Alex Zanotelli

Lista La nonviolenza è in cammino

Archivio pubblico

Alex Zanotelli interviene sulla decisione del governo di "sbarco selettivo e parziale" a Catania

“Sono indignato come essere umano e come missionario davanti questo indecente spettacolo”

In 144 hanno potuto lasciare la nave Humanity 1, ma 35 sono dovuti rimanere a bordo. Dalla Geo Barent, nave di soccorso di Medici Senza Frontiere, sono state fatte sbarcare 357 persone, mentre restano a bordo in 215. Il livello di tensione è altissimo.
6 novembre 2022
Adnkronos

Il missionario comboniano Alex Zanotelli

“Sono indignato come essere umano, ancor di più come missionario davanti al rinnovato, indecente spettacolo, messo in atto dal nuovo governo Meloni”.

Lo denuncia padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, riferendosi a quanto sta avvenendo al largo delle acque di Catania.

"È da 15 giorni che quattro navi salvavita hanno chiesto un porto sicuro in italia. Solo oggi la Humanity 1 è stata autorizzata a entrare nel porto di Catania. Ma secondo un nuovo e cinico decreto del governo Meloni , - osserva il missionario - è stata eseguita una ispezione sanitaria sulla Humanity per selezionare solo i fragili cioè donne e bambini, ai quali è stato permesso di sbarcare. Ma 34 profughi, maschi adulti, restano a bordo della nave perché, secondo l'ispezione sanitaria del governo, non sono fragili”.

Foto scattate da Aboubakar Soumahoro su una delle navi dei migranti


“La nave sta disobbedendo al diktat governativo e non lascerà il porto finché non sbarcheranno le altre 34 persone a bordo della nave perché sarebbe illegale dato che sono tutti profughi. Quale è il criterio di selezione per lo status di fragilità? Questi esseri umani salvati dalle navi ong non sono forse tutti fragili? - chiede -. Uomini, donne, bambini che hanno attraversato il deserto, sono passati per i criminali lager libici dove hanno subito torture e violenze indescrivibili, non sono forse più che fragili? Non solo, senza dimenticare il viaggio più spaventoso su 'fragili' imbarcazioni sfidando la morte. È mai possibile questo nostro pauroso silenzio davanti a tanta sofferenza umana?”


"È inaccettabile che un governo risponda a tali tragedie umane, spesso da noi provocate, con un così disumano decreto? Allora siamo davvero davanti a un governo di ultradestra che esprime il suprematismo bianco? E il presidente Meloni ha un cuore o no? C'è solo da vergognarsi”, è l’amarezza di padre Zanotelli

Articoli correlati

  • Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà
    Migranti
    Peacelink Common Library

    Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà

    Mi sono avvicinata allo studio delle migrazioni, alla complessità delle storie che ogni rifugiato, richiedente asilo o migrante porta con sé. Perché le stragi delle frontiere marittime e terrestri sono catastrofi umanitarie. Qual è la nostra responsabilità? Qual è oggi il ruolo della società civile?
    21 giugno 2022 - Carmen Zaira Torretta
  • La tribù bianca e l’ideologia delle «guerre giuste»
    Alex Zanotelli
    «Papa Francesco è stato chiarissimo»

    La tribù bianca e l’ideologia delle «guerre giuste»

    Incontro con Alex Zanotelli, una vita dalla parte degli ultimi: «Con una mano diamo aiuti, con l’altra vendiamo armi». Ucraina e non-violenza? «Dovevamo pensarci nel 2014»
    31 maggio 2022 - Ascanio Celestini
  • Sull'orlo del baratro
    Pace
    Lettera accorata di Padre Alex Zanotelli

    Sull'orlo del baratro

    Viviamo un momento drammatico della storia umana. Siamo sotto la minaccia dell’ “inverno nucleare” e dell’ "estate incandescente". In questo momento, per la crisi Ucraina, siamo terrorizzati dalla minaccia di una guerra nucleare.
    18 febbraio 2022 - Alex Zanotelli
  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)