazione» Il fronte ecologista contesta l'utilità della barriera che dovrebbe proteggere la città dai minerali del centro siderurgico.
9 febbraio 2009
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

-
TARANTO — Il barrieramento contro le polveri sottili è inefficace. Tanto vale lasciarlo perdere e progettare la copertura integrale dei parchi minerali dello stabilimento siderurgico di Taranto come unico rimedio efficace contro lo spolverio. Lo ha sostenuto Altamarea, la sigla che raggruppa le varie anime dell'ambientalismo tarantino, durante un incontro con la stampa. Chiede lo stop del-l'iter che, attraverso la conferenza dei servizi, deve portare all'autorizzazione a costruire la barriera antivento.

I teloni fermano soltanto il cinquanta per cento delle molecole di grosso diametro mentre lasciano passare il Pm10, cioè il micidiale agente che fa male alla salute. Il progetto presentato dall'Ilva quindici mesi fa, ancora in attesa della concessione edilizia comuna-le, secondo Altamarea può essere messo da parte. La questione, tra l'altro, deve essere affrontata all'interno della procedura in corso al ministero dell'Ambiente per la concessione dell'autorizzazione integrata ambientale. «Aspettiamo l'ultimazione di questa procedura - è stato detto considerando anche che le proposte dell'azienda in merito alle polveri sono al vaglio della commissione competente ».

La maxi barriera frangivento proposta dall'azienda è alta 21 metri e si sviluppa per 1600 metri sul tratto interno dello stabilimento confinante con la strada per Statte e per Grottaglie. Lo scopo è proteggere il quartiere Tamburi e la città dalle polveri dei parchi minerali delle materie prime.

La porosità dei teloni consente di trattenere il 50 per cento delle polveri pesanti. Quando il progetto fu presentato nell'ottobre del 2007 i tecnici dell'agenzia regionale per l'ambiente (Arpa) e della Regione fecero subito due osservazioni.
Innanzi tutto quei teloni sarebbero stati assolutamente inefficaci perché posti a valle dei parchi mentre converrebbe metterli a monte. In altre parole la barriera non deve intercettare le polveri dopo che il vento le ha sollevate, ma deve bloccare il vento prima che arrivi sui parchi. Inoltre, secondo l'Arpa, i teloni non fermerebbero le polveri sottili.

E, ieri mattina, a conferma della criticità della situazione legata a questo elemento inquinante, Altamarea ha presentato i dati sui rilevamenti delle centraline situate al quartiere Tamburi. Quella di via Machiavelli ha segnalato 59 superamenti del limite dei 50 milligrammi per metro cubo del Pm10, l'altra di via Archimede 39 sforamenti. Tra l'altro nel progetto dell'Ilva manca l'analisi del rischio. Nessuno sa, in caso d'incendio dei teloni, cosa potrebbe succedere.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)