PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Questa volta vogliamo tutto il diritto di vivere in Pace
    Campeggio Resistente No Muos

    Questa volta vogliamo tutto il diritto di vivere in Pace

    E' iniziato il 6 agosto, e durerà una settimana, il campeggio resistente No Muos a Niscemi. Il 9 Agosto nuova manifestazione. 7 attivisti sono saliti sulle antenne, da dove hanno scritto questa lettera aperta.
    8 agosto 2014 - Coordinamento regionale dei Comitati No MUOS
  • Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto
    Gli idrocarburi nel lago Pertusillo

    Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto

    La difesa del radicale lucano Maurizio Bolognetti spiega perché i singoli cittadini hanno il diritto - dovere di tutelare l'ambiente
    17 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • L’uomo che ha umiliato la Chevron
    Una storia esemplare

    L’uomo che ha umiliato la Chevron

    L’avvocato ecuadoriano Pablo Fajardo ha ottenuto contro il gigante del petrolio il più grande risarcimento della storia per disastro ambientale
    16 ottobre 2013 - Pablo Ximénez de Sandoval
  • Uno dei maggiori disastri ambientali della storia: il caso Chevron-Texaco in Ecuador
    Quando la mucca da mungere si ribella

    Uno dei maggiori disastri ambientali della storia: il caso Chevron-Texaco in Ecuador

    L'Ecuador sta raccogliendo la documentazione da presentare alla fine dell'anno davanti alla Corte dell'Aia. È stato stabilito il danno al delicato ecosistema amazzonico a cominciare dallo sversamento di 680.000 barili di greggio nei fiumi, flora e fauna delle province amazzoniche. Lo sfruttamento di questi pozzi è stato effettuato senza alcuna protezione nei riguardi dell'ambiente circostante. La popolazione delle province di Orellana e Sucumbios ha una percentuale di malati di cancro tre volte superiore agli abitanti del resto del paese. Ci sono più di 80.000 analisi che rilevano l'esistenza di prodotti tossici nel suolo e nell'acqua risultanti dalla contaminazione di acqua tossica proveniente dall'estrazione del petrolio.
    9 ottobre 2013 - Luis Padilla en Mié
PeaceLink Abruzzo e Ass. Antimafie Rita Atria aderiscono

No alla deriva petrolifera, Sì all'Abruzzo sostenibile. In piazza contro Ombrina Mare 2

Decine di organizzazioni, comitati e movimenti lanciano l'appello per la manifestazione regionale del 13 aprile contro i progetti di sfruttamento degli idrocarburi e per la tutela del mare e del territorio.
2 aprile 2013

Volantino manifestazione

  “No alla deriva petrolifera, Sì all'Abruzzo sostenibile e alla tutela del suo mare” decine di organizzazioni, comitati e movimenti hanno lanciato l'appello per la partecipazione alla manifestazione regionale che si terrà il prossimo sabato 13 aprile 2013 a Pescara con partenza alle ore 15:30 dalla Madonnina al Porto. La scelta del luogo di partenza è altamente simbolica perché sotto attacco è il Mare Adriatico.

Tantissimi, come detto, i promotori dell'evento. Tra questi, le principali associazioni del commercio e ambientaliste, assieme ad importanti sindacati, movimenti, comitati e organizzazioni che da anni si battono sul territorio per un futuro sostenibile per la nostra regione, basato sulla qualità della vita e su un'economia veramente responsabile e durevole. Il turismo legato al mare e al territorio, le produzioni alimentari di qualità; la tutela dei beni culturali; le fonti rinnovabili e l'efficienza energetica; il comparto industriale all'avanguardia nella gestione dei processi tecnologici a basso impatto ambientale; questo costituisce già il presente per il nostro territorio. Le fonti rinnovabili nel 2011 contribuivano per oltre il 40% al fabbisogno di energia elettrica regionale. Decine di migliaia di persone vivono grazie all'uso delle risorse ambientali del territorio, dalle spiagge ai prodotti agricoli di qualità. L'Abruzzo sta già dimostrando nei fatti che una società più sostenibile non è solo possibile ma necessaria, accettando, nel suo piccolo, la sfida imposta dai cambiamenti climatici in atto a scala globale a causa dell'uso del petrolio e delle altre fonti fossili di energia. Gli abruzzesi, a partire dal loro Statuto regionale, hanno già deciso quale strada perseguire per vivere il presente e costruire il futuro.

La mobilitazione è scattata dopo l'approvazione del progetto Ombrina mare della Medoilgas ma è la vera e propria deriva petrolifera contenuta nella Strategia Energetica Nazionale varata dal Governo Monti a preoccupare associazioni, sindacati e movimenti. In questo documento, inopinatamente varato da un Governo dimissionario, sono contenute scelte che dovrebbero incidere sul futuro della regione almeno fino al 2020, Tra queste, la destinazione a vero e proprio distretto minerario per gli idrocarburi dell'intero territorio abruzzese e del suo mare.

Il presente e il futuro della regione e del suo territorio non possono essere ostaggio di scelte calate dall'alto volte a promuovere gli interessi di pochi su quelli dei cittadini. L'Abruzzo sta già scontando pesantemente attività ambientalmente devastanti: il caso di Bussi pesa come una spada di Damocle sul futuro dell'intera Valpescara, con il depauperamento della qualità di una risorsa strategica per la vita e il territorio come l'acqua, con danni stimati miliardi di euro. Ora è il momento di impegnarsi per cancellare queste emergenze e per tutelare orgogliosamente la meravigliosa natura e gli struggenti paesaggi che il nostro territorio può ancora offrire, a partire dalla Costa dei Trabocchi che il Parlamento italiano fin dal 2001 ha destinato a Parco nazionale. Chi promuove i progetti petroliferi, come accaduto in altri campi, promette sempre la massima compatibilità; puntualmente la realtà mostra una faccia diversa di queste industrie, con incidenti che minano intere economie. Cosa accadrebbe all'Adriatico e alle sue spiagge in caso di sversamento di 40.000 barili di petrolio, la quantità rilasciata in mare nel 2011 in un unico incidente da una nave raffineria simile a quella che vogliono installare di fronte a S. Vito? I rilasci in mare di sostanze inquinanti sono fatto ordinario nell'industria petrolifera e il Mediterraneo ha già oggi una concentrazione di idrocarburi dieci volte più alta rispetto agli altri mari.

