rappresentazione teatrale

"La storia e la memoria" un reading di Daniele Biacchessi

8 dicembre 2004
ore 22:00 (Durata: 1 ore)

8 dicembre 2004, ore 22
Milano, Centro Sociale Leoncavallo

"La storia e la memoria"
Reading di Daniele Biacchessi

Il giornalista e scrittore Daniele Biacchessi porta in scena una
narrazione incentrata sulla memoria italiana. Attraverso la voce,la
musica e la tecnica del monologo, Daniele Biacchessi riannoda il lungo
filo nero che conduce dalle stragi nazifasciste avvenute in Italia nel
1944 e 1945,alla scoperta del cosiddetto "armadio della vergogna" con i
suoi centinaia di fascicoli rimasti sepolti per anni sugli eccidi a
Sant'Anna di Stazzema, Marzabotto, Fosse Ardeatine. Il racconto
attraversa poi gli anni Sessanta, Settanta e Ottanta con le stragi di
Piazza Fontana e Questura di Milano, Piazza della Loggia di Brescia,
Italicus, Stazione di Bologna, Rapido 904.

"La storia e la memoria" é stato rappresentato in spagnolo dal 19 luglio
al 7 agosto a Cuba, nell'ambito del viaggio di solidarietà di Arci
Metromondo: L'Avana (Parque Almendares e Fragua Martiana), Trinidad (Casa
della Cultura) e Niquero (Teatro Metromondo). In italiano in moltissime
piazze, luoghi storici e simbolici del nostro paese.

Daniele Biacchessi, giornalista e scrittore. Caposervizio di Radio 24-Il
Sole 24 Ore. Ha pubblicato tredici librid'inchiesta. "La fabbrica dei
profumi" (Baldini&Castoldi,1995), "Fausto e Iaio" (Baldini&Castoldi,
1996), "Il caso Sofri" (Editori Riuniti,1998), "L'ambiente negato"
(Editori Riuniti,1999), "10,25 cronaca di una strage" (Gamberetti,
2000), "Il delitto D'Antona" (Mursia, 2001), "Un attimo..vent'anni"
(Pendragon,2001), "Ombre nere" (Mursia, 2002), "Punto
Condor. Ustica, il processo" (Pendragon,2002), "L'ultima bicicletta, il
delitto Biagi" (Mursia, 2003), "Cile 11 settembre 1973" (Franco Angeli,
2003), "Vie di fuga. Storie di clandestini e latitanti" (Mursia
2004), "Roberto Franceschi. Processo di polizia" (Baldini Castoldi Dalai,
2004). E'autore, regista e narratore di teatro civile.

Infoline:

"La storia e la memoria":
Audio e video, live in Bologna
www.retedigreen.com/reading.htm

Conferenze,libri,teatro
www.retedigreen.com/iniziative.htm

I libri
www.retedigreen.com/libridigreen.htm

Le recensioni
www.retedigreen.com/recensioni.htm

Per maggiori informazioni:
Daniele Biacchessi
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)