manifestazione

La guerra si sconfigge con la pace non con le armi

10 marzo 2022
ore 18:00 (Durata: 3 ore)

Manifestazione nella città di Bari da piazza Umberto alla Basilica di San Nicola Di seguito il documento di convocazione approvato nell'assemblea cittadina Comitato per la Pace del 4 marzo u.s. LA GUERRA SI SCONFIGGE CON LA PACE NON CON LE ARMI Siamo giunti al decimo giorno di guerra in Ucraina. L'esercito russo continua con cieca determinazione la sua avanzata. I missili e i colpi di cannone portano ovunque devastazione e morte. Ad essere colpita è soprattutto la popolazione inerme, in alcuni casi assediata con la strategia medievale del tagliare l'acqua, i rifornimenti di viveri e l'energia elettrica. Tra le vittime si contano anche molti bambini. La vita è sospesa. Ai giovani è stato rubato il futuro. Le famiglie sono state smembrate. Sono ormai centinaia di migliaia i profughi che si ammassano ai confini in cerca di salvezza. Si tratta perlopiù di donne e bambini ma non di rado anche di minori non accompagnati. È intollerabile che alcuni di questi profughi non vengano accolti in quanto non ucraini. A tale riguardo chiediamo al Governo italiano di organizzare immediatamente corridoi umanitari che consentano a tutti i profughi, a prescindere dalla nazionalità, di trovare rifugio nel nostro paese. Allo stesso tempo dissentiamo dalla decisione di inviare armi da parte dell'Italia, già oltremodo esposta perché ospita sul suo territorio 120 basi NATO ufficialmente dichiarate e alcune decine di testate nucleari, per la cui proibizione non ha ratificato il relativo trattato ONU. L'invio di armi, oltre ad essere pericoloso di fronte al potenziale scontro nucleare, secondo il diritto internazionale rischia di trasformare l'Italia in un paese co-belligerante ostacolandone la capacità diplomatica. Il popolo ucraino va invece aiutato intensificando l’iniziativa diplomatica, anche e soprattutto attraverso l'Unione europea, autonoma rispetto alla NATO; inasprendo e allargando ulteriormente le sanzioni economiche, anche se contrarie ai nostri immediati interessi; aiutando la popolazione civile ucraina anche con la raccolta e invio di aiuti umanitari (cibo, vestiario, medicinali, ecc.); destinando i fondi stanziati dall’Unione europea per la guerra in Ucraina alla cooperazione internazionale e alle organizzazioni umanitarie. Un'iniziativa di questo genere da parte del Governo non solo troverebbe un ampio consenso tra i cittadini italiani ma permetterebbe alla società civile organizzata, a cominciare dalle chiese e dal movimento per la pace, di svolgere un imprescindibile ruolo in favore del dialogo tra i due popoli e a sostegno delle rispettive voci contrarie alla guerra.

Per maggiori informazioni:
Comitato per la Pace di Bari
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • Taranto Sociale
    I dati 2021 pubblicati recentemente da Arpa Puglia

    L'inquinamento dell'aria a Taranto: sotto accusa la cokeria ILVA

    Tra i dati che fanno riflettere c'è il benzene che è aumentato del 131% rispetto al 2019 e del 169% rispetto al 2018. Le deposizioni di benzo(a)pirene nel quartiere Tamburi sono tra le 8 e le 16 volte superiori rispetto al quartiere periferico di Talsano. I Wind Days sono stati 32.
    3 agosto 2022 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    All’impresa è stato vietato di costruire una miniera a cielo aperto al posto di un cimitero indigeno

    Honduras: respinto l’attacco della multinazionale Aura Minerals. Per ora.

    La vertenza tra Aura Minerals e la comunità indigena Maya Chorti va avanti da molto tempo
    3 agosto 2022 - David Lifodi
  • Laboratorio di scrittura
    Strage di Bologna

    Vi racconto la tragedia

    La stanchezza per il viaggio e la pesantezza dei “bagagli” mi indussero a rimanere sul binario 3 della stazione di Bologna e a non recarmi in edicola a comprare i giornali. Quella fu la mia salvezza, sentii un forte boato e vidi in fumo levarsi alto sul primo binario.
    2 agosto 2022 - Roberto Lovattini
  • Citizen science
    Democratizzazione dei dati ambientali per una "comunità monitorante"

    L'inquinamento dell'aria a Roma

    La mappa dei dati rilevati e dei modelli di previsione georeferenziati. Una panoramica degli impatti sulla salute della popolazione. Alcuni strumenti di citizen scienze per la didattica ambientale basata sul'ecologia della vita quotidiana.
    1 luglio 2022 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)