Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Le armi e la difesa del colosso africano
    Nigeria

    Le armi e la difesa del colosso africano

    28 aprile 2011 - Vincenzo Gallo
  • Responsabilità (Sociale) di ENI
    Eni e la mancata cessazione (a tutt'oggi) della dannosa tecnica di gas flaring

    Responsabilità (Sociale) di ENI

    ENI ha ricevuto il Premio per la Responsabilità Sociale d'Azienda dalla FPA, negli stessi giorni in cui un servizio di Report metteva in evidenza incongruenze e anomalie nell'operato della compagnia nella regione del Delta del Niger
    4 luglio 2009 - Ivan Flammia
  • Riesplode la violenza tra comunita' religiose in Nigeria

    Jos teatro di scontri di religiosi

    Come avvenne nel 2001, Jos e' ancora una volta al centro di violenze tra le opposte fazioni cristiane e musulmane, mentre i partiti politici lottano per spartirsi le rendite el petrolio
    2 dicembre 2008 - Matteo Figus
  • Respinta la richiesta di annullamento delle elezioni presidenziali

    Yar’Adua confermato presidente dal tribunale

    Atiku Abubakar e Muhammadu Buhariu vedono respinta la richiesta di annullamento delle presidenziali, ma annunciano ricorso alla Corte Suprema.
    28 febbraio 2008 - Matteo Figus
Nigeria-Camerun

Il Senato dichiara illegale il passaggio di sovranita’ su Bakassi

Nuovo ostacolo sul gia' difficile processo di transizione che prevede il passaggio di sovranita' sulla Penisola di bakassi al Camerun.
23 novembre 2007 - Matteo Figus

Il Senato nigeriano ha approvato una mozione con la quale dichiara illegale il passaggio della Penisola di Bakassi al Camerun.
Il cambio dovrebbe avvenire nel 2008, ma gia’ da agosto le truppe nigeriane hanno lasciato il territorio, anche se formalmente la Nigeria continua ad amministrarne l’ autorita’ politica.
Il Senato dichiara che qualsiasi passaggio della sovranitra’ sulla penisola non puo’ essere accettato senza un previo emendamento alla costituzione e una sua ratifica da parte dell’Assemblea Nazionale.
Il passaggio della penisola e’ previsto dalla precedente dichiarazione della Corte Internazionale di Giutizia nel 2002, che di fatto dovrebbe risolvere una disputa che si perpetua da quasi un secolo, e che piu’ volte ha visto episodi di guerra tra i due paesi, anche se mai un vero scontro diretto.
Il Senato prende posizione in un momento gia’ difficile della transizione, dopo che i soldati nigeriani hanno ripreso ad ammarssarsi al confine in seguito al recente attentato contro le forze armate camerunensi, con 21 vittime. L’attacco non e’ stato rivendicato, ma i ribelli del luogo negano e da piu’ parti pare che qualcuno voglia riaccendere la miccia. La situazione era stata sottoposta al giudizio della corte internazionale dopo gli scontri dei primi anni 90 che stavano poratando i due paesi sull’orlo della guerra.
In realta’ anche dopo il pronunciamento la Nigeria e’ sempre apparsa vaga e poco incline ad attuare il progetto, il governo Obasanjo ha portanto a compimento alcune tappe del processo, come lo scambio di villaggi sul nuovo confine, ma il vero ostacolo era e rimane il passaggio dell’autorita’ politica.
Le ragioni di questa contesa piu’ che a questioni territorali e nazionalistiche, vanno cercate nelle ingenti risorse economiche celate nel sottosuolo e nel fondale marino. Si
stima che almeno il 10% delle riserve mondiali di gas sia nella penisola, oltre a petrolio e una ricca quantita’ di pesce.
Il nuovo ostacolo rappresenta un ulteriore banco di prova per il nuovo presidente Yar’Adua, il quale si ritrova ora a decidere se appoggiare i piani del Senato e dei residenti e tenatare un’ulteriore proroga; oppure rispettare gli accordi, forzare il Senato e cdedere la sovranita’ sulla penisola.
In un caso sara’ l’eroe nazionale, dall’altra colui si e’ piegato agli interessi esterni, generando ancora piu’ diffidenza nel suo gia’ difficile lavoro.

Note:

http://nigeria.gov.ng Nigerian government
http://prc.cm Cameroon presidency
http://icj-cij.org International Court of Justice

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies