Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Il Governo finanzi le bonifiche per Taranto»

Il Governo proponga alla Regione la sottoscrizione di un secondo Accordo di Programma perla riqualificazione ambientale, la reindustrializzazione e la infrastrutturazione delle aree del Sito di Interesse Nazionale di Taranto.
16 marzo 2009
Michele Losappio (Assessore all'Ecologia della Regione Puglia)

-
«Autorevoli esponenti regionali del Partito delle Libertà negano i tagli ai fondi Cipe e Fas effettuati a danno del Mezzogiorno e della nostra Regione dal Governo Berlusconi. La tesi è che non di tagli si tratti, ma di nuove disponibilità in quanto i finanziamenti disposti dal precedente governo Prodi erano fittizi».

Lo afferma l'assessore regionale all'Ambiente Michele Losappio il quale assecondando per un attimo questo ragionamento chiede agli esponenti del Pdl un impegno pubblico e dichiarato affinchè: «Il Governo onori l’Accordo di Programma Quadro per la messa in sicurezza e la bonifica del Sito di Interesse Nazionale di Brindisi, accordo sottoscritto da Governo e Regione, recepito dalla Puglia con Dgr del dicembre 2007 e finanziato per la Regione con fondi Cipe-Fas per 65 milioni di euro e dal Ministero dell’Ambiente con fondi FAS per 50 milioni di euro.

Il Governo proponga alla Regione la sottoscrizione di un secondo Accordo di Programma perla riqualificazione ambientale, la reindustrializzazione e la infrastrutturazione delle aree del Sito di Interesse Nazionale di Taranto, considerando che nella bozza predisposta nel dicembre 2008 dal Ministero dell’Ambiente su una prima tranche di 102 milioni di euro necessari lo Stato si impegna solo per 8 milioni, cosa per tutti non accettabile.

Il Ministero dell’Ambiente sblocchi i due Accordi di Programma sottoscritti con la Puglia ed altre regioni nel 2007 e 2008; il primo riguardante la sperimentazione dell’idrogeno nelle politiche energetiche ed il secondo quella del termodinamico secondo il progetto del Prof. Rubia. Per entrambi la quota parte di finanziamento Statale non superava il totale di 8 milioni di euro. Un importo relativamente circoscritto, eppure dei due AP regolarmente sottoscritti non vi è traccia e manca perfino una risposta alle richieste di informazioni della Regione.

Come si vede nella disponibilità e nella volontà politica del Governo vi sono scelte importanti per la Puglia sia dal punto di vista ambientale che da quello industriale, scelte che comportano impegni finanziari di fondi Cipe e Fas che sono per collocazione rivolti al Mezzogiorno e che la Puglia attende da tempo. E’ possibile su questo un impegno solerte ed attento dei più autorevoli parlamentari ed esponenti del Partito delle Libertà?»

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)