Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Il personale di un Ospedale di Tripoli racconta come ha creato delle cliniche clandestine per curare i feriti durante la rivolta in Libia.

    I medici rivelano gli orrori negli ospedali sotto Gheddafi

    Man mano che il personale torna alla normale routine di tutti i giorni, storie da far rizzare i capelli stanno emergendo dal racconto dei momenti vissuti dai medici dell'ospedale dopo l'inizio della rivolta dello scorso mese di febbraio.
    15 settembre 2011 - David Poort
    Fonte: Al Jazeera.net - 15 settembre 2011

    Al Jazeera : Libia revolution

    Poco dopo che l'esercito di Gheddafi aveva brutalmente disperso le prime dimostrazioni di Tripoli, l'ospedale è stato occupato dalle truppe governative, costringendo i medici a denunciare i pazienti che erano stati ricoverati per ferite di arma da fuoco,  hanno dichiarato i medici ad Al Jazeera.

    Molti pazienti sospettati di essere anti - Gheddafi sono stati arrestati e da quel momento sono scomparsi. Noncuranti del clima di terrore che regnava nei corridoi dell'ospedale, un gruppo di medici collegati all’ospedale seppe che, lontano dagli occhi delle forze di sicurezza, si stava formando una rete di cliniche segrete, nascoste per tutta Tripoli.

    Case private, scuole e altri edifici sono stati trasformati in sale operatorie di fortuna, equipaggiate con attrezzature mediche trafugate dai dottori dai depositi degli ospedali.  È stata, secondo i medici, una iniziativa rischiosa perché rubare attrezzature da un ospedale, se scoperto, è represso con severe punizioni.

    "Siamo stati medici clandestini ", ricorda Noureddine  Hassan  Aribi, chirurgo vascolare, recentemente nominato direttore dell'ospedale, quando gli viene chiesto di raccontare i giorni in cui è cominciato tutto.

    "E 'stato un incubo. Si presentavano con ferite orribili. I miei colleghi ed io abbiamo curato molte persone anche in case vicine a questo ospedale ma se le ferite erano troppo complicate, dovevamo cercare una clinica privata. Abbiamo rimosso proiettili e ricomposto fratture usando strumenti primitivi come assi di legno o pezzi di metallo.  Abbiamo operato in 24 ospedali clandestini in tutta Tripoli. Alcuni dei nostri medici sono stati catturati dalle forze di Gheddafi e portati in prigione. Almeno uno di loro è stato ucciso e di un altro non abbiamo ancora notizie"   racconta il Dottor Aribi a Al Jazeera.

    La Figlia adottiva di Gheddafi

    Per non sollevare nessun sospetto all'ospedale, il normale lavoro quotidiano doveva continuare regolarmente, ma questo compito era reso ancora più difficile dalla presenza di un chirurgo speciale : Hana Gheddafi, la figlia adottiva dell'ex leader libico.

    Muammar Gheddafi disse una volta che Hana era morta nel bombardamento americano su Tripoli del 1986. In realtà, Hana ha finito la scuola medica a Tripoli alcuni anni fa e recentemente ha iniziato il suo secondo anno come chirurgo generico presso l'Ospedale Centrale.

    La sua presenza metteva una maggior pressione sul personale medico, perché nessuna delle attività clandestine poteva essere accennata in sua presenza.

    Prima che cominciasse la rivolta, Hana stava stava lavorando bene e nessuno si era preoccupato di lavorare con lei accanto. Ma quando la rivoluzione è cominciata, anche lei ha mostrato la faccia brutta della famiglia Gheddafi.  Ha cominciato a dire ai colleghi di non curare i pazienti che erano anti - Gheddafi , che lei chiamava "topi"  ha detto il  Dottor Aribi.

