ZeroIpa

Una cappa di inquinanti sulla città

Taranto, stamattina IPA cancerogeni peggio di 5 anni fa

Ed ecco a voi la come si respira bene a Taranto con i commissari ILVA nominati dal Governo. Che non a caso sono immuni penalmente in base alla settima legge salva ILVA. Nel 2010 avevamo 20 ng/m3 di IPA. Stamattina avevamo 31 ng/m3.
16 giugno 2015

ILVA di Taranto

Quanti nanogrammi di IPA (idrocarburi policiclici aromatici) respira un bambino a Taranto per ogni metro cubo che va nei suoi polmoni? L'inquinamento cancerogeno e mutageno a Taranto viene misurato dai cittadini con la stessa strumentazione dell'ARPA. Quello che vedete in fondo alla pagina web è il grafico delle 145 misurazioni effettuate da PeaceLink stamattina mentre su Taranto incombeva una cappa di inquinamento cancerogeno che è stato immortalato in una foto efficacissima (che riportiamo qui accanto). Il grafico a fondo pagina si legge così: il valore di 20 ng/m3 di IPA corrisponde all'inquinamento nel quartiere Tamburi al tempo della telefonata Vendola-Archinà (2010). Il valore 40 ng/m3 corrisponde al fumo passivo. Come si vede sia il valore di 20 sia quello di 40 vengono superati a seconda delle misurazioni. E stiamo parlando di sostanze anche mutagene, che possono cioè mutare il DNA che i genitori trasferiscono ai figli.

Concentrazioni di IPA in ng/m3

Dall'alba il centro di Taranto era oggi investito da una massa di aria cancerogena e mutagena, di cui abbiamo misurato i valori di Ipa, che risultavano elevati. Il centro era infatti sottovento. E agli Ipa occorre aggiungere i Nitro-Ipa, che si formano in particolare d'estate, e che sono cancerogeni anche solo per contatto dermico, e anche mutageni.

I Nitro-Ipa fanno parte del cosiddetto INQUINAMENTO SECONDARIO e cioè si formano a seguito di trasformazioni chimico-fisiche degli inquinanti primari (gli Ipa, nel nostro caso, direttamente emessi in atmosfera dalle sorgenti).

Grafico delle 145 misurazioni di IPA fra le ore 7.17 e le 7.41 del 16 giugno 2015. Sull'ordinata vi sono i dati della concentrazione in ng/m3 di IPA. L'analizzatore Ecochem PAS 200 CE era a 5 chilometri dall'ILVA, sottovento.

Quando il sindaco di Taranto Ippazio Stefano diceva di non preoccuparsi d'estate perché il sole spezzava le molecole di benzo(a)pirene, non diceva che in tale trasformazione si formavano composti cancerogeni e mutageni (i Nitro-Ipa) non meno pericolosi, ma che né lui né l'Arpa si preoccupavano di far misurare. I Nitro-IPA sono da tempo oggetto di studio per il loro impatto sulla salute dell'uomo. Fra i Nitro- IPA uno dei composti dotati di maggior potere mutageno è il 2-Nitrofluorantene, che si forma essenzialmente durante gli eventi di smog fotochimico.

Si legge sul sito del Ministero dell'Ambiente: "In presenza di luce solare gli IPA possono produrre composti a volte più tossici di quelli originali come succede per i nitro-IPA, formatasi dalla reazione con acido nitrico oppure per gli IPA ossidati derivanti dalla reazione con l'ozono".

Ma i Nitro-Ipa, nonostante l'abbondanza di ozono, a Taranto non mi risulta che vengano misurati dall'Arpa. E la situazione è attualmente fuori controllo. Questa cosa la segnaleremo alla Commissione Europea.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)