Per questo i promotori invitano la comunità abruzzese ad aderire alla manifestazione e a partecipare al corteo che sfilerà colorato per le vie di Pescara. Un modello sociale, ambientale ed economico basato sulla qualità della vita e sulla sua durevolezza: questo vogliono i cittadini che manifesteranno. Alle organizzazioni che fanno politica e alla istituzioni chiediamo di aderire alla lotta con iniziative e scelte concrete. Atti che devono contribuire a risolvere con successo questa vertenza, a partire dall'imporre il divieto di sfruttamento degli idrocarburi in Adriatico e all'impegno ad avversare con sollecitudine e accortezza tutti i progetti petroliferi che ormai quotidianamente cercano di assalire il nostro territorio.

Ulteriori adesioni possono essere inviate all'email abruzzonopetrolio@libero.it

Pagina Facebook della manifestazione

http://www.facebook.com/pages/Manifestazione-NO-Ombrina-SI-Parco-Mobilitazione-per-13-Aprile-a-Pescara/471677382886666?ref=ts&fref=ts

Note:

Adesioni pervenute finora:

Agesci Abruzzo, Confcommercio, Ass. L'Altritalia Lanciano, Abruzzo Social Forum Slow Food Chieti, Fondo per l'Ambiente Italiano Abruzzo, Italia Nostra, Mountain Wilderness Abruzzo,, Legambiente Abruzzo Onlus, Arci Comitato Provinciale Chieti, Arci Circolo Territoriale Vasto, Arci Circolo Territoriale, Chieti, Arci Solidarietà Provincia di Chieti, Arci Servizio Civile Chieti, Comitato provinciale Arci Pescara, Ass. Nuovo Senso Civico, Associazione Animalisti Italiani Onlus, Marevivo, Lega Italiana Protezione Uccelli, CGIL Abruzzo, Confesercenti,, Stazione Ornitologica Abruzzese ONLUS, Brigata di Solidarietà Attiva Abruzzo, Arci Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo, Centro Internazionale Crocevia, Associazione Naturista Abruzzese, Comitato No Petrolio, Comitato "Aria Nostra" Scafa, Confederazione Cobas Abruzzo, Cobas del Lavoro Privato, Centro Studi Montagna Vastese e Valle del Trigno, Comitato per la tutela del territorio – Vasto, Comitato di Cittadini "Gestione Partecipata Territorio" di Bomba, USB - Unione Sindacale di Base, Associazione Bed&Breakfast Parco Maiella Costa Trabocchi, Circolo Culturale Fermenti – Monteodorisio, Associazione Yoga Center Elisa, CCiclAT - Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano, Associazione DEMOS, Associazione Culturale I Colori del Territorio, Associazione Culturale Terre del Sud, Associazione "Orsa Pro Natura Peligna" - federata Pro Natura Nazionale, Unione Inquilini - Segreteria di Pescara, Associazione "Nuovi Orizzonti", Comitato No Rifiuti a Fosso Grande, Associazione Deposito Dei Segni Onlus, Azione Antifascista Teramo, Ires Cgil Abruzzo, Segreteria Provinciale della Camera del Lavoro Cgil di Pescara, Comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona, Cooperativa Pralipè, Associazione Alma Pralipè, Associazione Culturale "Detto Tra Noi", Cooperativa Terracoste a r.l., Consulta Comunale delle Associazioni di Chieti, del Settore "Cultura, Beni Culturali, Ambiente", ACLI Chieti, Acquariofili Abruzzesi, Accademia dei Transumanti degli Abruzzi, Associazione Nazionale Tutela Ambiente, Archeoclub Chieti, Arte del Teatro Kapsico Klubo, Auser Unitel, Camminando Insieme, Camper Caravan Club Chieti, Centro studi AICS Domenico Spezioli, Cives, Coro Selecchy, Ass. Da Grande Voglio Crescere, Ass, Diritti Diretti, Ass. Gaio Asinio Pollione, Il Martello del Fucino, Gruppo Escursionisti Majella, Ass. Il Canovaccio, Laboratorio Tradizione d'Abruzzo, Ass. Libridine, Ass. Mathesis, Ass. Noi del G.B. Vico, Ass. Sacro e Profano, Speleoclub Chieti, Ass. Theate Musica Antiqua, Ass. trifoglio, Ass. Voci di Dentro, Ass. Zampogne d'Abruzzo, Ass. Magnifica Comunità teatina, Ass. Piccolo Museo delle Meraviglie, "Il Tesoro Di Tatua" (Centro Didattico Abruzzese Produzione,Sperimentazione e Ricerca Antropologica Teatrale e Musicale - Lanciano CH), Ass. Tiriteri, ChietiScalo.it, C.a.s.t. Comitato ambiente salute e territorio (elettrodotto Villanova/Gissi), Centro sociale occupato Zona22, Comitato Radicati al Territorio No Ombrina Si Parco, La Casa delle Arti, Comunità Volontari per il Mondo, Schola Catorum Zimarino, WWF Abruzzo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy