incontro

LORETO 2004 - "Sei tu la Dimora di Dio"

1 settembre 2004

"Sei tu la dimora di Dio" è il titolo del pellegrinaggio organizzato dall'Azione Cattolica a Loreto del 5 settembre a cui parteciperà anche il Santo Padre, oltre a migliaia di pellegrini provenienti da tutta Italia.
Il primo momento "comunitario" è previsto a Fano per la sera del 1 settembre quando, alle 21,30, ci sarà la festa di accoglienza presso l'Anfiteatro Rastatt.

Il momento centrale della permanenza nella diocesi di Fano, è rappresentato invece dalle iniziative di giovedì 2 settembre, diverse a seconda della fascia di età a cui sono indirizzate

Questo pellegrinaggio, aperto a tutti, è per l'Azione Cattolica Italiana un momento importante di rinnovamento interiore; l'AC infatti è una associazione di Laici che ha origini ben consolidate nella storia e nasce dal desiderio di partecipare attivamente alla vita della Chiesa. In passato l'azione Cattolica era vista come il braccio operativo della Chiesa - Gerarchia, oggi il suo ruolo è decisamente diverso e si pone come interfaccia tra laici e istituzioni ecclesiali. Per questo motivo l'incontro di Loreto riveste un ruolo importante per questa realtà Italiana che lavora quotidianamente a servizio della Chiesa.

L'evento avrà il suo culmine nell’incontro con il Santo Padre, Giovanni Paolo II, previsto per il 5 settembre nella piana di Montorso.

La scelta del luogo del pellegrinaggio dell' azione cattolica è semplice: Loreto rappresenta la casa, il luogo della vita quotidiana di Maria. Loreto ci invita ancora una volta ad essere comunicatori di Dio, custodi di una parola incarnata, voci che rompono il silenzio dell’umanità con il messaggio della Buona Novella. Ad attenderci, dopo un cammino lungo un anno, spiegano i giovani di AC, c’è quel “sì” al Padre spalancato sulla famiglia di Nazareth: spazio possibile per una vocazione continua a cui come laici e come associazione siamo tutti chiamati. Giunti dove tutto comincia - alle porte di un mistero e nel contempo in un ambiente semplice fatto di lavoro, famiglia, relazioni sociali - possiamo dunque fermarci e ripartire.

Alle nostre spalle un tratto del percorso di rinnovamento che ha visto tra le tappe più recenti dell'Azione Cattolica lo statuto rinnovato dall’assemblea straordinaria; di fronte a noi un progetto formativo che nella storia e nel significato di Loreto ha il suo cuore pulsante: con il suo battito vogliamo testimoniare il Vangelo nel mondo di oggi, partecipi delle tante iniziative in programma che animeranno i giorni del pellegrinaggio ed il dopo. Un dopo in cui, partendo dalle nostre motivazioni ideali, saremo chiamati a trasferire nel quotidiano la testimonianza concreta di nuovi impegni: rafforzare lo slancio per quella terra di missione che è la vita di ciascuno; costruire giorno per giorno diversi e più stabili legami di solidarietà continuando ad essere scuola di santità laicale. Loreto è l'orizzonte di questa aspettativa ed il respiro grande che dobbiamo imparare insieme. Insieme, dunque, affideremo alle mani di Maria L'AC del terzo millennio e il suo desiderio di continuare a servire la Chiesa Italiana.

Loreto 2004 vede impegnati i giovani di AC sul fronte di un rinnovamento profondo e di una proposta forte di formazione e di servizio che vuole coinvolgere quanti credono nel futuro dell’Azione Cattolica, un'associazione di laici cristiani che ha scelto di camminare insieme per capire meglio il valore del vivere la fede nel mondo; convinti che - anche in questa storia complessa - Dio continui a rendersi presente con il suo amore, vicino a ogni donna e a ogni uomo per condurli verso un'umanità piena e felice. La formazione è stata da sempre il cuore della nostra struttura organizzativa: formazione come esperienza in cui ogni persona cresce nella fede e può fare propri i grandi valori della libertà e della verità; della giustizia e dell’essere solidali. I ragagazzi di AC dichiarano: "Siamo orgogliosi di essere parte di una realtà che ha scelto la strada di una missione costante: tutti insieme, bambini, giovani, adulti e anziani crediamo nel valore di un servizio radicato nelle comunità parrocchiali, aperto a tutti e costantemente orientato all’annuncio. La nostra lunga storia - oltre 130 anni – ci stimola ad un’esperienza fresca e giovane. Consapevoli di voler trasformare nella concretezza del quotidiano quella che l’AC ritiene essere la sua profezia: comunione, interiorità, fraternità, fiducia, passione civile. Con questo spirito, forti di uno statuto rinnovato che ci richiama all’urgenza degli obiettivi già scanditi dal Concilio Vaticano II, ci mettiamo ora in cammino verso l’incontro nazionale di Loreto. Un pellegrinaggio più che un evento, un ideale percorso di conversione verso quel modello di santità laicale che abbiamo scelto e che ha ispirato la vita di un giovane come Alberto Marvelli; del quale il 5 settembre vivremo tutti insieme la beatificazione."

Per maggiori informazioni:
Azione Cattolica Italiana
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)