convegno

Verso un coordinamento europeo antinucleare

13 giugno 2021
ore 10:00

Incontro antinucleare verso un coordinamento europeo a 10 anni dalla vittoria sui referendum

 

13 giugno 2012 dalle ore 10,15' alle ore 14,15' 

 

(Si tenga presente che il programma è ancora in fase di verifica, di conferme da parte dei relatori proposti e di completamento)

  

link per l'evento:

 

meet.google.com/vkg-sdjw-dem 

 

A 10 anni dai referendum popolari vinti in Italia, il nucleare, civile e militare, non è la risposta ad alcunché!

E’, invece, un rischio mortale da neutralizzare ed estinguere…

Avanti per un coordinamento europeo delle lotte!

13 giugno 2021 – incontro online

promosso da Disarmisti esigenti, Sardegna pulita, WILPF Italia

Il punto da focalizzare è che oggi non si può essere antinucleari alla stessa maniera con cui si sono vinti i referendum nel 2011, perché, al di là della retorica delle lobby, sono maturate novità importantissime nel campo del nucleare militare, nel campo del nucleare civile, nel loro intreccio e nel rapporto tra il ciclo complessivo del nucleare e il complesso dell’evoluzione sociale.

Novità storiche anche dal punto di vista ecopacifista. Oggi dobbiamo tener conto della centralità della campagna politica per la ratifica del TPAN: il muro dei Paesi NATO potrebbe registrare crepe decisive dal grande cambiamento che si profila in Germania con un possibile cancelleriato verde in seguito alle prossime elezioni di settembre. E potrebbe essere possibile tentare quella convergenza tra energia e acqua quali beni comuni che non si riuscì a realizzare nella campagna referendaria del 2011. In questo senso il nostro incontro è concepito in collegamento (e in supporto) con le giornate che il Forum italiano dei movimenti per l’acqua sta organizzando per il decennale dei referendum (11-12-13 giugno 2021).

Il taglio della discussione che intendiamo organizzare vorrebbe combinare un fondamento di  divulgazione scientifica con una presa di posizione politica e operativa netta da parte del movimento di base, prendendo come base di azione l’appello pubblicato su petizioni.com (link per sottoscrivere online: https://www.petizioni.com/rispettarereferendum), che di seguito proponiamo in estratto:

10 ANNI DALLA VITTORIA DEI REFERENDUM SU ACQUA E NUCLEARE: CONVERGIAMO PER IL RISPETTO DELLA VOLONTA' POPOLARE

Il 12 e 13 giugno 2011 la maggioranza del popolo italiano ha votato contro il nucleare e contro la privatizzazione dell'acqua e dei servizi pubblici. 10 anni dopo, in piena pandemia, quella vittoria basata sulla difesa dei beni comuni e pubblici conserva e rafforza l'attualità di un impegno ad esigere il rispetto della volontà popolare.

Noi, espressioni del movimento antinucleare italiano, condividendo le rivendicazioni dei movimenti per l'acqua pubblica, per la nostra parte, esigiamo pertanto dal governo Draghi:

DIRETTRICE 1 LUNGO LA QUALE MUOVERSI): di completare, a livello nazionale, il recesso da ogni piano nucleare risolvendo nel modo più razionale possibile l'eredità radioattiva di una stagione infausta.

DIRETTRICE 2) di battersi contro il nucleare civile e militare in ogni sede europea e internazionale.

Su questi obiettivi invitiamo a mobilitazioni convergenti in occasione dell'anniversario dei referendum: ribadiremo che la società ecologica della cura e della pace per la quale lavoriamo deve affermare come valore fondante della comunità un ordinamento giuridico orientato al costituzionalismo globale dei diritti dell'Umanità e della Natura.

