evento

Assemblea di programmazione Libera Bari

17 ottobre 2020
ore 16:00 (Durata: 2 ore)

Per riprendere il lavoro con una analisi ed una programmazione aperta e partecipata dal territorio, nel pomeriggio di sabato 17 ottobre Libera organizza un pomeriggio di lavoro con le realtà sociali cittadine. Il pomeriggio si aprirà con una introduzione, di seguito alla quale ci si dividerà in 2 gruppi di lavoro. I temi affrontati nei gruppi saranno i seguenti:

1) “FORMAZIONE ED EDUCAZIONE”: la funzione di questo gruppo consente alla rete di associazioni che partecipano di focalizzare e condividere le difficoltà ed i contesti in cui operano, esplicitare cosa ognuno può fare per gli altri nella rete di Libera e viceversa, nell’ottica di armonizzare l’azione delle singole realtà traendo reciprocamente supporto ed efficacia. L'obiettivo è quello di costruire una o più azioni educative che investano il territorio. Questo gruppo di lavoro è indicato per associazioni giovanili, insegnanti, oratori, realtà che si occupano di progetti educativi.
2) “CHE COSA SUCCEDE IN CITTA’ ”, la funzione di questo gruppo è quella di porre in evidenza i fenomeni criminali presenti sul territorio cittadino. Il gruppo ha la funzione di costruire un punto di vista collettivo sui problemi criminali che investono i quartieri, costruendo almeno una campagna che coinvolga tutte le realtà presenti, con strumenti di partecipazione costante, abbracciando sia il piano comunicativo che operativo. Questo gruppo di lavoro è indicato per le realtà cittadine o di quartiere, parrocchie, realtà che si occupano della gestione di beni confiscati, sindacati.

Al termine dei gruppi, che procederanno parallelamente, verrà svolta una restituzione collettiva del lavoro.

---
Per confrontarti con Libera anche prima dell'assemblea scrivi a pres.bari@libera.it Ci impegnano ad incontrarti per facilitare il lavoro che realizzeremo.

---

(!) Per facilitare il rispetto delle misure di sicurezze anticontagio si richiede di comunicare in anticipola presenza. All'ingresso sarà effettuata la misurazione della temperatura e si ricorda che è fondamentale presentarsi muniti di mascherina.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Un pioniere della nonviolenza e dell'educazione in Italia

    A cento anni dalla nascita di Danilo Dolci

    Il suo messaggio di solidarietà, partecipazione e trasformazione sociale rimane più che mai attuale, ispirando nuove generazioni di attivisti e educatori. Riportiamo qui alcuni video che ne fanno emergere la testimonianza e servono a consolidare la memoria di questo grande personaggio
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Conflitti
    La guerra diventa sempre più distruttiva e questo provoca un aumento dei renitenti alla leva

    Arriva la devastante bomba FAB 3000: uccide gli ucraini in un diametro di due chilometri e mezzo

    L'esordio dell'ordigno russo da tre tonnellate sul campo di battaglia. Un militare ucraino dice: "Se sopravvivi, sarai sicuramente ferito. Mette molta pressione sul morale dei soldati. Non tutti i nostri ragazzi possono resistere. Queste bombe sono un inferno".
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • MediaWatch
    Lo abbiamo chiesto a ChatGPT

    Perché i governi della Nato non rendono noto il numero delle vittime in Ucraina?

    Il governo ucraino aveva dichiarato: "Le informazioni sulle perdite dell'Ucraina nella guerra sono un segreto di Stato". Ma perché tenere segreto un dato che consentirebbe di apprezzare quanto sono state "utili" le armi inviate a Kiev?
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Conflitti
    Analisi globale dei fallimenti della NATO nella guerra in Ucraina

    Perché Putin sta vincendo?

    Di fronte al fallimento delle sanzioni, la NATO ha cambiato approccio, dando maggiore enfasi alla dimensione militare del conflitto. Questa nuova linea strategica ha però presentato varie criticità. Punto per punto vedremo cosa è andato storto fino a ora.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Editoriale
    L'Italia a un bivio

    Avranno il coraggio di aumentare le spese militari con un deficit così?

    Procedura di infrazione per l'Italia a causa del deficit eccessivo. L'Europa chiede di scendere sotto il 3% del PIL ma l'Italia è arrivata al 7,4% nel 2023. La Nato però esige un aumento di oltre 10 miliardi di euro all'Italia. L'autonomia differenziata farà quadrare i conti pugnalando il Sud.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)