assemblea

Incontro GAS TOSCANI 29 gennaio a Rebeldia PISA

29 gennaio 2005

Sabato 29 Gennaio si terrà a Pisa una riunione dei Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) della Toscana. La riunione, organizzata dal Gruppo di Acquisto solidale di Pisa (GASP) si propone come un momento di scambio di esperienze e di elaborazione collettiva dei temi, dei problemi e delle possibili prospettive che i gruppi di acquisto solidale si trovano attualmente ad affrontare.

Quella dei Gruppi di Acquisto solidale è una realtà che sta coinvolgendo sempre più persone nelle diverse comunità locali: persone che si trovano a rapportarsi sia con i problemi organizzativi "di crescita" che possono derivare dal rapido espandersi di questa modalità di acquisto, sia con la possibilità che questa espansione concede loro di influenzare e modificare le dinamiche di produzione e commercio locale.

Alla riunione parteciperanno sia gli acquirenti che i produttori legati ai GAS toscani, di modo che il confronto reciproco e l'interazione possano aiutare a far crescere i GAS anche come soggetti economici, politici e culturali, indirizzati a praticare e diffondere un modo alternativo complessivo di produrre, consumare e vivere.

I lavori della giornata si divideranno in momenti di discussione assembleare e gruppi di lavoro. I gruppi di lavoro proposti attualmente sono:

Distretti di Economia Solidale e ruolo che i GAS possono svolgere nella nascita di una rete locale di economia alternativa.

Rapporto con le istituzioni: Comuni, provincie, scuole, altri soggetti locali.

Organizzazione dei gruppi e aspetti legali e fiscali per gli acquirenti e i produttori

Parteciperanno ai lavori della giornata:
Maurizio Pascucci ArciToscana - portavoce di "Libera" in Toscana

Francuccio Gesualdi del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano.

Arturo Federico Reti di Kilim

I lavori si svolgeranno dalle 10.00 alle 17.30, presso il Laboratorio delle Disobbedienze Rebeldìa (via Diotisalvi, nei pressi di Ingegneria, http://gasp.versacrum.com/Members/elena/Comearrivare
), che ospita la giornata. Il pranzo per i partecipanti che lo desiderano (e che in questo caso sono pregati di comunicare la loro presenza entro mercoledi' 26) sarà a base di prodotti biologici ed equo-solidali.

Per maggiori informazioni:
Fabrizio Santoro
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)