Organizzatori:

Alfonso Navarra - Disarmisti esigenti (info e contatti: 340-0736871 - www.disarmistiesigenti.org)

Patrizia Sterpetti - WILPF Italia (cell. 320-7825935)

Ennio Cabiddu – Sardegna pulita (cell. 366-6535384)

Primi firmatari (firme personali con qualifica esprimente ambito di impegno politico/sociale):

Alex Zanotelli - missionario comboniano - Moni Ovadia - artista, ebreo contro

Mario Agostinelli e Guido Viale - Laudato Si' - Marco Bersani - Convergenza per la Società della cura

Antonia Sani – WILPF Italia

___________________________________________________________________

Modera la giornata: Ennio Cabiddu (Sardegna pulita)

Introducono: Antonia Sani e Patrizia Sterpetti (WILPF Italia)

Conclude: Alfonso Navarra (Disarmisti esigenti)

Relazioni della durata di 10 minuti –

Interventi programmati (nomi proposti che devono confermare l'accettazione)

interventi del pubblico di cinque minuti

 (mattina dalle 10 alle 14.00)

1^ sezione: Presa di posizione con interventi di approfondimento scientifico-giuridico sul quadro generale-globale

1^ parte : interventi di sul quadro geopolitico globale

1.1 - Introduzione a due voci: Antonia Sani e Patrizia Sterpetti, di WILPF Italia

1.2 - La follia della deterrenza: una spada di Damocle sulla sopravvivenza dell'Umanità (la storia dello sviluppo delle armi atomiche e la nuova corsa al riarmo atomico)

Luigi Mosca - già direttore del Laboratorio di Modane, coautore di "La follia del nucleare"

1.3. – La situazione e le prospettive del movimento antinucleare in Germania

Daniele Barbi – comitato antinucleare di Treviri

1.4 – La situazione e le prospettive del movimento antinucleare in Francia

Maryse Dainese – Sortir du Nucléaire

1.5 –La lotta per i beni comuni, l’attuazione dei referendum e dello spirito della Costituzione

(un intervento da chiedere al Forum dei movimenti per l’acqua pubblica. O anche a Marco Bersani)

1.6 - Il legame indissolubile tra nucleare civile e nucleare militare: i nuovi intrecci

Alfonso Navarra - portavoce dei Disarmisti esigenti

30 minuti di interventi del pubblico

Parte seconda: l’impatto del nucleare civile su ambiente, salute, occupazione, cultura. Aspetti rilevanti del problema

2.1 - La fusione è una chimera. E comunque il nucleare, incluso quello micro, non fa affatto risparmiare CO2 né crea posti di lavoro

Relatore proposto: Mario Agostinelli – presidente della Laudato Si’

2.2 - La finanza radioattiva (banche e fondi che investono nel nucleare) e la partita sulla tassonomia europea.

Relatore proposto: Marco Bersani, ATTAC Italia, autore di “Nucleare, se lo conosci lo eviti”

2.3 - Sul problema attualmente irrisolvibile delle scorie cerchiamo la riduzione del danno

(invitare Greenpeace)

2.4 – La riconversione dei territori oppressi da strutture e industrie militari e nucleari: l’esempio della Sardegna

Ennio Cabiddu – Sardegna Pulita

2.5 - La cultura antinucleare della terrestrità e l’educazione ambientale e per la pace nelle scuole

Laura Tussi e Fabrizio Cracolici, Peacelink, coautori di Memoria e futuro

30 minuti di interventi del pubblico

Eventuali saluti (anche registrati) di Vittorio Agnoletto, Alex Zanotelli, Moni Ovadia, Antonella Nappi per un totale di 20 minuti

Eventuali interventi programmati di attivisti degli FFF e di XR (a partire dai firmatari dell’appello)

Conclusioni di Alfonso Navarra – portavoce dei disarmisti esigenti

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

  • giu
    22
    mar
    evento

    "DANZARE I SENTIMENTI" Laboratorio di danza creativa e arte terapia

    Altrove Teatro Studio, Via Giorgio Scalia 53, 00136 Rome, Lazio - Roma (RM)
    "DANZARE I SENTIMENTI" Laboratorio di danza creativa e arte terapia
    "La danza è una canzone del corpo. Sia essa di gioia o di dolore." Martha Graham Danzare i sentimenti (R) è un percorso per far ...
  • giu
    23
    mer
    esposizione

