Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana.(Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    5 giugno 2014 - Alessio Di Florio
  • Dino Frisullo. 10 anni dopo lotta ancora insieme a noi

    Dino Frisullo. 10 anni dopo lotta ancora insieme a noi

    "D'ora in avanti in ogni sguardo sperduto e impaurito di immigrati o profughi che incontrero' so che vedrò Dino, il mio sorriso a loro sarà anche per lui."(Luisa Morgantini)
    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    5 giugno 2013 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un uomo d’azione e di pace
    Il presidente iracheno dal 17 dicembre scorso è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Baghdad. Era stato operato al cuore negli Usa nel 2008 e il 17 settembre era rientrato in Iraq dopo essere stato tre mesi in cura in Germania.

    Jalal Talabani, un uomo d’azione e di pace

    In occasione delle ultime elezioni politiche, nella primavera di due anni fa, alle prime ombre della sera Sulaimaniya si trasformava. Nel frastuono dei clacson e delle musiche a tutto volume delle auto, migliaia di giovani si riversavano nel centro cittadino. Una scenografia accattivante, che faceva quei giovani partecipi di un progetto comune. Un coinvolgimento più simile a quello di chi aveva vent’anni nel nostro ultimo dopoguerra che a un giovane dell’Europa attuale, stressata tra spread e default. Ecco, questa è l’altra immagine che mi viene alla mente. La voglia di partecipazione e la scoperta della ritrovata possibilità di scegliere, che univa quei giovani. Protagonisti del proprio futuro.
    E’ questo il patrimonio di valori e speranze che Jalal Talabani ha saputo trasmettere al proprio popolo.
    21 dicembre 2012 - Andrea Misuri
Comunicato stampa dell'Associazione Melagrana ONLUS

Dopo il newroz, la delegazione incontra il TES-IŞ, la ‘’Piattaforma Democratica’’ per la Pace ed i Diritti Umani di Diyarbakir

22 marzo 2006 - Roberto Malinconico

I commenti sono ancora nei nostri sguardi e lo stupore accompagna le ore nel nostro girare per le strade dı Diyarbakir mentre ci rechiamo ad incontrare le associazioni per i diritti umani e la Pace della città.
La militarizzazione di questa parte della Turchia è evidente ad ogni angolo di strada: blindati della polizia e dell’esercito, mitra spianati e reparti antisommossa pronti e mobilitati per le strade.
Incontriamo la ‘’Piattaforma Democratica’’ (il TES-IŞ), nata nel 1990 da una sinergia di tutte le agenzie (pubbliche amministrazioni ed associazioni) della regione di Diyarbakir. L’obıettivo comune è quello di promuovere attenzione alle questioni sociali: salute, immigrazione e povertà.

La Piattaforma Democratica nasce in un periodo di grandissime conflittualità: il territorio dichiarato zona di guerra (lo è ancora oggi) e la guerriglia kurda sulle montagne particolarmente attiva.
Il TES-IŞ, pone come questione principale la ‘’pacificazione’’ nazionale ed il ripristino dei diritti civili edu mani in Turchia.
Dall’incontro è emerso l’iniscindibile legame tra questione economica e demografica e rispetto della Pace e dei Diritti Umani, senza le quali non potrà essere avviato un reale percorso democratico in Turchia.
Negli ultimi 20anni la Turchia ha speso una cifra astronomica (20 miliardi di dollari) in armamenti e per tenere, in maniera massiccia, il controllo militare del territorio kurdo.
Ma è proprio attraverso la via democratica che passa l’ingresso della Turchia in Europa.
Oggi, ci hanno spiegato i responsabili della ‘’Piattaforma Democratica’’, il governo turco subisce forti pressioni dall’Europa (diritti civili e umani, risoluzione della questione kurda, ecc.) e in senso opposto dalle sfere militari che vedrebbero ridursi fortemente il proprio potere da una risoluzione pacificata della questione kurda. Lo stesso presidente del consiglio turco Erdogan, che pure aveva per la prima volta parlato di un ‘’problema kurdo’’, alcuni mesi fa proprio a Diyarbakir, ha dovuto fare marcia indietro per la forte reazione dei gruppi nazionalisti turchi e le forti formazioni politiche di destra.
Ma dal newroz il messaggio è stato chiarissimo: o si affronta in maniera seria la questione kurda, con l’amnistia delgi oltre 10.000 guerriglieri nelle carceri turche e si lavora per il reinserimento nella società civile dei guerriglieri che ancora combattono sulle montagne (oltre 10.000 uomini e done in armi), o lo scontro sarà sempre più duro.
È giunto il momento della pacificazione in una Turchia dove i kurdi hanno finalmente piena cittadinanza.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies