Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La forza disarmante della Gandhi del Sahara
    I bambini con le foto dei padri desaparecidos, gli anziani che mostrano con dignità le torture che segnano i loro corpi, le donne che parlano di violenze inenarrabili. Incontro dopo incontro siamo scesi in un girone del dolore senza fine.

    La forza disarmante della Gandhi del Sahara

    Da Firenze passando oltre il confine invisibile che taglia il Marocco in due. Un viaggio per conoscere e far conoscere al mondo sofferenze e speranze del popolo Saharawi.
    3 marzo 2013 - Andrea Misuri
  • la libertà di esistere

    il diritto alla libertà passa attraverso il riconoscimento della legittimità delle nazioni.
    25 aprile 2006 - Paola Maccioni
  • Il Marocco minaccia la rottura delle relazioni diplomatiche

    L'Uruguay riconosce la Repubblica Araba Sahrawi Democratica

    Il riconoscimento della Rasd è stato salutato come una grande vittoria da parte del portavoce M'hamed Jedad

    6 gennaio 2006 - David Lifodi
  • Maima
    Una donna del deserto

    Maima

    Dedicato a tutte le donne che combattono, insegnando la pace, per un Ideale. E agli uomini che credono in loro.
    15 gennaio 2005 - Paola Maccioni

Risoluzione ONU S/2005/677 sulla situazione nel Sahara Occidentale

Fonte: Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (traduzione non ufficiale) - 28 ottobre 2005

Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Situazione nel Sahara Occidentale
Testo della risoluzione (S/2005/677)

Il Consiglio di Sicurezza

Richiamando tutte le risoluzioni precedenti sul Sahara Occidentale tra cui la risoluzione 1495 (2003) del 31 luglio 2003, 1541 (2004) del 29 Aprile 2004 e 1598 (2005) del 28 Aprile 2005,

Ribadendo la sua volontà di aiutare le parti a trovare una soluzione politica giusta, durevole e accettata da entrambe le parti che permetta l’autideterminazione del popolo del Sahara Occidentale nel quadro degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite, fermo restando il ruolo e la responsabilità delle parti.

Chiedendo nuovamente alle parti e agli Stati della regione di continuare a cooperare pienamente con l’ONU per uscire dal’’impasse attuale e giungere ad una soluzione politica,

Prendendo atto della liberazione il 18 Agosto 2005, da parte del Fronte Polisario, di 404 prigionieri di guerra marocchini conformemente al diritto internazionale umanitario e chiedendo alle parti di continuare a cooperare con la Croce Rossa per scoprire la sorte dei desaparecidos dall’inizio della guerra,

Si felicita della nomina dell’Inviato personale del Segretari Generale per il sahara Occidentale, Peter van Walsum, che ha recentemente fatto un giro di consultazioni nella regione,

Avendo esaminato il rapporto del Segretario generale del 17 Ottobre 2005 (S/2005/648),

Il Polisario è soddisfatto della recente risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU
New York, 29/10/2005

“Il Fronte Polisario ha preso atto con soddisfazione della risoluzione che è stata adottata dopo una settimana di negoziati durante la quale il Consiglio di Sicurezza ha respinto il tentativo marocchino di introdurre nella risoluzione frasi e idee tendenti ad alterare la natura e il ruolo dell’ONU nella soluzione del conflitto di decolonizzazione” ha detto Boukhari Ahmed rapprentante saharawi all’ONU. Ha inoltre rilevato che il CdS ha ribadito il suo “sostegno al diritto del popolo saharawi all’autodeterminazione” e ha “riconosciuto il gesto altamente positivo delle liberazione da parte del Fronte Polisario degli ultimi prigionieri di guerra marocchini”.
1. Riafferma che gli accordi militari di cessate il fuoco raggiunti con la Minurso devono essere pienamente rispettato;

2.Invita gli Stati Membri dell’ONU a versare contributi per finanziare le misure di fiducia che permettono di moltiplicare i contatti tra i membri di una stessa famiglia separati, in particolare le visite di gruppi famigliari,

3. Decide di prorogare il mandato della Missione delle Nazioni Unite per l’Organizzazione di un Referendum nel Sahara Occidentale (MINURSO) fino al 30 Aprile 2006;

4. Invita il Segretario a presentare un rapporto sulla situazione nel Sahara Occidentale prima della fine del mandato della Minurso e invita l’inviato speciale del Segretario generale di rendergli conto, nei tre mesi seguenti all’adozione della risoluzione, dell’evoluzione della missione.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies