concerto

LA MUSICA AL FEMMINILE

15 luglio 2004
ore 21:30

FESTA DI LIBERAZIONE 2004
area Mazda Palace di Milano

Giovedì 15 luglio

La musica al femminile:

DELTA V - La band nasce nel '95 dalla collaborazione tra Carlo Bertotti e Flavio Ferri, creatori del progetto. Un anno più tardi, l'incontro con il produttore Roberto Vernetti (La Crus, Dr. Livingston, Ustmamò, Elisa...) e con la cantante Francesca Touré va a completare la line up che pubblica l'album d'esordio "Spazio" ('98). Nel 1999, dopo l'ingresso in formazione di Luana Heredia al posto di Francesca Touré, i Delta V pubblicano il loro secondo lavoro intitolato "Psychobeat", che consolida il sodalizio con Vernetti. Ottobre 2001: arriva il terzo lavoro discografico, "Monaco '74", come pure il terzo cambiamento di vocalist: questa volta è il turno dell'americana Gi Kalweit. L'unica ad essere riconfermata nell'album successivo. La ritroviamo infatti in "Le cose cambiano", il quarto album dei Dealta V: anticipato da "Prendila così", immancabile cover (questa volta del grande Battisti).
LOMA - E' il nuovo progetto di Paola Maugeri (la "vee jay" catanese di MTV) e Massimo Ferrarotto.

LE VERTIGINI - VERTIGINI sono 4 ragazze,  con base a Milano,
che hanno costruito la loro credibilità con decine di concerti in Italia ed in Europa(Inghilterra, Olanda, Germania), capaci di suscitare l'ammirazione ed il rispetto del pubblico e degli addetti ai lavori.
Nel 2003 a luglio vincono le selezioni di 'Demo' (TuttoMusica) e aprono sul main stage il festival di AREZZO WAVE; a settembre partecipano all'i-tim tour classificandosi al secondo posto. Ad ottobre 03 aprono le date italiane degli STEREOPHONICS .Sono attualmente in tour con Clearchannel.

THE JAINS - Kris Reichert (Kris Kris) e Anna Di Pierno sono The Jains. Suonano insieme dall'ottobre del 2001 quando Kris R. e Anna Dip, che si erano conosciute in una cover band femminile e si annoiavano per la mancanza di creatività, iniziano a scrivere dei pezzi seguendo il loro istinto rock. Il loro spettacolo è caratterizzato da un'ora di sound essenziale, graffiante ed esplosivo.

E.V.A. - Nascono alla fine del 1991 dall'unione di cinque ragazze legate dalla stessa grande passione, il rock.

Ingresso ore 21,30
5 euro

Per maggiori informazioni:
la musica al femminile
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    La CIA è presente sul terreno

    Forze speciali della Nato già operano in Ucraina

    Un'operazione segreta che coinvolge le forze delle operazioni speciali statunitensi indica l'entità dello sforzo per assistere l'esercito ucraino che non ha ancora ricevuto le nuove armi.
    26 giugno 2022
  • Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Pace
    I dati del sondaggio europeo ECFR dà i pacifisti in minoranza fra i Grünen

    I Verdi tedeschi e il pacifismo

    La maggiore percentuale di pacifisti in Germania non è fra i Verdi ma fra i socialdemocratici dell'SPD. Intanto il giornale Der Spiegel ironizza sui leader verdi tedeschi ribattezzandoli "verdi oliva" e raffigurandoli con tute militari verdi, elmetto e bazooka
    23 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti
    Oggi alla Camera dei Deputati

    Cosa rispondere a Draghi che dice: "L'Ucraina si deve difendere"

    Una difesa è tale quando riduce le sofferenze, i morti, i feriti, non quando li aumenta, ed è quello che sta avvenendo. Biden ha detto che occorre vincere e battere la Russia (cosa che si sta rivelando irreale); prima tutti dicevano "no all'escalation" ma poi è arrivato l'ordine: "Vincere".
    22 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Peacelink Common Library

    Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà

    Mi sono avvicinata allo studio delle migrazioni, alla complessità delle storie che ogni rifugiato, richiedente asilo o migrante porta con sé. Perché le stragi delle frontiere marittime e terrestri sono catastrofi umanitarie. Qual è la nostra responsabilità? Qual è oggi il ruolo della società civile?
    21 giugno 2022 - Carmen Zaira Torretta
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)