convegno

Verso un coordinamento europeo antinucleare

13 giugno 2021
ore 10:00

Incontro antinucleare verso un coordinamento europeo a 10 anni dalla vittoria sui referendum

 

13 giugno 2012 dalle ore 10,15' alle ore 14,15' 

 

(Si tenga presente che il programma è ancora in fase di verifica, di conferme da parte dei relatori proposti e di completamento)

  

link per l'evento:

 

meet.google.com/vkg-sdjw-dem 

 

A 10 anni dai referendum popolari vinti in Italia, il nucleare, civile e militare, non è la risposta ad alcunché!

E’, invece, un rischio mortale da neutralizzare ed estinguere…

Avanti per un coordinamento europeo delle lotte!

13 giugno 2021 – incontro online

promosso da Disarmisti esigenti, Sardegna pulita, WILPF Italia

Il punto da focalizzare è che oggi non si può essere antinucleari alla stessa maniera con cui si sono vinti i referendum nel 2011, perché, al di là della retorica delle lobby, sono maturate novità importantissime nel campo del nucleare militare, nel campo del nucleare civile, nel loro intreccio e nel rapporto tra il ciclo complessivo del nucleare e il complesso dell’evoluzione sociale.

Novità storiche anche dal punto di vista ecopacifista. Oggi dobbiamo tener conto della centralità della campagna politica per la ratifica del TPAN: il muro dei Paesi NATO potrebbe registrare crepe decisive dal grande cambiamento che si profila in Germania con un possibile cancelleriato verde in seguito alle prossime elezioni di settembre. E potrebbe essere possibile tentare quella convergenza tra energia e acqua quali beni comuni che non si riuscì a realizzare nella campagna referendaria del 2011. In questo senso il nostro incontro è concepito in collegamento (e in supporto) con le giornate che il Forum italiano dei movimenti per l’acqua sta organizzando per il decennale dei referendum (11-12-13 giugno 2021).

Il taglio della discussione che intendiamo organizzare vorrebbe combinare un fondamento di  divulgazione scientifica con una presa di posizione politica e operativa netta da parte del movimento di base, prendendo come base di azione l’appello pubblicato su petizioni.com (link per sottoscrivere online: https://www.petizioni.com/rispettarereferendum), che di seguito proponiamo in estratto:

10 ANNI DALLA VITTORIA DEI REFERENDUM SU ACQUA E NUCLEARE: CONVERGIAMO PER IL RISPETTO DELLA VOLONTA' POPOLARE

Il 12 e 13 giugno 2011 la maggioranza del popolo italiano ha votato contro il nucleare e contro la privatizzazione dell'acqua e dei servizi pubblici. 10 anni dopo, in piena pandemia, quella vittoria basata sulla difesa dei beni comuni e pubblici conserva e rafforza l'attualità di un impegno ad esigere il rispetto della volontà popolare.

Noi, espressioni del movimento antinucleare italiano, condividendo le rivendicazioni dei movimenti per l'acqua pubblica, per la nostra parte, esigiamo pertanto dal governo Draghi:

DIRETTRICE 1 LUNGO LA QUALE MUOVERSI): di completare, a livello nazionale, il recesso da ogni piano nucleare risolvendo nel modo più razionale possibile l'eredità radioattiva di una stagione infausta.

DIRETTRICE 2) di battersi contro il nucleare civile e militare in ogni sede europea e internazionale.

Su questi obiettivi invitiamo a mobilitazioni convergenti in occasione dell'anniversario dei referendum: ribadiremo che la società ecologica della cura e della pace per la quale lavoriamo deve affermare come valore fondante della comunità un ordinamento giuridico orientato al costituzionalismo globale dei diritti dell'Umanità e della Natura.

Organizzatori:

Alfonso Navarra - Disarmisti esigenti (info e contatti: 340-0736871 - www.disarmistiesigenti.org)

Patrizia Sterpetti - WILPF Italia (cell. 320-7825935)

Ennio Cabiddu – Sardegna pulita (cell. 366-6535384)

Primi firmatari (firme personali con qualifica esprimente ambito di impegno politico/sociale):

Alex Zanotelli - missionario comboniano - Moni Ovadia - artista, ebreo contro

Mario Agostinelli e Guido Viale - Laudato Si' - Marco Bersani - Convergenza per la Società della cura

Antonia Sani – WILPF Italia

___________________________________________________________________

Modera la giornata: Ennio Cabiddu (Sardegna pulita)

Introducono: Antonia Sani e Patrizia Sterpetti (WILPF Italia)

Conclude: Alfonso Navarra (Disarmisti esigenti)

Relazioni della durata di 10 minuti –

Interventi programmati (nomi proposti che devono confermare l'accettazione)

interventi del pubblico di cinque minuti

 (mattina dalle 10 alle 14.00)

1^ sezione: Presa di posizione con interventi di approfondimento scientifico-giuridico sul quadro generale-globale

1^ parte : interventi di sul quadro geopolitico globale

1.1 - Introduzione a due voci: Antonia Sani e Patrizia Sterpetti, di WILPF Italia

1.2 - La follia della deterrenza: una spada di Damocle sulla sopravvivenza dell'Umanità (la storia dello sviluppo delle armi atomiche e la nuova corsa al riarmo atomico)

Luigi Mosca - già direttore del Laboratorio di Modane, coautore di "La follia del nucleare"

1.3. – La situazione e le prospettive del movimento antinucleare in Germania

Daniele Barbi – comitato antinucleare di Treviri

1.4 – La situazione e le prospettive del movimento antinucleare in Francia

Maryse Dainese – Sortir du Nucléaire

1.5 –La lotta per i beni comuni, l’attuazione dei referendum e dello spirito della Costituzione

(un intervento da chiedere al Forum dei movimenti per l’acqua pubblica. O anche a Marco Bersani)

1.6 - Il legame indissolubile tra nucleare civile e nucleare militare: i nuovi intrecci

Alfonso Navarra - portavoce dei Disarmisti esigenti

30 minuti di interventi del pubblico

Parte seconda: l’impatto del nucleare civile su ambiente, salute, occupazione, cultura. Aspetti rilevanti del problema

2.1 - La fusione è una chimera. E comunque il nucleare, incluso quello micro, non fa affatto risparmiare CO2 né crea posti di lavoro

Relatore proposto: Mario Agostinelli – presidente della Laudato Si’

2.2 - La finanza radioattiva (banche e fondi che investono nel nucleare) e la partita sulla tassonomia europea.

Relatore proposto: Marco Bersani, ATTAC Italia, autore di “Nucleare, se lo conosci lo eviti”

2.3 - Sul problema attualmente irrisolvibile delle scorie cerchiamo la riduzione del danno

(invitare Greenpeace)

2.4 – La riconversione dei territori oppressi da strutture e industrie militari e nucleari: l’esempio della Sardegna

Ennio Cabiddu – Sardegna Pulita

2.5 - La cultura antinucleare della terrestrità e l’educazione ambientale e per la pace nelle scuole

Laura Tussi e Fabrizio Cracolici, Peacelink, coautori di Memoria e futuro

30 minuti di interventi del pubblico

Eventuali saluti (anche registrati) di Vittorio Agnoletto, Alex Zanotelli, Moni Ovadia, Antonella Nappi per un totale di 20 minuti

Eventuali interventi programmati di attivisti degli FFF e di XR (a partire dai firmatari dell’appello)

Conclusioni di Alfonso Navarra – portavoce dei disarmisti esigenti

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)