incontro

Magazzini del Mondo per le mense scolastiche

26 gennaio 2005
ore 17:00 (Durata: 2 ore)

Dal prossimo mese di febbraio saranno inseriti in modo stabile nelle mense scolastiche del Comune della Spezia alcuni prodotti del COMMERCIO EQUO E SOLIDALE, attraverso MAGAZZINI DEL MONDO e il CONSORZIO ALTROMERCATO.

Questa scelta, resa possibile grazie alla collaborazione della CIR-CORAS, l’Azienda che gestisce le mense cittadine, permetterà di aggiungere alle altre importanti caratteristiche qualitative del servizio (come i prodotti biologici, le tradizioni regionali, la stagionalità degli alimenti) un ulteriore elemento di “qualità etica”.

Consumare nella mensa scolastica prodotti importati secondo criteri di rispetto della dignità e dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente della zona di produzione, rappresenta una significativa opportunità di formazione e crescita per i bambini, le famiglie, gli insegnanti oltre che costituire un concreto impegno di solidarietà a favore dei produttori poveri del sud del mondo.

Un mercato più rispettoso delle condizioni di lavoro di chi produce è un mercato che pone le basi per un futuro più solidale tra il nord e il sud del mondo.

Pensiamo che attraverso un’azione formativa diretta, che spieghi in modo semplice ed efficace a tutti gli interlocutori il funzionamento dello scambio di merci, dell’impoverimento dei piccoli produttori di materie prime, del mancato rispetto dei diritti umani, si possa gradualmente formare quella coscienza ad una scelta consapevole per la futura economia “a misura di persona” che tutti auspichiamo.

Per un approfondimento su questa iniziativa e per favorire il più ampio coinvolgimento di tutti i soggetti coinvolti, MAGAZZINI DEL MONDO invita tutti a partecipare ad un incontro che si terrà presso il CENTRO ALLENDE a La Spezia il giorno giovedi 26 gennaio 2005 alle ore 17.00.

Per informazioni: http://www.magazzinidelmondo.it/home.htm

Per maggiori informazioni:
Pino la Rocca
0187 707987
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)