Voltana

Lo spettacolo

Quella voglia di pace ai tempi della Grande Guerra

Danza, musica e parole raccontano l'inquietudine e il dolore di chi non volle arrendersi alla violenza
Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia

Rappresentazione teatrale del Gruppo Jamin-à al teatro Tatà di Taranto il 31 marzo 2019

Teatro per la pace, promosso dall’Archivio Luciano Marescotti


Una rievocazione della prima guerra mondiale vista con gli occhi di chi l’ha dovuta combattere, a denti stretti e con il cuore spezzato dal dolore. Testi di Mario Rigoni Stern e Emilio Lussu sulle note antiretoriche di Fabrizio De André e con lo sfondo dei canti popolari antimilitaristi dell’epoca. Questa rivisitazione in chiave pacifista della vicenda militare è andata in scena ieri a Martina Franca, all’auditorium Cappelli per gli studenti, e l’altroieri a Taranto per la cittadinanza, nel teatro Tatà. Sul palco ha danzato a piedi nudi Virginie Lescouet, incarnando l'inquietudine della guerra con agili e plastiche torsioni del corpo, rappresentando con forte drammaticità lo sconquasso dell'anima delle persone, la tristezza e l'angoscia di chi ha aspettato invano il ritorno dei soldati. Alle sue spalle uno schermo gigante con le immagini della guerra e con i filmati in bianco e nero del tempo, mentre i musicisti erano illuminati da fasci di luce che viravano dal giallo al rosso e al viola.

Il gruppo Jamin-à a Taranto

Le voci narranti sono infine uscite dalle vicende del fronte per arrivare alla Puglia con i moti di rivolta delle donne salentine che nel 1917 scesero in piazza per chiedere la fine della guerra e il ritorno a casa dei loro uomini, episodi realmente accaduti e tratti dal libro "Pane... pace!" di Salvatore Coppola.

I due eventi hanno avuto il patrocinio del Teatro Pubblico Pugliese mentre l’organizzazione è stata a cura dell’Archivio Luciano Marescotti, nato per condividere la memoria e per promuovere i valori di pace, uguaglianza e solidarietà della Costituzione italiana.

Ai testi letterari si sono accompagnate le lettere dal fronte dei soldati alle loro famiglie.

Non è mancata la canzone “Il disertore” - un tempo bersaglio di ferree censure - cantata da Gianni Penazzi e accompagnata dalla sua chitarra acustica; il gruppo musicale comprende la fisarmonica di Miranda Cortes e il contrabbasso di Milko Merloni.

Il nome del gruppo è Jamin-à ed è una formazione italo-francese con sede a Bolzano e a Lugo di Romagna.

Gli eventi portati in scena hanno voluto ricordare la figura di Luciano Marescotti, scomparso nel 2017, e la sua passione per la storia popolare; a lui è dedicato l’omonimo archivio che è raggiungibile al sito www.voltana.it e che raccoglie varie testimonianze storiche.

Gli eventi teatrali hanno visto una nutrita partecipazione di pubblico e un corale apprezzamento per l’emozione suscitata dalle bravura del gruppo Jamin-à.

Note: Il concerto a Martina Franca https://www.youtube.com/watch?v=N8O_wKRngUs

Articoli correlati

  • Riabilitare i fucilati della grande guerra
    Storia della Pace
    "L’Italia continua a dimenticare"

    Riabilitare i fucilati della grande guerra

    Una proposta all’esame del Senato, che riprende un medesimo progetto già avviato nella scorsa legislatura ma che non ha fatto in tempo a giungere a conclusione.
    2 giugno 2020 - Francesco Cecchini
  • Schede
    Breve scheda

    Alessandro Ruffini (1893 - 1917)

    Non si toglie il sigaro dalla bocca al passaggio del superiore. L'atto viene considerato un grave atto di insubordinazione. Viene fucilato per ordine del generale Andrea Graziani durante la prima guerra mondiale.
  • Scuola
    Video musicali

    Emilio Lussu, una lezione di vita

    Lussu è stato uno scrittore che ha saputo raccontare la prima guerra mondiale senza filtri e senza censure, in tutta la sua crudeltà, e mettendo in evidenza la dignità di coloro che seppero resistere e anche ribellarsi
  • Dulce et decorum est
    Storia della Pace
    Testo in inglese con traduzione in italiano

    Dulce et decorum est

    Una poesia scritta durante la Prima Guerra Mondiale dal poeta inglese Wilfred Owen, uno degli esponenti dei cosiddetti "war poets". Nella poesia scrive: "Il gas! Il gas! Svelti ragazzi! Come in estasi annasparono, infilandosi appena in tempo le goffe maschere antigas".
    Wilfred Owen
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)