Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto, bambini

I bambini di Taranto vogliono vivere

Lettera dei "Genitori di Taranto" per la salvaguardia della salute dei propri figli
15 gennaio 2016
Gianmarco Tedesco
Fonte: Genitori di Taranto

I "Genitori di Taranto", uniti nel dolore e nella paura per la salute per i propri figli, lanciano un grido di allarme promuovendo la diffusione di manifesti di una Taranto che non ci appartiene, che non vorremmo più vedere e che non sentiamo nostra, con una scritta chiara ed inequivocabile:

I BAMBINI DI TARANTO VOGLIONO VIVERE

I BAMBINI DI TARANTO VOGLIONO VIVERE

Diamo copia del comunicato pervenutoci da parte dei "Genitori di Taranto":

 

“Mamma, ma è vero che a Taranto i bambini si ammalano molto di più che nel resto d’Italia?”
Federica (il nome è di fantasia) aveva otto anni e gli occhi spalancati dal terrore quando per la prima volta pose questa domanda alla madre. Li vedemmo, quegli occhi, perché eravamo lì, a casa dei nostri amici, quella sera. Il silenzio calò così improvviso e freddo da gelare i nostri cuori. E mentre la madre cercava una risposta “adeguata”, se mai ci può essere risposta a tale domanda, Federica la fissò con le lacrime agli occhi, urlando: “Tu mi devi portare via da qui. Andiamo vicino a Gardaland, ti prego. Io voglio vivere.”
E’ così che viviamo, a Taranto. Senza risposte adeguate a domande che mai un bambino dovrebbe porre. Viviamo nascondendo loro la verità, nascondendo la nostra preoccupazione, il terrore che possa capitare a un nostro figlio. E molto più spesso di quanto dovremmo non pensiamo alla tutela della loro salute, che è il primo compito di un genitore, dimentichiamo la protezione che a loro, i nostri figli, dobbiamo. Ed evitiamo, spesso vigliaccamente, quella domanda che dovremmo porci ogni giorno della nostra esistenza: “Che genitori siamo, se non riusciamo a tutelare la salute dei nostri figli, la loro vita?”
A questa domanda, madri e padri di Taranto adesso rispondono con questa iniziativa. Manifesti di 6 metri per 3 con un’unica frase, la più naturale del mondo: “I BAMBINI DI TARANTO VOGLIONO VIVERE”.
La vita, il bene più prezioso del mondo, l’unico diritto non monetizzabile, a Taranto lo si deve chiedere quasi come un regalo.
Madri e padri tarantini lo chiedono a quelle Istituzioni che dovrebbero garantire il rispetto della Costituzione italiana.
Lo chiedono con fermezza, senza il cappello in mano. Lo chiedono come un diritto. E non si fermeranno. Mai!"

 

Non ci sono possibili commenti, solo speranza. La speranza che il cambiamento parta dalle donne, dalle mamme di Taranto, che più di chiunque altro provano quotidianamente, e giorno dopo giorno, la paura di perdere quanto di più caro posseggono e vale a dire i propri figli.

Le figlie e i figli di Taranto devono vivere!



PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)