    Durante gli ultimi due giorni del governo di Gheddafi nel mese di agosto, l'ospedale era completamente invaso dalle sue truppe, che chiedevano di curare i loro compagni feriti. Comunque  la maggior parte dei medici si era messa d’accordo per stare lontano dall'ospedale e lavorare solo negli ospedali da campo del quartiere.

    Dopo il 20 agosto, i combattenti del Consiglio Nazionale di Transizione (NTC), che avevano conquistato  la città, avevano staccato un poster di Gheddafi dal muro dell’ospedale e lo avevano messo per terra all'ingresso perché fosse calpestato da tutti, come un segno di disprezzo per l'ex leader libico.

    Alcuni infermieri si sono rifiutati di calpestare il ritratto, tanto che si sono accese discussioni con le guardie NTC sulla porta dell'ospedale. Alcuni infermieri hanno anche dovuto lasciare l'ospedale per le minacce ricevute a causa di una loro presunta fedeltà al vecchio regime.

    Anche a me non piace calpestare un ritratto", dice Sahar, uno studente di medicina al quinto anno e praticante medico presso l'ospedale. "Ho pietà per Gheddafi ed ho compassione per lui. Il Consiglio non può costringermi a fare qualsiasi cosa”

    Torna la normalità

    Oggi, un clima di normalità è tornato all’Ospedale Centrale di Tripoli. Il vecchio Direttore  pro - Gheddafi è scomparso subito dopo la caduta del regime ed è stato sostituito da un consiglio di cinque medici, diretto dal Dr. Aribi. Hundred of missing person photos in Tripoli Hospital

    Ci sono le normali attrezzature mediche e le scorte sono ragionevoli, hanno dichiarato i medici a Al Jazeera. L'unica cosa che ancora ricorda ai visitatori la violenza della rivoluzione sono le centinaia di foto delle persone scomparse attaccate lungo le pareti dei corridoi da amici e parenti disperati.

    Ora che Gheddafi e il suo regime sono andati via,  la  gente viene  in ospedale per cercare amici o  familiari dispersi  temendo di  doverli riconoscere in un triste  database che  raccoglie le foto di tutti i corpi non identificati,  portati all'obitorio.

    Molti manifestanti, uccisi durante i sei mesi di repressione, sono stati segretamente sepolti dalle famiglie, senza nessuna formalità, per paura di ritorsioni da parte delle forze di sicurezza.

    Per questo motivo, le famiglie dei defunti non hanno ricevuto il certificato di morte che è necessario per richiedere il risarcimento del governo.

    "Solo adesso  ho il coraggio di venire qui e dire alla gente dell'obitorio che ho bisogno di un certificato di morte per mio cognato " ha detto Abdullah Hassan, un insegnante di Tripoli.

    Hassan dice che il suo cognato è stato ucciso dalle truppe di Gheddafi durante una manifestazione nel mese di febbraio ed è stato sepolto nel giardino di casa sua.

    Secondo Aribi, durante l'era Gheddafi,  il sistema sanitario libico era in un costante stato di crisi.

    Gheddafi era  contro le istituzioni. Questo era il suo sistema, la sua filosofia.

    Pensava che se un giorno avesse voluto distruggere tutte le istituzioni,  non ci sarebbe stata una seria opposizione organizzata contro il suo governo.

    È necessario un drastico cambiamento di mentalità da parte della gente condizionata  dalla diffidenza nei confronti delle istituzioni e del governo,  perché l'intero sistema era basato sulla corruzione.

    "La gente ha bisogno di prendere coscienza che la nuova Libia sarà dei libici, e non di Gheddafi." ha detto il Dr. Aribi. Malgrado ciò, Aribi è ottimista sul futuro del suo paese. "Abbiamo la volontà, le conoscenze e le competenze per migliorare le cose. Ci vuole solo un sacco di duro lavoro."

    Note:

    Tradotto per PeaceLink da Ernesto Celestini.
    Articolo originale:http://english.aljazeera.net/indepth/features/2011/09/201191564045846547.html

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies