Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La resistenza delle donne e degli uomini di Kobane nella “guerra contro il terrore” 3.0

    La resistenza delle donne e degli uomini di Kobane nella “guerra contro il terrore” 3.0

    17 ottobre 2014 - Rossana De Simone
  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana.(Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    5 giugno 2014 - Alessio Di Florio
  • Dino Frisullo. 10 anni dopo lotta ancora insieme a noi

    Dino Frisullo. 10 anni dopo lotta ancora insieme a noi

    "D'ora in avanti in ogni sguardo sperduto e impaurito di immigrati o profughi che incontrero' so che vedrò Dino, il mio sorriso a loro sarà anche per lui."(Luisa Morgantini)
    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    5 giugno 2013 - Alessio Di Florio
Lo ha dichiarato Ocalan nel periodico colloquio con i suoi avvocati

"L’Autonomia democratica è il progetto risolutivo della questione kurda."

"Autodeterminazione non vuol dire per forza la creazione di uno Stato. Questo è stato l’errore del socialismo reale, Palestina e Kurdistan del sud ne sono gli esempi"
20 agosto 2010
Fonte: Kurdish Info

Il leader del popolo kurdo Abdullah Ocalan, nel corso del suo periodico incontro con gli avvocati ha affermato che si sta vivendo un periodo storico e che l’Autonomia democratica è il progetto risolutivo della questione kurda. Ocalan, entrando nel merito, ha anche chiarito i dettagli del progetto di autonomia democratica dal punto di vista legale, politico, economico, culturale e dell’autodifesa: “Tutti si aspettano molto da me, è un momento difficile per me così come per il KCK. Ci sono state alcune organizzazioni non governative che hanno stretto degli accordi con le autorità, è stato loro promesso una posizione di rilievo non appena il PKK fosse stato eliminato. Questo getterà su loro molto discredito ed il loro progetto fallirà”. Queste le parole di Ocalan a commento dell’ultimo Congresso della società democratica al quale alcune NGO non hanno preso parte.

Sull’autonomia democratica Ocalan ha affermato che quando una nazione democratica è l’anima allora l’autonomia democratica ne è il corpo e uno strumento concreto per costruire la nazione stessa.
Sulla struttura dell’Autonomia democratica Ocalan ha aggiunto:

Aspetti politici: è prevista una assemblea del Congresso del popolo: il Congresso della società democratica e è previsto un organo esecutivo del Congresso.

Aspetti legali: I catalani lo chiamano “statuto”, anche noi lo chiameremo così. È importante perché determinerà lo status legale dei kurdi. Dovrà essere posto in rilievo all’interno della Costituzione e di tutte le altre norme. Una legge determinerà gli aspetti ed i confini dell’autonomia democratica.


Aspetti economici: Una nazione democratica ha anche bisogno di politiche economiche che, ad esempio, regoleranno la questione delle dighe e dello sfruttamento delle altre risorse naturali. Da questo punto di vista non possiamo accettare il sistema capitalistico, probabilmente non riusciremo a cancellarlo totalmente ma tenteremo di modificarlo e di creare il nostro sistema particolare.  Il pubblico ed il privato possono essere armonizzati ma ciò richiede ulteriori approfondimenti.


Aspetti culturali: questo aspetto riguarda principalmente l’uso e l’educazione della propria lingua madre, la storia e l’arte. Come saranno regolati questi aspetti nell’ambito della nazione democratica? Sono aspetti che debbono essere discussi. Bisogna anche trovare una soluzione al genocidio culturale del quale i kurdi sono stati vittime.


Autodifesa: Possiamo considerarlo l’ambito che riguarda la sicurezza. I mezzi, cioè, per contrastare il genocidio fisico e culturale. Non intendo sicurezza con le armi ma la presenza di strutture democratiche che permettano ad ogni individuo di provvedere alla propria sicurezza. Potrà essere discusso se i kurdi dovranno assolvere gli obblighi di leva. Come puòà essere smantellato il sistema delle guardie di villaggio? Tutto ciò dovrà essere affrontato. Questi temi sono importanti per il popolo come lo sono il pane e l’acqua.

Aspetto diplomatico: questo riguarda i rapporti dei kurdi con altre nazioni e comunità. Riguarda sia il rapporto con i nostri vicini che quello con le comunità kurde nella diaspora. Quali relazioni intendiamo stabilire? Come possiamo vivere assieme? Questi sono aspetti diplomatici.


Ocalan ha concluso mostrando apprezzamento per il modello catalano ed aggiungendo che i kurdi possono imparare molto da questo modello: “Creare una nazione democratica non vuol dire costruire uno Stato nazione. Autodeterminazione non vuol dire per forza la creazione di uno Stato. Questo è stato l’errore del socialismo reale, Palestina e Kurdistan del sud ne sono gli esempi”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies