rappresentazione teatrale

Figlia di un dio burlone

19 febbraio 2005
ore 21:30 (Durata: 2 ore)

19/02/2005 ore: 21.30
Figlia di un dio burlone
- commedia in 2 atti di Anna Mauro -
"Il carrozzone" presenta "Figlia di un dio burlone"
con:
Simonetta Genova (Camilla), Anton Giulio Pandolfo (Il dio burlone), Marilia Chiovaro (la signora dei gerani), Marisa Capone (la maestra di matematica), Rosalia Barravecchia (la maestra Donatella), Valentina Raccuglia, Ilenia Nuccio (le amiche depresse), Marco Bertazzi, Marco Ferrazzi, Maurizio Tusa (il maestro di disegno), Agostina Somma (la semenzara del festino), Irene Ponte (la signora Pennacchio), Manfredi Di Liberto (Pepè), Rita Luca (la direttrice del coro), Maria Teresa Ricotta (la cameriera di casa Pennacchio), Filippo Minneci (l'architetto Vitale), Gino Bonanno (il professore) Melina Licari, Riccardo Raccuglia, Silvana Sardina, Eleonora Contessa, Michele Giacalone, Attilio La Rosa (i coristi), Giuseppe Cinà (Pissipissi), Salvo Rubino (il maniaco).
Cine Teatro Savio (Via G. Ev. di Blasi, 102/B PALERMO) Lo spettacolo verrà replicato Domenica 20/02/2005 alle ore 18:30
Scene: Valentina Raccuglia, Davide Velardi e Marco Ferrazzi
Allestimento: Sonia Reina e Daniele Cacciato
Fonica: Antonio Sposito
Regia: Anna Mauro
Biglietto: Euro 6,50
Spettacolo caleidoscopico di donne in equilibrio sulla giostra dell’esistenza, a volte sull’orlo di una crisi di nervi, a volte rassegnate, non di rado rabbiosamente contrariate dagli scherzi del destino. Stizzite e comiche senza volerlo, tutte traboccanti di energia e voglia di assaporare la vita; invischiate in situazioni assurde ed esilaranti proprio perché assolutamente veritiere. Il mondo femminile viene mostrato senza falsi moralismi così com’è, nell’affascinante diversità che risiede al suo interno e rispetto al mondo maschile: risulta frizzante, variegato. Al di sopra - o al di fuori - di tutto questo, aleggia una figura misteriosa che odiosamente stuzzica e schernisce la donna nella sua vanità, nella sua voglia di pettegolezzo, nei suoi pregiudizi, nell’adesione tutta esteriore a nobili ideali, nel suo credersi furba, nel suo vittimismo … insomma in tutte le sue umane debolezze. Ma ce n’è per tutti: a fare il paio è il suo degno compagno, l’uomo. Una categoria per molti versi sminuita e ridicolizzata. Ma chi è questo crudele censore, questo giudice supremo, che di tutto il genere umano se la ride, se la spassa, si diverte … ? È la personificazione della beffa, del danno; è il crudele burattinaio … il Dio Burlone.
Simonetta Genova

Lo spettacolo fa parte della Prima Rassegna Teatro Musica "Magia d'insieme" Stagione teatrale 2004 2005 - classici siciliani, musical, concerti, opere nuove e inedite.
Un programma vario e per tutti i gusti portato in scena da compagnie che, spinte dalla stessa passione, il teatro, si sono ritrovate magicamente insieme.

Per maggiori informazioni:
ass. il carrozzone
3351274337
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)