    “Vita su una gamba sola. 10 anni di guerra in Siria” di Amany al-Ali

    Piazzetta Giosuè Carducci - Lecce (LE)
    “Vita su una gamba sola. 10 anni di guerra in Siria” di Amany al-Ali
    Mostra fino a domenica 25 luglio Nelle trentuno illustrazioni Amany al-Ali racconta dieci anni di vita a Idlib nel nord del Paese, in una regione ...
  • giu
    24
    gio
    esposizione

    “Vita su una gamba sola. 10 anni di guerra in Siria” di Amany al-Ali

    Piazzetta Giosuè Carducci - Lecce (LE)
    “Vita su una gamba sola. 10 anni di guerra in Siria” di Amany al-Ali
    Mostra fino a domenica 25 luglio Nelle trentuno illustrazioni Amany al-Ali racconta dieci anni di vita a Idlib nel nord del Paese, in una regione ...
  • giu
    25
    ven
    festa

    Festa della Filosofia

    MonK Roma, Via Giuseppe Mirri 35 - Roma (RM)
    25 giugno - Etica del Desiderio Vito Mancuso Incontro "A proposito del senso della vita" Chiara Valerio Lectio "Eva futura" Francesco D'Isa Dialogo ...
  • giu
    26
    sab
    esposizione

    ClimArte: inaugurazione del Virtual Tour

    internet - Tolmezzo, La Carnia (UD)
    ClimArte, la mostra sul cambiamento climatico e sulla crisi climatica ed ecologica, vi dà appuntamento per il lancio del virtual tour digitale! ...
  • lug
    1
    gio
    festa

    Festa della Filosofia

    MonK Roma, Via Giuseppe Mirri 35 - Roma (RM)
    Fondamenti del Desiderio Eva Cantarella Lectio "L'amore è un dio: il sesso e la polis" Pietro Del Soldà Lectio "Il piacere e' ...
  • lug
    3
    sab
    convegno

    Un mondo senza madri?

    Sala delle Colonne, Galleria Nazionale Roma - Roma e on line
    Un mondo senza madri?
    La maternità negli ultimi cinquant'anni ha cambiato volto. Da destino naturale legato all'identificazione della donna con la madre si è ...
  • lug
    25
    dom
    esposizione

    ultimo giorno mostra “Vita su una gamba sola. 10 anni di guerra in Siria” di Amany al-Ali

    Piazzetta Giosuè Carducci - Lecce (LE)
    ultimo giorno mostra “Vita su una gamba sola. 10 anni di guerra in Siria” di Amany al-Ali
    Mostra Nelle trentuno illustrazioni Amany al-Ali racconta dieci anni di vita a Idlib nel nord del Paese, in una regione particolarmente colpita dai ...

Ricerca eventi

Dal sito

  • Migranti
    Iniziativa a Roma

    No al rifinanziamento della cooperazione militare con la Libia

    Finanziando le milizie libiche si intende respingere i migranti in pieno deserto libico e impedire in tutti modi la fuga via mare dall’inferno libico. Non aspettiamo passivamente che votino. Ritroviamoci al Nazareno, sede nazionale del Pd per esigere un voto di coerenza, dignità e giustizia.
    21 giugno 2021 - Mani Rosse Antirazziste (manirosseantirazziste@gmail.com)
  • Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Laboratorio di scrittura
    La ribellione di un soldato alla guerra

    "Non dimenticarmi"

    Mia mamma ha vissuto a Lugo di Romagna gli anni terribili della seconda guerra mondiale, con i tedeschi che entravano nelle case e terrorizzavano le persone. Ma non tutti erano uguali. C'erano soldati che avrebbero voluto disertare, e un giorno un soldato le scrisse parole bellissime.
    21 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)