Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink
L'ambasciatore americano in Iraq

John Negroponte: dal Centroamerica all'Iraq

Era stato criticato da attivisti appartenenti a gruppi di difesa dei diritti umani per "coprire gli abusi dell'esercito dell'Honduras".
6 settembre 2004 - Noam Chomsky (trad. A. Bariviera)
Fonte: Attac

Un principio morale che non deve provocare controversie è quello
dell'universalità: dobbiamo applicare verso noi stessi gli stessi modelli
che applichiamo verso gli altri. E, sicuramente, con più impegno.In genere,
se gli stati hanno il potere di agire con impunità, rifiutano i principi
morali, dato che sono loro che stabiliscono le regole. Questo è un nostro
diritto se ci consideriamo esenti dal principio di universalità. E lo
facciamo in modo costante. Tutti i giorni sorgono nuovi esempi.

Negroponte

Soltanto il mese scorso, John Negroponte viaggiò a Baghdad come ambasciatore degli Stati Uniti in Irak, per guidare la missione diplomatica più grande del mondo. La sua intenzione era consegnare la sovranità agli iracheni al
fine di eseguire la "missione messianica" di George W. Bush di istaurare la
democrazia in Medio Oriente e nel mondo. Al meno è quella l'informazione che
ci diede in modo solenne.

Nessuno però deve tralasciare un precedente: Negroponte imparò il
suo mestiere di ambasciatore degli Stati Uniti nel Honduras negli anni 80,
durante la prima guerra contro il terrore che i sostenitori di Ronald Reagan
dichiararono in Centroamerica e in Medio Oriente.

Ad aprile, Carla Anne Robbins, di The Wall Street Journal, scrisse un
articolo sulla nomina di Negroponte in Irak sotto il titolo di "Un
proconsole moderno". In Honduras, Negroponte era conosciuto come "Il
proconsole", titolo dato ai potenti governatori dell'epoca coloniale. Lì era
a capo della seconda ambasciata più grande dell'America Latina, dov'era
insediata anche la più grossa sede della CIA del mondo in quel periodo. E
non era perche l'Honduras fosse il centro del potere mondiale.

Robbins sottolineò che Negroponte era stato criticato da attivisti
appartenenti a gruppi di difesa dei diritti umani per "coprire gli abusi
dell'esercito dell'Honduras", eufemismo per chiamare il terrorismo di Stato
in grande scala, al fine di "assicurare il flusso degli aiuti statunitensi"
vitali per questo paese, che era "la base per la guerra occulta del
presidente Reagan contro il governo sandinista del Nicaragua".

La guerra occulta fu scatenata dopo che la rivoluzione sandinista prese il
controllo del Nicaragua, Il timore di Washington era che nel paese
centroamericano sarebbe potuto nascere una seconda Cuba. In Honduras,
l'incarico del proconsole Negroponte era di soprintendere le basi dove
un'esercito di terroristi mercenari, i contras, era addestrato, armato e
inviato a sconfiggere i sandinisti.

Nel 1984, il Nicaragua rispose in modo corretto, come uno Stato rispettoso
della legge: portò il caso contro gli Stati Uniti alla Corte Internazionale
di Giustizia, a La Haya.

La corte ordinò agli Stati Uniti di smettere con "l'uso illegale della forza" oppure per dirlo in parole chiare, con il terrorismo internazionale, contro il Nicaragua , e di pagare sostanziali risarcimenti. Ma Washington ignorò la corte, e porse il veto a due risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nelle quali si appoggiava la decisione e si richiedeva con forza a tutti gli stati di rispettare la legge internazionale.

Il consulente legale del Dipartimento di Stato, Abraham Sofaer, spiegò la
logica della Casa Bianca. Dal momento che la maggior parte del mondo "non
condivide il nostro punto di vista", dobbiamo "riservarci il potere di
determinare" come agiremo e quali problemi "ricadono essenzialmente
all'interno della giurisdizione degli Stati Uniti, determinati dagli stessi
Stati Uniti". In questo caso, le operazioni in Nicaragua condannate dalla corte.

Il disprezzo di Washington per il verdetto della corte e la sua arroganza verso la comunità internazionale sono forse rilevanti in relazione all'attuale situazione in Irak.

La campagna nel Nicaragua lasciò una democrazia dipendente a un prezzo
incalcolabile. Le morti dei civili sono state calcolate in migliaia. Secondo
Thomas Carothers, importante storico specializzato nei processi di
democratizzazione in America Latina, il numero dei morti "è in proporzione
molto più alto del numero di statunitensi morti durante la guerra civile
negli Stati Uniti e in tutte le guerre del XX secolo messe assieme".

Carothers scrive dal punto di vista di un profondo conoscitore, oltre che di
erudito, dato che è stato nel Dipartimento di Stato nell'epoca di Reagan
durante il programma di "rafforzamento della democrazia" in America
Centrale.

I programmi dell'era di Reagan sono stati "sinceri", anche se "fallirono",
secondo Carothers, dato che Washington poteva tollerare soltanto "forme
limitate dei cambiamenti democratici, dal alto verso il basso, al fine di
non mettere in pericolo le strutture tradizionali di potere con le quali gli
Stati Uniti erano alleati da molto tempo". Si tratta di una familiare
inibizione storica nella ricerca dei miraggi della democrazia, che gli
iracheni sembrano capire, perfino se noi non lo facciamo.

Attualmente, il Nicaragua è il secondo paese più povero dell'emisfero (sopra
Haiti, altro principale obiettivo degli interventi militari statunitensi durante il XX secolo).

Circa il 60 per cento dei bambini nicaraguensi di età inferiore ai due anni sono affetti di anemia a causa della denutrizione. Uno dei più cupi indicatori di quella che si considera una vittoria della democrazia.

Il governo di George W. Bush assicura che desidera portare la democrazia in
Irak, utilizzando lo stesso esperto funzionario che utilizzò in Centroamerica.

Durante le sedute per la conferma di Negroponte, la campagna terroristica
internazionale in Nicaragua fu solo accennata, ma non fu considerata di
particolare importanza grazie, sembra, a che siamo totalmente esenti dal
principio di universalità.

Diversi giorni dopo dell'assegnazione di Negroponte, l' Honduras ritirò il suo
piccolo contingente militare dall'Irak. Sarà stata una coincidenza. Oppure
forse gli hondureños ricordano qualcosa del periodo nel quale Negroponte è
stato lì. Qualcosa che noi preferiamo dimenticare.

Note:

Ultima pubblicazione di Chomsky " Hegemony or survival: America's quest for global dominance"
email: ellokal@pangea.org http://chiapas.pangea.org

Traduzione di Alejandra Bariviera a cura di Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies