evento

Il Lockdown delle donne

25 novembre 2020
ore 18:30 (Durata: 2 ore)

L’appuntamento annuale con la Giornata mondiale contro la violenza alle donne assume quest’anno una valenza ancora più fosca e drammatica.
Il lockdown si è abbattuto sulla vita di molte donne con un effetto devastante sotto vari punti di vista. La violenza che si consuma nel silenzio delle case ha bisogno di essere raccontata perché possa finalmente affermarsi la libertà delle donne, la condanna di ogni forma di sopraffazione, la diffusione di una cultura del rispetto, contro ogni forma di barbarie.
Per parlare di tutto questo il Comitato di Crispiano “In marcia contro la violenza sulle donne” costituito da un nutrito cartello di associazioni del territorio (Arci, SPI CGIL, Il futuro è di tutti, Idee in Movimento, Circo Laboratorio Nomade, Ascolto & Aiuto, Dimensione Danza, Accademia Puccini, Dance4 Life, Rainbow Volley), con il Centro Antiviolenza “Rompiamo il silenzio” dell’Associazione Sud Est Donne e l’Assessorato ai servizi Sociali del Comune di Crispiano, organizza per il 25 novembre 2020 alle ore 18,30, una video conferenza in diretta facebook dal tema “Il lockdown delle donne”, dalla pagina Centro Antiviolenza "Rompiamo il Silenzio".
L’argomento sarà affrontato dal punto di vista giuridico/legale dall’Avvocata Filomena Zaccaria dell’associazione SudEstdonne; dell’attività preventiva e repressiva parlerà Vanessa Rosati, funzionaria della Polizia di Stato e Antonella Càndito, segretaria Spi-Cgil di Taranto, tratterà della violenza contro le donne anziane, un fenomeno silente, ma diffuso che si consuma nell’indifferenza e nella solitudine.
Insieme, dunque, per riflettere sulla nuova ondata (non solo pandemica da covid) di radicamento negli stereotipi e pregiudizi di genere, aprendo anche uno squarcio sulla violenza alle donne anziane.
Inseme, per interrogarci sulle misure da mettere in atto per contenere l’ondata di orrore che ancora riempie le pagine dei nostri giornali di fronte all’iterarsi di fenomeni di femminicidio per capire con quali “vaccini” guarire questo virus che avvelena la vita di tante, troppe vittime.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Centro Antiviolenza "Rompiamo il silenzio" di Martina Franca
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1920: A Bargecchia (LU) nasce don Sirio Politi.

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)