Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Il paese rischia di compiere un pericoloso passo indietro

Colombia: al referendum sulla pace prevale il No. L'unico vincitore è Uribe

Festeggiano paramilitari, lobbies delle armi e transnazionali
3 ottobre 2016 - David Lifodi

internet

Il referendum svoltosi ieri in Colombia, che avrebbe dovuto appoggiare gli accordi di pace tra il governo e le Fuerzas Armadas Revolucionarias (Farc), ha un unico vincitore, l'ex presidente Álvaro Uribe, il quale ha avversato e boicottato con ogni mezzo i negoziati tra Palacio Nariño e la più longeva guerriglia dell'America Latina. Il risultato uscito dalle urne è impietoso: partecipazione ridotta al minimo (solo il 37% dei colombiani si è recato ai seggi) e affermazione del No alla pace, anche se di stretta misura, sul Si: 51,3% contro il 49,8%. Tuttavia, nonostante fossero davvero in pochi a prevedere un simile disastro, l'attuale realtà sociale colombiana non ha nulla a che vedere con uno scenario di pace, pur riconoscendo i lodevoli sforzi compiuti dalla guerriglia e dal governo per giungere ad un cessate il fuoco che entrambe le parti hanno garantito comunque di voler rispettare.

La destra più estrema e reazionaria, quella che durante la presidenza uribista aveva portato al Congresso i paramilitari e ogni giorno fa lauti affari grazie all'industria della guerra, può festeggiare: l'obiettivo è stato raggiunto e le forze sociali sono rimaste spiazzate. Al tempo stesso, sarebbe interessante capire da quale tipo di elettorato è scaturito il No nelle urne. Pochi giorni prima della consultazione, in una bella intervista rilasciata a Rebelión, Gladys Rojas, appartenente a Corporación Sembrar, organizzazione impegnata nel campo dei diritti umani e al Movimiento de Víctimas de Crímenes de Estado, sottolineava che nel paese le cause strutturali che hanno causato il sorgere del conflitto armato sono tutt'altro che sparite poiché lo Stato è interessato solo a svendere il paese per venire incontro agli interessi delle transnazionali, ma non a rimuovere le reali motivazioni del conflitto. Le comunità indigene, contadine e afrocolombiane sperimentano ogni giorno sulla propria pelle le ingiustizie sociali, dall'esclusione politica alle disuguaglianze sociali passando per un processo di spoliazione mai interrotto. Una pace stabile e durature dovrebbe necessariamente risolvere questi problemi, ma invece a prevalere è la mancanza di partecipazione delle comunità. Ai movimenti sociali e alla classe popolare colombiana non è mai stato regalato niente, anzi, tutte le conquiste sono avvenute esclusivamente grazie a lotte e mobilitazioni. Lo stesso Patricio Aylwin, che all'inizio degli anni Novanta fu il primo presidente cileno post dittatura, disse che si sarebbe impegnato per la “giustizia per quanto possibile”. In Colombia ieri è successo qualcosa di peggio: chi ha votato No o si è astenuto non solo ha rifiutato di concedere un'opportunità alla pace per il suo paese (l'elettorato filouribista), ma ha anche lanciato un chiaro segnale di sfiducia verso la presidenza Santos, che peraltro ha investito sulla pace soprattutto per promuovere se stesso e ha insistito a sua volta sul cessate il fuoco caratterizzato dall'ambiguo termine “per quanto possibile”, proprio come aveva fatto Aylwin molti anni addietro. Non si può dimenticare che prima della rottura con Uribe, di cui era il delfino, l'attuale presidente colombiano è stato responsabile del caso dei falsos positivos ed ha sempre presentato gli accordi di pace come un'esclusiva vittoria dello Stato sulla guerriglia. I maligni sostengono addirittura che Santos puntasse al Nobel per la Pace, che gli sarebbe dovuto essere assegnato a seguito della consultazione referendaria, poiché, il comitato del Nobel era riunito in Norvegia per assegnare l'ambito riconoscimento proprio in questi giorni.

Nonostante tutto, quella che dal punto di vista delle comunità indigene e contadine poteva essere definita una pace incompleta (intimidazioni, minacce e soprusi di ogni tipo nei confronti dei leader sociali non sono mai cessati, non a caso dal cessate il fuoco del 26 agosto almeno una dozzina di loro è stata assassinata), è stata affossata dall'uribismo duro e puro. A stragrande maggioranza, movimenti sociali e sinistra avevano scommesso sulla pace, ma il risultato emerso dalle urne non solo congela tutto, ma mette a forte rischio anche i colloqui di pace aperti tra il governo e la seconda forza guerrigliera del paese, l'Ejército de Liberación Nacional (Eln) e non si può fare a meno di notare come, ancora una volta, il passo dalla pace all'abisso in Colombia sia molto breve. Era già successo nel 1985, quando Unión Patriótica (Up), partito nato per rappresentare le istanze della guerriglia in politica, fu letteralmente eliminato dal paramilitarismo di Stato: oltre cinquemila esponenti di Up vennero sterminati dagli squadroni della morte. Allora, come oggi, le Farc avevano cercato di fare politica legalmente e nelle sedi istituzionali, ma la loro proposta fu respinta brutalmente. Oggi rischia di accadere la stessa cosa: Juan Manuel Santos ha garantito, d'intesa con le Farc, che la parola non tornerà in ogni caso alle armi, ma l'obiettivo di risolvere le cause che hanno portato alla violenza strutturale dello Stato e del sistema capitalista, il traguardo a cui miravano le organizzazioni popolari, resterà probabilmente un miraggio. Paramilitarismo e multinazionali, a seguito del disastro referendario, prospereranno ancora per molti anni e la speranza di poter fare politica senza essere assassinati resterà una chimera. Dal punto di vista delle transnazionali, la Colombia si confermerà come la cosiddetta locomotora minera, con buona pace di coloro che si auguravano di vivere in un paese dove sovranità alimentare e territoriale potessero rappresentare un nuovo modello di sviluppo sociale ed economico. Certo, negli accordi di pace il ruolo delle imprese multinazionali non era contemplato in alcun modo, ma sono loro spesso ad armare le mani dei paras e delle Bacrim (Bandas criminales) per imporre nuove dighe o miniere a cielo aperto e sanno che potranno comunque continuare a farlo impunemente, mentre la proprietà della terra resterà nelle mani di pochi.

Inoltre, sulla vittoria di No e astensione ha pesato la violenta campagna mediatica uribista contro la trasformazione delle Farc da movimento guerrigliero a partito politico legale, condita da farneticanti allarmi sul rischio che in Colombia penetrasse il castro-chavismo. Evidentemente, però, questo argomento ha fatto presa sugli elettori ed è servito per assestare un colpo anche alle traballanti sinistre continentali. Un altro aspetto negativo, non di poco conto, che scaturisce dal successo del No riguarda le presidenziali del 2018. A questo punto prende fortemente quota la candidatura di Vargas Lleras, vicepresidente di Santos che mai si è speso realmente per la pace, mentre sarà Humberto De la Calle, principale negoziatore a L'Avana, a correre per il santismo, ma il Congresso che scaturirà dalle presidenziali del 2018 rischia di essere ancora più reazionario dell'attuale, se non apertamente fascista.

La vittoria del Si avrebbe rappresentato un ottimo risultato non solo per la Colombia, ma per l'intera America Latina, attualmente in una difficile congiuntura politico-economico-sociale: il fallimento del referendum non significa solo un'occasione persa, ma potrebbe essere foriero di scenari imprevedibili e inquietanti.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelimk.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies