Filippine

Il più grande simbolo della Pace mai realizzato

La Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza ha sicuramente raggiunto uno dei suoi picchi emotivi e d'intensità oggi, 7 ottobre. I membri dell'équipe base sono stati invitati alla realizzazione del più grande simbolo vivente della pace della storia, fatto alla perfezione da oltre 12000 alunni delle scuole di Lucena, città del sud delle Filippine.
8 ottobre 2009
Isabelle Bourgeois
Fonte: Pressenza, agenzia internazionale sulla Pace e la Nonviolenza
http://www.pressenza.com - 07 ottobre 2009

Manila, 07/10/09

dall'inviata speciale di Pressenza alla Marcia Mondiale, Isabelle Bourgeois

traduzione in italiano a cura di Buone Nuove

Procy Alcala, membro del Congresso per il secondo distretto della provincia di Quazon e Carmen Alcala, responsabile di una fattoria biodinamica a Lucena, hanno avuto un ruolo di primo piano nel successo di questa eccezzionale e inedita performance.

L'evento aveva rischiato di essere annullato a causa delle catastrofi naturali che avevano colpito il paese in queste ultime settimane. Ma gli organizzatori sono riusciti a battere le fatalità per far sì che questo giorno fosse un giorno indimenticabile per l'équipe base, per le Filippine e per il mondo intero.

Da una settimana oltre 12000 studenti tra i 10 e i 15 anni, stavano provando il simbolo gigante all'interno dello stadio olimpico di Lucena. Stupefatti dalla perizia e dalla bellezza dell'evento, accompagnato da musica e dalle grida dei ragazzi cha agitavano gioiosamente i loro nastri arancioni, il pubblico (ONG impegnate per la pace e i diritti delle donne, alcuni membri dell'équipe base, personalità politiche, la Croce Rossa regionale, gruppi culturali e artistici) non ha potuto trattenere le lacrime.

Profondamente commossi i membri dell'équipe base hanno preso la parola per ringraziare, uno ad uno, gli organizzatori di questa giornata storica che ha mobilitato così tanti giovani. "Siete il mondo di domani e sentiamo che i vostri cuori battono all'unisono in favor di questo valore universale che tutti condividiamo, la pace" - ha dichiataro uno di loro - "Ci avete provato che un altro mondo è possibile, unendo la buona volontà di tutti da 7 a 77 anni!"

Per scaricare il video in alta risoluzione:

Welcome to Manila
http://videoforum.theworldmarch.org/index.php?action=videos;sa=downfile;id=578

Beginning of the World March in Manila
http://videoforum.theworldmarch.org/index.php?action=videos;sa=downfile;id=580

Note: http://www.theworldmarch.org

Articoli correlati

  • Alife, distrutto il Giardino della Pace
    Sociale
    Giardino della Pace di Alife: distrutte targhe e rubati faretti solari

    Alife, distrutto il Giardino della Pace

    "Queste persone dovrebbero solo vergognarsi" afferma il sindaco Maria Luisa Di Tommaso. Ferme condanne di padre Alex Zanotelli, di Libera contro le mafie, della rete Pangea e del Professor Sergio Vellante e del vescovo emerito di Caserta Raffaele Nogaro
    4 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Prevenire la guerra
    Pace
    Lo scopo del movimento pacifista fu sempre quello di prevenire la guerra

    Prevenire la guerra

    Qualche anno dopo l’avvento di Hitler, la maggioranza della sinistra continua a credere che la pace possa essere mantenuta soprattutto attraverso le politiche di sicurezza collettiva e del disarmo, fino alla regolazione internazionale delle controversie
    5 settembre 2021 - Laura Tussi
  • La pace, impossibile?
    Pace
    Il pacifismo inglese e non solo attinse forza dal ricordo degli orrori della prima guerra mondiale

    La pace, impossibile?

    “Mai più guerre” fu lo slogan con il quale molti si identificarono per lo stretto rapporto intrattenuto di persona con la sofferenza e la morte provocata dalla guerra
    1 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Pace a colori
    Pace
    Illustrazioni, manifesti e disegni di dossier che trattano di conflitti e pace

    Pace a colori

    Proprio nel poter confrontare le innumerevoli soluzioni grafiche proposte nei vari dossier che trattano di conflitti e pace e guerre nel mondo è facile osservare subito alcuni fattori dominanti come il ricorso massiccio a simboli universalmente riconosciuti
    27 agosto 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)