seminario

Seminario tematico nazionale Rete di Lilliput

7 maggio 2005

Seminario politico di Rete Lilliput: Potere/Diritti e Limiti/Territorialità i temi per agire gli scenari futuri

“Pianeta Terra 2005: situazioni, connessioni e alternative possibili” è questo il nome che Rete Lilliput ha scelto per il seminario nazionale che si terrà a Montesilvano (Pescara) il 7 e 8 maggio prossimi. L’obiettivo è quello di analizzare il contesto in cui agiscono gli attivisti lillipuziani per definire una visione strategica condivisa e agire sugli scenari futuri.

Il seminario è il punto di arrivo di un lavoro partecipato durato mesi, che ha visto partecipare i nodi territoriali organizzati all’interno delle assemblee macroregionali. Da questa attività sono emerse le aree tematiche Potere/Diritti e Limiti/Territorialità sulle quali sarà impostata la discussione del seminario cercando di rappresentare e distinguere gli ambiti locale e globale.

Nella sessione dedicata a Potere e Diritti si discuterà del potere politico, mediatico, economico, finanziario e militare; della sua distribuzione tra cittadini/istituzioni/imprese, di democrazia e di rapporti nord/sud ma anche dell’accesso e dell’estensione dei diritti, della loro fruibilità; dei beni pubblici e dei beni comuni. Andrea Di Stefano, direttore della rivista Valori, e Giovanni Mazzetti di Attac Italia animeranno la discussione insieme ai lillipuziani Alberto Castagnola, Antonio Tricarico, Deborah Lucchetti e Riccardo Troisi.

La sessione dedicata a Limiti e Territorialità vedrà al centro del dibattito le risorse naturali; lo sviluppo; l’economia e l’ecologia; il tempo e lo spazio ma anche i luoghi; i cicli naturali e produttivi; la cittadinanza attiva e inclusiva; il consumo e il benessere. Alberto Magnaghi del Nuovo Municipio e Walter Canapin, presidente di Greenpeace Italia, stimoleranno il dibattito insieme a Mauro Bonaiuti, Maurizio Pallante, Gabriele Bollini, Andrea Saroldi.

Sul sito di Rete Lilliput è possibile scaricare la locandina con il programma e le informazioni logistiche; il documento con le indicazioni dettagliate su come arrivare e un documento più politico con la proposta di impostazione del seminario.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare Marco Servettini, segretario di Rete Lilliput, al numero telefonico 338/9757397 o via mail inviando un messaggio all'indirizzo segreteria@retelilliput.org .

Programma

PIANETA TERRA 2005: SITUAZIONI, CONNESSIONI E ALTERNATIVE POSSIBILI

Seminario intertematico della Rete Lilliput
MONTESILVANO (PESCARA) - 7 e 8 maggio 2005

sabato 7 maggio
ore 10.00 - Accoglienza
ore 11.00 - Presentazione del seminario: Percorso, temi, modalità di lavoro
ore 13.00 - Pranzo
ore 14.00 - Dibattito con i relatori, per aree tematiche:

Potere e Diritti (focus sul globale)
ANDREA DI STEFANO (Direttore della rivista "Valori")
GIOVANNI MAZZETTI (ATTAC Italia)
discussant: Alberto Castagnola, Antonio Tricarico, Deborah Lucchetti, Riccardo Troisi

Limiti e Territorialità (focus sul locale)
WALTER GANAPINI (Presidente di Greenpeace Italia)
ALBERTO MAGNAGHI (Univ. di Firenze, Rete Nuovi Municipi)
discussant: Mauro Bonaiuti, Maurizio Pallante, Gabriele Bollini, Andrea Saroldi

ore 17.30 - Prima sessione dei lavori di gruppo, con relatori e discussant:
L'approfondimento delle aree tematiche
ore 20.00 - Cena
ore 21.30 - Festa e musica etnica, a cura della SCUOLA DI PERCUSSIONI BAOBAB

domenica 8 maggio
ore 9.00 - Seconda sessione dei lavori di gruppo, con relatori e discussant:
L'analisi delle interconnessioni
ore 11.00 - Assemblea plenaria di discussione e ratifica delle tesi convergenti:
Quale visione strategica condivisa?
ore 13.00 – Pranzo e termine dei lavori

Per maggiori informazioni:
Marco Servettini - Segreteria Rete di Lilliput
338.9757397
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Alex Zanotelli
    Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

    Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

    "Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
    23 gennaio 2021 - Antimafia Duemila
  • Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
  • Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)