Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Inquinamento

Martina Franca, la denuncia di Peacelink: «Tracce di diossina nelle uova dei pollai»

L'allarme di Marescotti: a rischio anche la carne di pollo, subito uno screening per l'intera provincia di Taranto
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 15 ottobre 2009

Uova
«La diossina è arrivata nei pollai di Martina Franca. Dopo la città di Taranto, anche la provincia. Si allarga ulteriormente la contaminazione».
La denuncia è di Alessandro Marescotti presidente dell'associazione ambientalista Peacelink, impegnata da anni su questo fronte.
«Siamo fortemente preoccupati. Il Dipartimento di Prevenzione della Asl di Taranto - afferma Marescotti - ha ampliato il raggio di ricerca della diossina negli alimenti e trova nuove soprese "avvelenate". Dalla diossina nel latte, nel formaggio e nelle carni di pecora e capra, si passa ora alla diossina nelle uova e, come è ipotizzabile, anche nelle galline».

L'ESPOSTO
Nel marzo 2008 Peacelink presentò un esposto alla Procura della Repubblica di Taranto dopo aver fatto analizzare un pezzo di formaggio locale. «I valori - ricorda Marescotti - erano sopra i limiti di legge. Adesso quei limiti vengono violati anche per altre categorie alimentari di largo consumo, come le uova e, probabilmente, la carne di pollo. Quello che emerge, come preoccupante novità, è la dimensione provinciale, e non solo più cittadina, del fenomeno: neanche Martina Franca può ritenersi indenne dalla diossina. La diossina e' considerata - spiega il responsabile di Peacelink - un inquinante transfrontaliero e come tale rientra nella normativa europea. Si tratterà di verificare la dinamica di questa contaminazione. E' un fatto su cui si deve indagare perché il consumo di alimenti cancerogeni e genotossici può causare una modificazione del Dna. Ci può essere, nel caso della diossina, un impatto non solo sulla salute di chi consuma alimenti contaminati ma anche di chi non è ancora nato. Le donne in età fertile o in stato di gravidanza dovrebbero essere massimamente informate e tutelate».

LA RICHIESTA
Secondo Marescotti «questo è un motivo più che sufficiente per richiedere a Taranto il "Centro Ambiente e Salute", una struttura di alta specializzazione che il professor Giorgio Assennato, direttore dell'Arpa, da tempo propone di fronte alla rilevanza delle criticità ambientali e sanitarie di Taranto. Ci rivolgiamo alla magistratura perché faccia piena luce. I cittadini vogliono verità, la reclamano. Questa storia non può rimanere un mistero, i responsabili vanno individuati e perseguiti. Esprimiamo al contempo la nostra solidarietà agli allevatori, vittime, assieme ai cittadini, di questa assurda vicenda di contaminazione da diossina».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)