Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Val di Susa, quando lo Stato viola la legge
    Lo scontro non è fra manifestanti a volto coperto e poliziotti, ma fra volontà popolare e lobby economiche

    Val di Susa, quando lo Stato viola la legge

    La Convenzione di Aarhus (recepita con legge 108/2001) non consente di fare scelte ambientali senza il consenso dei cittadini. Eppure le scelte vitali sono prese spesso escludendo le popolazioni. Condanniamo le bombe di carta ma vorremmo anche bloccare le bombe Nato che stiamo lanciano su Tripoli con le nostre tasse. Non si possono usare due pesi e due misure nel condannare la violenza
    4 luglio 2011 - Alessandro Marescotti
  • Perché vado in Val di Susa
    Alta velocità

    Perché vado in Val di Susa

    Il popolo NO TAV ha indetto, unitariamente, una grande manifestazione per domenica
    30 giugno 2011 - Olivier Turquet
  • Gli ambientalisti "del fare" incontrano i NO TAV

    Gli ambientalisti "del fare" incontrano i NO TAV

    Un signore che fa il "responsabile nazionale ambiente" di un partito se l'è presa a morte con dei cittadini che "avrebbero impedito" lo svolgersi di una manifestazione elettorale. Leggete un po di chi si tratta...
    5 aprile 2008
  • Dal premier solo parole vuote

    14 luglio 2007 - Antonio Ferrentino
Solidarietà alla Val di Susa

Sui "crani refrattari" ancora una volta il manganello dei ricchi: vergogna!

Il progetto "alta velocità" vuole scavare in un monte pieno di uranio e amianto. Una lobby trasversale di potenti vuole violare la volontà di un'intera valle
6 dicembre 2005 - Alessandro Marescotti

Il progetto "alta velocità" in Val di Susa mostra il suo vero volto repressivo e sui "crani refrattari" è calata la violenza del manganello.

Crani refrattari
"Per quanto si possa deplorare la violenza è chiaro che per fare entrare le nostre idee nella testa della gente bisognerà suonare sui crani refrattari a suon di manganello".

Benito Mussolini

Un potere politico-economico oligarchico ci vuole imporre un progresso che tale non è.

Non ci vuole convincere: ci vuole zittire.

Ci vuole imporre i profitti dei soliti ricchi.

Loro possono far affluire nelle casse dei partiti del manganello molto più di quelle mani alzate, di quelle mani pulite.

Una cosa sta diventando sempre più chiara. Il movimento dei "crani refrattari" manderà in fumo i profitti (magari bipartisan). Ne siamo contenti.

Ai "loro" profitti anteponiamo le "nostre" teste, quelle che ci vogliono rompere perché non capiamo abbastanza, perché disobbediamo.
Perché pensiamo ancora.

Hanno terrorizzato anziani, donne, uomini e bambini. Persone nonviolente che a mani alzate non facevano male a nessuno.

Hanno dichiarato guerra alla gente. E avranno disobbedienza civile.

Un'intera valle adesso è in rivolta: come non essere al fianco della Val di Susa?

Lo dice la nostra Costituzione all'articolo 1, la sovranità appartiene al popolo.

Una sola parola: vergogna!

Note:

Sul sito di Carta, le ultime notizie dalla Val Susa ora per ora:
http://ww2.carta.org/notizieinmovimento/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy