concerto

Musica e Solidarieta'- IV edizione

8 agosto 2004
ore 21:00 (Durata: 4 ore)

L’iniziativa e' promossa dall’Associazione YA-BASTA! per la dignita' dei popoli di Palagiano (Ta) , per coniugare solidarieta' e socialita' attraverso il linguaggio universale della musica e il cui ricavato sara' devoluto per finanziare i vari progetti dell’Associazione al fine di migliorare le condizioni di vita di popolazioni, comunita' e singoli emarginati, in Italia e nel mondo, tra cui:

Emergenza alimentare per i profughi di Polh (Chiapas)

Consiste nel fornire gli alimenti necessari alla popolazione sfollata dopo l’abbandono della Croce Rossa Internazionale che ha deciso di lasciare questa zona sostenendo che "la priorita' in questo momento l'Iraq". In particolare si tratta di un pacchetto di alimentazione di base consistente in mais, fagioli, sale e zucchero. I fondi raccolti verranno spediti tramite l’ONG locale Enlace Civil in stretta collaborazione con la Giunta di Buon Governo di Oventik, la zona che comprende il municipio di Polh
Stasera si esibiranno sul palco i RATOBLANCO e gli AL MUKAWAMA.

I Ratoblanco da Siena, con la presenza straordinaria di Marino e Sandro Severini dei Gang, nascono come pura rock dand, a meta' degli anni 90,proponendosi prima come cover band dei Clash. da questi che assorbono e rendono proprio ,uno stile rockettaro, dedito a comunicare la rabbia e i sogni di un’intera generazione
Da qui il loro slogan: Ribellione e Divertimento!
Dopo un breve periodo cominciano a comporre brani propri, con testo in italiano.
Dopo varie partecipazioni a concorsi e una discreta gavetta live, i Rato trovano la sapiente produzione di KABA CAVAZZUTI, attuale batterista/percussionista dei Modena City Ramblers; nasce cos?il primo disco edito dall’etichetta romana HELTER SKELTER.
Nel disco “Ratoblanco sono presenti in due brani (Zone di polizia,Sceriffi e Assassini) Sandro e Marino Severini dei Gang.
Buon successo di stampa e pubblico, recensioni positive sui giornali musicali(Il Mucchio Selvaggio, Rumore, Musica che la inserisce nella Top Ten delle uscite indipendenti dell’anno ).
Nel 2001 il gruppo riformato dal leader Front Man Marco Mezzetti, ricomincia la sua attivit?live proponendo nuovi pezzi.
Il sound della band si prasenta pi?vario ma ben amalgamato. Si passa da atmosfere reggae e ska di origine giamaicane (es.Manonegra), a ballate pi?italiane senza perdere la caratteristica di gruppo dal piglio Punk-Rock.
Nel 2002 la band partecipa con il brano Terre bruciate (Radiocity) a “NOT IN MY NAME?compilation di covers contro la guerra, uscita per il giornale Liberazione.
Nel 2003 si affianca in brevi tour di supporto a GANG e BANDABARDO?
Il 15 Marzo 2004 esce il nuovo album della band:
Ratoblanco “CREASCOMPIGLIO?
Produzione artistica: A.M.FINAZ (chitarrista della Bandabard?
Produzione esecutiva: SONAR
Distribuzione: AUDIOGLOBE

Nel disco Creascompiglio si odono gli echi dei primi Manonegra, le chitarre alla Social Distortion, ma anche atmosfere afro e un pizzico di elettronica.
Nelle liriche si racconta di vita vissuta con efficacia ma senza poi prenders troppo sul serio a mo?de “I Ragazzi di Vita?di P.P.Pasolini.
Ospite in due canzoni Marino Severini, cantante dei Gang, da sempre riferimento fondamentale per la band.

Gli AL MUKAWAMA (La Resistenza in arabo) sono Luca “Zulù” Persico (99 Posse), Neil “Perch?(Zion Train) & Papa J (Malastrada) anche lui tra i fondatori dei 99 Posse.
Due voci che si alternano, una musica potente a sostenere il messaggio, la rabbia, lo scherno. L’unione di due realt?nate in contesti diversi ma unite dallo stesso istinto di rivoluzione.Questo in sintesi il progetto, nato da un idea di Sasquatch, e reso possibile dall’incontro fra Luca “Zulù” e Papa J, membri fondatori dei 99 POSSE, e Neil “Perch? dubmaster e anima ritmica degli ZION TRAIN. Da una parte la Posse che ha scritto una pagina indelebile nella musica indipendente italiana, dall’altra una crew, un soundsystem che non ?solo un modo di espressione musicale e culturale ma ?una filosofia di vita. Una nuova esperienza di condivisione musicale e politica per questo collettivo gi?impegnato a sostenere molte realt?di lotta in italia e nel mondo. Una scommessa forte che parla di lotta, fame, disoccupazione, politica, guerra, amore, paura... insomma problemi e questioni che sono sotto gli occhi di tutti, ogni giorno.

Oltre ai Concerti, anche proiezioni video, mostre fotografiche, gastronomia e naturalmente banchetti con gadget e materiale informativo.

Per maggiori informazioni:
Nadir
3406120120
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)