Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Smart cities

    Perché non provare a immaginare una città migliore?

    11 giugno 2012 - Alessandro Marescotti

    La Commissione Europea sosterrà le città che si impegnano a diventare "ecosostenibili".

      Possiamo costruire un futuro migliore

    Per diventare «Smart City» una città deve puntare su: alta tecnologia a basso impatto ed alta efficienza, riduzione dei consumi energetici, promozione di trasporti puliti, miglioramento della qualità della vita dei suoi abitanti all'insegna delle basse emissioni di anidride carbonica.

    Tra gli indicatori «smart» vi sono: spirito innovativo, educazione permanente, creatività, pluralismo etnico, apertura mentale, partecipazione alla vita pubblica, partecipazione del pubblico alle scelte, trasparenza amministrativa, accesso alle reti telematiche, mobilità sostenibile, attrattività delle risorse naturali, protezione ambientale, riduzione dell'inquinamento, gestione sostenibile delle risorse, servizi culturali ed educativi, attrattività turistica, sicurezza individuale, coesione sociale.

    Il sito di riferimento del programma europeo è www.smart-cities.eu

    Interessante è la graduatoria delle città «smart» che troviamo nella pagina web www.smart-cities.eu/ranking.html nella quale svetta al primo posto Lussemburgo, seguita da Aarhus (Danimarca), Tarku (Finlandia), Aalborg (Danimarca), Odense (Danimarca), Tampere (Finlandia), Oulu (Finlandia), Eindhoven (Olanda), Linz (Austria). Quest'ultima città «smart» ospita l'acciaieria Voest-Alpine, una delle più avanzate al mondo nell'abbattimento delle emissioni inquinanti di diossine, polveri e metalli pesanti. 

    L'Unione Europea prevede la creazione di una rete di trenta smart cities da selezionare entro il 2020. Ridotto impatto ambientale, biciclette e auto elettriche ricaricabili con l’energia rinnovabile prodotta negli edifici, sistemi avanzati di monitoraggio ambientale al servizio della qualità della vita sono alcuni esempi delle tecnologie suggerite per un diverso sistema edilizio, produttivo e di mobilità urbana.

    Perché non provare a immaginare una città migliore?

     

    Note:

    Articolo scritto per Mosaico di Pace

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy