Alex Zanotelli

Lista La nonviolenza è in cammino

Archivio pubblico

Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

"Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
23 gennaio 2021
Antimafia Duemila

Alex Zanotelli "Quando Oppenheimer, uno degli scienziati che svilupparono la bomba atomica, vide il primo esperimento NUCLEARE disse: 'Oggi la scienza ha conosciuto il peccato'. E' un'affermazione fondamentale perché ci ricorda che la scienza non è neutrale. Gli armamenti nucleari sono oggi funzionali all'attuale sistema economico-finanziario, che permette che il 10 per cento della popolazione continui a consumare da sola il 90 per cento dei beni di questo mondo. Dobbiamo avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento". Sono parole forti quelle di padre Alex Zanotelli, intervenuto al webinar 'Al bando le armi nucleari' organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza in occasione dell'entrata in vigore del Trattato per la proibizione delle armi nucleari.

Il missionario ha plaudito alla presa di posizione di Papa Francesco, che "per la prima volta con estrema chiarezza ha dichiarato che non solo usare le bombe atomiche ma anche il loro possesso, costituiscono un peccato". Invocando quindi anche altre prese di posizione all'interno della Chiesa e della società civile, padre Zanotelli ha sottolineato: "E' urgente cambiare il nostro sistema di vita anche per tutelare l'ambiente. Gli esperimenti atomici inquinano e in pochi ne parlano. Dobbiamo forzare il Parlamento italiano a entrare nel Trattato, sarebbe un gesto di civiltà".

Nel corso della webinar è intervenuto anche Alessandro Marescotti, presidente di Peacelink, che ha aggiunto: "Bisogna portare l'educazione al disarmo nucleare nelle scuole, come le Nazioni Unite da anni ci chiedono. Non è solo un obiettivo ideale, ma ora grazie al Trattato per l'abolizione delle armi nucleari che entra in vigore oggi, diventa una dimensione del diritto internazionale. In questo senso suggeriamo corsi di formazioni ad hoc per i docenti: è una questione strategica perché permette di far appassionare i ragazzi ai temi della cittadinanza attiva". "I giovani - ha proseguito - sono consapevoli dei rischi di questioni come il cambiamento climatico e l'adesione al movimento creato da Greta Thunberg lo dimostra. Tuttavia bisogna rafforzare l'educazione a scuola ai temi di cittadinanza globale - dalla povertà alla salvaguardia dell'ambiente, oltre al tema del disarmo nucleare - affinché si appassionino alla politica con la 'P' maiuscola, assente da quella dei partiti tradizionali ma presente nell'Agenda Onu 2030 per lo sviluppo sostenibile che racchiude tutti questi temi".

Articoli correlati

  • Decolla uno studio sullo status giuridico delle armi nucleari in Italia
    Disarmo
    Per il 2022 è atteso l'arrivo delle bombe nucleari B61-12 nelle basi di Aviano e Ghedi

    Decolla uno studio sullo status giuridico delle armi nucleari in Italia

    Lo studio è propedeutico ad azioni legali se di riscontrassero illeciti civili, penali o amministrativi. E' uno strumento a disposizione di tutto il pacifismo italiano sull’annoso problema della presenza di ordigni nucleari statunitensi nel nostro Paese.
    29 agosto 2021 - Elio Pagani
  • “L’Italia ratifichi il trattato ONU di proibizione delle armi nucleari”
    Disarmo
    “Le armi di distruzione di massa sono eticamente inaccettabili”

    “L’Italia ratifichi il trattato ONU di proibizione delle armi nucleari”

    Appello delle Acli, dell’Azione cattolica italiana, dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, del Movimento dei Focolari e di Pax Christi. “Nelle basi di Aviano (Pordenone) e di Ghedi (Brescia), sono presenti ordigni nucleari (B61), una quarantina circa”.
    7 maggio 2021 - Agensir
  • Vittorio Agnoletto: il costituzionalismo terrestre
    Pace
    Intervista: Dal profitto a una società della cura e della pace

    Vittorio Agnoletto: il costituzionalismo terrestre

    La nostra comune umanità e il sentimento e il sentire umano della nostra specie sono chiamate a affrontare e risolvere le gravi sfide globali, l'intreccio tra minaccia nucleare e militare, ecologica e climatica e della disuguaglianza e delle oppressioni sociali
    6 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Memoria e futuro
    Cultura
    In tutte le librerie dal 6 maggio 2021

    Memoria e futuro

    Il libro Memoria e futuro di Alfonso Navarra, Luigi Mosca, Laura Tussi, Fabrizio Cracolici è frutto di un impegno collettivo portato avanti dai Disarmisti Esigenti con i contributi di Vittorio Agnoletto, Moni Ovadia, Alex Zanotelli e molti altri
    25 aprile 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)